Psico-igiene legata all'età | psichiatria
Pagine: 1 2 3

Psico-igiene legata all'età

Nella vita umana ci sono periodi di età, che rappresentano un numero maggiore di problemi per la psichiatria. È l'era della crescita dell'organismo e lo sviluppo della sfera mentale e della tarda età con i suoi processi di ristrutturazione biologica e psicologica.

È consuetudine individuare i seguenti periodi di età.

Infanzia - fino a 1 anno
Infanzia - fino a 12 anni
Adolescenza (adolescenza) - da 12 a 16 anni
Gioventù - da 16 a 22 anni
Maturità - da 22 a 50 anni inclusi
Sviluppo inverso -51-70 anni
Vecchiaia - oltre 70 anni
Attualmente, c'è una tendenza ad allargare i confini dell'adolescenza a 17, 18 e anche a 20 anni, cioè a considerare gli adolescenti uno stadio di transizione tra l'infanzia con la sua completa dipendenza da anziani e adulti con la sua capacità di vivere in modo indipendente, riprodurre e crescere prole.

I compiti di igiene mentale in relazione a bambini, adolescenti e adolescenti possono essere risolti solo sulla base della conoscenza dei modelli di crescita e sviluppo dell'organismo, delle caratteristiche anatomiche e fisiologiche legate all'età di una persona. La maturazione della psiche passa attraverso una serie di fasi, ognuna delle quali ha le sue caratteristiche distintive. Le fasi più importanti nello sviluppo della psiche sono le seguenti:
1 ° - motore - fino a 1 anno
2o - sensorimotor - fino a 3 anni
3o - affettivo - da 3 a 12 anni
4o - ideatorny - da 12 a 14-16 anni
C'è un'artificialità nel distinguere le fasi e limitarle nel tempo, poiché la psiche umana si sviluppa olisticamente, in tutte le sue sfere. Tuttavia, in accordo con i dati della psicologia domestica, il contenuto principale dello sviluppo mentale è il cambiamento nella struttura funzionale della coscienza, la sua ristrutturazione in ogni fase dell'ontogenesi. Allo stesso tempo, qualsiasi processo mentale prende la posizione dominante. La designazione delle fasi enfatizza il livello di maturità della psiche, le sue nuove qualità più tipiche raggiunte da una certa età. Questo deve essere preso in considerazione per creare condizioni ottimali per lo sviluppo della psiche e la formazione della personalità.

Nell'organizzare la psicoprofilassi è necessario tenere in considerazione: 1) le caratteristiche dell'età della psiche; 2) la natura discontinua irregolare dello sviluppo mentale; 3) il fatto di uno sviluppo mentale più rapido nei primi anni di vita; 4) caratteristiche tipologiche della risposta mentale dei bambini. Nel corso dello sviluppo, il programma ereditato viene implementato nelle condizioni dell'influenza dell'ambiente esterno, che può essere frenato, migliorato o modificato in varie fasi. Il compito della psico-igiene e della psico-profilassi è di rendere queste influenze il più appropriate possibile nelle generazioni del programma ereditario.

Problemi della prima infanzia e della salute mentale
Un bambino nasce con un certo insieme di istinti e reazioni incondizionate-riflesse a stimoli vitali: fame, dolore, ecc. Sulla base di queste reazioni, vengono creati i riflessi condizionati che costituiscono la base di tutta l'attività mentale degli adulti. Da tre a quattro mesi inizia l'attività a tutti gli effetti di tutti i sensi e i movimenti che non sono propositivi prima assumono il carattere di risposte opportune agli stimoli degli analizzatori. Il bambino si stanca rapidamente, dorme molto, il che lo protegge dal sovraccarico di impressioni. Tuttavia, in un ambiente che è povero di influenze esterne, non può esserci sviluppo completo. Recentemente, la domanda sul ruolo del contatto con la madre per lo sviluppo della psiche del bambino ha attirato un'attenzione particolare. È stato suggerito che una madre è necessaria per un bambino, non solo perché lo fornisce con il latte materno, ma anche come fonte di stimoli vitali.

All'inizio di questo secolo, quasi il 100% della mortalità infantile nei rifugi americani ha attirato un'attenzione particolare. Isolati dalla madre, i bambini divennero apatici, smisero di mangiare e dormire, persero peso, si indebolirono. I bambini guarirono se furono presto restituiti alle loro madri. Si è constatato che la privazione del contatto con la madre lascia la traccia più profonda, se cade nei primi giorni, mesi o anni di vita. Questi bambini, che in seguito vivevano in una relazione amorevole e amorevole con loro, mostravano già segni di infantilismo mentale, reazione aggressiva, impulsività nelle azioni, mancanza di iniziativa, avevano rotto i rapporti con le altre persone. Cambiamenti simili sono stati trovati in cