Piombo etilenglicole tetraetile | Avvelenanti sostituti dell'alcol e liquidi tecnici | Medicina legale
Pagine: 1 2 3 4

Avvelenamento con sostituti dell'alcool e liquidi tecnici

Il glicole etilenico è un alcool diidrico ed è ampiamente usato come uno dei componenti principali di antigelo e liquidi per freni. Per combattere la formazione di ghiaccio viene utilizzato sotto forma di soluzione acquosa al 55% (antigelo B2).

L'intossicazione acuta da glicole etilenico si verifica quando viene ingerita come surrogato di alcol. La mortalità in avvelenamento grave raggiunge il 90-100%. Per la natura dell'azione sul corpo, il glicole etilenico è un veleno neurovascolare e protoplasmatico. Durante il corso di avvelenamento, ci sono diversi periodi - fenomeni cerebrali latenti e lesioni renali-epatiche. Dopo l'assunzione di glicole etilenico, si verifica lieve intossicazione. Quindi sviluppa sintomi di danno al sistema nervoso centrale e ai reni, debolezza generale, mal di testa, nausea , vomito , dolore addominale, convulsioni, perdita di conoscenza. In avvelenamento grave, la morte si verifica il giorno 1-3. Dose letale - 150 g e oltre.

La tossicità del glicole etilenico è associata alla rapida formazione di prodotti intermedi metabolici (glicolaldeide, gliossale, ecc.). La morte si verifica nella maggior parte dei casi a causa dello sviluppo di insufficienza renale acuta. In tali casi, l'autopsia dei morti ha rivelato cambiamenti caratteristici nei reni e nel fegato. Si nota un aumento delle dimensioni e della massa dei reni (fino a 600 g), la distrofia idropica dell'epitelio dei tubuli contorti dei reni, la nefrosi necrotica con emorragie focali, la nefrosi corticale bilaterale e i cristalli di ossalato.

Il fegato è ingrandito, la sua massa raggiunge 2200-2400 g, sui tagli il fegato ha un aspetto "moscato", in cui si esprimono la degenerazione centrolobolare e la necrosi.

Il piombo tetraetile (TPP) è un composto di piombo organico. È un liquido oleoso volatile che evapora facilmente. Incluso nella quantità di 54-58% nella composizione di vari liquidi che vengono aggiunti come antidetonanti a benzina a basso numero di ottano. Il TPP evapora facilmente anche a temperature inferiori a 0 ° C. Le coppie sono molto più pesanti dell'aria, e quindi si accumulano nelle parti inferiori delle stanze. È ben sciolto in grassi, lipidi, solventi organici.

L'avvelenamento acuto delle centrali termiche si verifica quando l'uso errato di benzina al piombo all'interno; inalazione dei suoi vapori (quando si usano liquidi contenenti centrali termiche come solvente per vernici, per lavarsi le mani, per pulire i panni, ecc.); come risultato dell'assorbimento di TPP attraverso la pelle intatta. Possibile avvelenamento da gas di scarico di veicoli che funzionano a benzina con piombo, nonché fumi quando si lavano le parti calde di un motore di un'auto con benzina al piombo per pulirlo. Recentemente, a causa della parziale sostituzione dei TPP con altri anti-knocker meno tossici, il numero di avvelenamenti con loro è diminuito significativamente.

In avvelenamento orale con fluido etilico, la dose letale è 10-15 ml. Avvelenamento grave da inalazione di vapore può verificarsi anche nei casi di concentrazioni massime ammissibili - MAC (0,005 mg / m 3 ). Il TPP e i suoi prodotti metabolici possono rimanere a lungo nel corpo (fino a 3 mesi). L'escrezione si verifica con le urine e le feci .

L'avvelenamento è caratterizzato da una lesione complessa del sistema nervoso centrale.

All'autopsia di coloro che sono morti per avvelenamento acuto del TPP, i cambiamenti morfologici si trovano principalmente nelle formazioni strutturali del sistema nervoso centrale. Si notano cambiamenti distrofici e necrobiotici nelle cellule nervose della collinetta visiva, nella regione ipotalamica e nella corteccia cerebrale. Quando esaminati con un microscopio, il cervello e le sue membrane sono a sangue freddo, moderatamente gonfio. In altri organi interni, l'immagine di pletora congestizia, cambiamenti distrofici, con decorso prolungato sviluppa polmonite emorragica catarrale.