Medicina sportiva

§ 3. Il concetto di medicina dello sport

Cos'è la medicina dello sport, qual è il suo ruolo tra le altre discipline mediche, qual è il suo contenuto e i suoi obiettivi?

Abbiamo già risposto alla prima domanda: la medicina dello sport fa parte della medicina clinica. Ha i suoi contenuti e compiti chiaramente definiti, distinti dalle altre discipline, in particolare dalla fisiologia.

Una delle sezioni principali della medicina sportiva è il controllo medico, che è, in sostanza, la supervisione medica delle persone impegnate nella cultura fisica e nello sport.

I compiti del controllo medico comprendono la determinazione dello stato di salute, lo sviluppo fisico e lo stato funzionale dei sistemi e degli organi delle persone impegnate in esercizi fisici, e l'osservazione dei loro cambiamenti sotto l'influenza dell'educazione fisica e dello sport al fine di studiare sia gli effetti positivi di questi esercizi sia il possibile negativo con irrazionale la loro applicazione.

Dopo aver determinato lo stato di salute e lo sviluppo fisico, il compito più importante del monitoraggio medico è valutare lo stato funzionale dell'atleta, cioè determinare l'idoneità. La soluzione corretta di questo problema è di fondamentale importanza, dal momento che consente non solo di studiare l'effetto degli esercizi fisici sul corpo, ma anche scientificamente-medica indica la via per i record.

La soluzione di questo problema è un collegamento importante nello studio di questioni di teoria, metodi e tecniche dello sport.

Aiuta il medico, l'istruttore e l'atleta a identificare modi razionali per migliorare la sportività.

Le osservazioni fisiche e pedagogiche, cioè la ricerca condotta da un medico insieme a un formatore direttamente presso i siti di allenamento e competizione, sono anche essenziali per risolvere questo problema. Queste osservazioni svolgono spesso un ruolo decisivo nell'individuazione del processo di formazione e nella sua corretta pianificazione.

Questa sezione del controllo medico viene continuamente migliorata e sviluppata. Si stanno sviluppando metodi di ricerca nuovi, più sottili e accurati, si migliorano i vecchi metodi di ricerca dello stato funzionale del corpo dell'atleta, si stanno conducendo studi integrati più ampi, ecc.

Allo stesso tempo, nella medicina sportiva si sta sviluppando, soprattutto negli ultimi tempi, un'area il cui compito è quello di studiare i possibili effetti negativi dell'attività fisica durante il suo uso irrazionale. Stiamo parlando di malattie e lesioni di vari organi e sistemi del corpo, derivanti da un esercizio eccessivo o irrazionale.

In precedenza, solo le lesioni sportive venivano studiate in questa direzione. Ora, dati i carichi di allenamento sempre crescenti che a volte sono sull'orlo del sovraccarico, è importante studiare anche le condizioni e le patologie prepatologiche negli atleti che possono verificarsi durante il sovraccarico fisico.

Quindi, la medicina sportiva pone i seguenti compiti:
1) determinazione dello stato di salute e sviluppo fisico e osservazione dei loro cambiamenti sotto l'influenza della cultura fisica e dello sport;
2) determinare il livello di fitness, o meglio, lo stato funzionale e i suoi cambiamenti;
3) diagnosi e trattamento di infortuni sportivi, malattie e lesioni negli atleti e sviluppo di misure per prevenirli;
4) miglioramento dei vecchi e sviluppo di nuovi metodi di ricerca per una valutazione più accurata della salute e dello stato funzionale, nonché per la diagnosi precoce e il trattamento tempestivo di vari disturbi della salute legati alla cultura fisica e allo sport, cioè lo sviluppo della diagnostica funzionale;
5) la soluzione dei problemi nutrizionali e il supporto sanitario e igienico dei siti di allenamento e competizione (queste domande sono delineate nel corso dell'igiene).

Tutte queste attività sono svolte da un medico sportivo. Come si evince da quanto detto sopra, affronta compiti diagnostici ampi e complessi che richiedono, da un lato, elevate qualifiche mediche e, dall'altro, una chiara conoscenza delle caratteristiche di varie specializzazioni sportive alla luce delle specifiche esigenze che pongono sul corpo dell'atleta.

I modi principali per risolvere questi compiti complessi sono i seguenti:
1. La diagnosi "sana", che un medico sportivo deve fare prima di ammettere lo sport, a volte è più difficile della diagnosi di qualsiasi malattia. Dopotutto, un atleta deve essere una persona completamente sana, ma per determinarlo bisogna essere ben consapevoli delle manifestazioni di certe malattie. Quindi, ad esempio, è impossibile affermare che una determinata persona ha un cuore sano, non sapendo quali sintomi ci sono quando ha un cuore dolorante.

Diverse anomalie della salute, che non svolgono un ruolo significativo per le persone che non sono coinvolte nello sport e non impediscono loro di svolgere un normale lavoro professionale, con un atleta di moderna intensità di allenamento possono trasformarsi in una malattia terribile, a volte causa di invalidità e persino morte da sovraccarico fisico.

Pertanto, il termine "praticamente sano" è ampiamente utilizzato da persone che non sono coinvolte nello sport e indica che la malattia della persona non gli impedisce di svolgere le sue solite attività professionali (ad esempio, malattie cardiache o bronchite cronica nel ragioniere o designer, ecc.) d.), non può essere utilizzato per un atleta, in quanto non dovrebbe avere deviazioni nello stato di salute. Le persone in buona salute dovrebbero raccomandare le occupazioni migliorando l'allenamento fisico.

Inoltre, è molto importante sapere che la buona salute, che a volte gli atleti e gli allenatori considerano la cosa principale nella valutazione dello stato di salute, non può essere il criterio principale per tale valutazione. Nonostante il fatto che una buona salute sia sempre accompagnata da una buona salute, puoi stare bene in un momento in cui il corpo ha già segni della malattia.

Va tenuto presente che anche i record di impostazione non indicano sempre un buono stato di salute. Ci possono essere casi di stabilire un record nello sport da parte di un atleta che non è completamente sano. Il fatto è che il corpo umano possiede enormi capacità compensatorie e i meccanismi per compensare i difetti che si manifestano durante la malattia sono molto grandi. Ciò rende possibile, a causa del sovraccarico di altri organi e della sovratensione dei meccanismi di compensazione, mascherare il difetto nello stato di salute. Tuttavia, le capacità compensative del corpo non sono infinite. Sono inevitabilmente esauriti e più velocemente, più intensamente vengono utilizzati.

Pertanto, è impossibile considerare una persona completamente sana solo per il fatto che si sente bene e imposta record. Al fine di stabilire obiettivamente il vero stato di salute, è necessaria una visita medica approfondita.

2. Definizione e corretta valutazione da parte di un medico sportivo dello stato funzionale del corpo dell'atleta, o stato di forma fisica, è complicata ogni anno. Ciò è dovuto al fatto che la continua crescita dei risultati sportivi, l'aumento del volume e l'intensità dei carichi di allenamento modificano in modo significativo lo stato funzionale del corpo. Spesso, i criteri che sembravano precedentemente incrollabili si dimostrano insostenibili nel risolvere le domande poste dalla vita di oggi.

Determinare lo stato funzionale del corpo di persone di età e condizioni di salute diverse, che sono ampiamente coinvolte nell'esercizio fisico, non è un compito facile a causa della mancanza di criteri sufficientemente oggettivi per la loro valutazione.

Inoltre, una differenza significativa nel livello delle funzioni vegetative tra gli atleti di diverse specializzazioni sta diventando sempre più evidente. Ciò significa che per ottenere risultati elevati non è necessario il livello altrettanto elevato dello stato funzionale di tutti i sistemi e gli organi di tutti gli atleti, senza eccezioni. Questi livelli possono essere diversi, così come le caratteristiche morfologiche, a seconda della sua specifica specializzazione sportiva.

Ora è ovvio che ogni atleta è caratterizzato da una propria armonia di sviluppo (morfologica e funzionale), specifica per questo sport, a seconda della direzione del processo di allenamento.

In effetti, non è la stessa per quanto riguarda la morfologia e la funzione, ad esempio, un sollevatore di pesi pesanti e una ginnasta, un pusher di un nucleo e un nuotatore, un giocatore di pallacanestro e un pattinatore. I rappresentanti di ciascuno di questi sport hanno le proprie, intrinseche caratteristiche sia nella struttura del corpo che nelle sue funzioni, che sono significativamente differenti e determinano le specifiche caratteristiche di armonia di uno sport particolare.
3. La diagnosi e il trattamento degli infortuni sportivi, così come le malattie e gli infortuni durante lo sport sono uno dei compiti importanti e difficili di un medico sportivo, in quanto hanno determinate caratteristiche specifiche. Questa sezione fa riferimento alla cosiddetta patologia privata, cioè lo studio delle malattie umane.

Va sottolineato che lo sport non è e non può essere la causa della malattia. Tuttavia, gli atleti si ammalano ancora e soprattutto perché, come tutte le persone, sono esposti a vari effetti dannosi dell'ambiente esterno. Possono essere malati di varie malattie infettive e di altro tipo. È vero, sono malati meno spesso e soffrono le malattie più facilmente delle persone che non sono coinvolte nello sport. Inoltre, nel caso di esercizi fisici irrazionali che causano sovraccarico fisico ed emotivo, si creano le condizioni per l'insorgenza di malattie acute e croniche, nonché di lesioni sportive.

Ecco perché il formatore e l'insegnante devono avere una chiara comprensione delle principali manifestazioni, l'essenza e il significato di queste condizioni patologiche, poiché per molti aspetti il ​​verificarsi di lesioni, malattie e danni, così come la loro prevenzione, dipende dalle azioni del formatore o dell'insegnante.
4. Lo sviluppo di metodi di ricerca funzionale assicura la corretta soluzione dei primi tre compiti di controllo medico. Il formatore e l'insegnante dovrebbero conoscere i metodi di ricerca utilizzati dal medico sportivo, in primo luogo per avere un'idea chiara delle possibilità che ha. Allo stesso tempo, un istruttore e un insegnante possono utilizzare vari metodi di ricerca per risolvere questioni puramente metodiche dell'allenamento sportivo.

Questo è il contenuto principale del corso di controllo medico con le basi della patologia privata.

Questo libro di testo comprende anche la cultura fisica medica - una disciplina medica che studia l'uso di esercizi fisici per il trattamento di vari pazienti.

Il formatore e l'insegnante dovrebbero essere in grado di utilizzare esercizi fisici e per scopi medici. Per fare un uso razionale della cultura fisica terapeutica, è necessario conoscere la natura e la manifestazione di malattie per le quali è possibile il suo utilizzo (questo è descritto nelle basi della patologia privata nella sezione "Controllo medico").

L'inclusione del massaggio sportivo in questo libro di testo è dovuta al fatto che negli sport moderni l'uso del massaggio è assolutamente necessario. Pertanto, ogni insegnante o formatore, indipendentemente dalla sua specializzazione sportiva, deve conoscere le basi del massaggio sportivo, i principi di base della sua applicazione e delle sue tecniche. Qualsiasi atleta, e ancor più un istruttore e un insegnante, dovrebbe non solo padroneggiare le tecniche del massaggio e dell'auto-massaggio, ma anche comprendere chiaramente i meccanismi di azione sul corpo. Il massaggio sportivo contribuisce alla conservazione del fitness, aumenta le prestazioni di un atleta, aiuta a eliminare rapidamente la fatica dopo l'esercizio.

Pertanto, è ovvio quanto sia importante la medicina nella formazione di un atleta e nello sviluppo di un sistema di addestramento scientificamente fondato.

Non sarebbe un'esagerazione affermare che senza conoscere le basi della medicina dello sport, un certo livello di cultura medica acquisita da un insegnante e da un insegnante quando si padroneggia il corso descritto in questo libro di testo, non c'è e non può essere un lavoro di successo con gli atleti, una crescita delle prestazioni atletiche basata sul miglioramento della salute dell'atleta. .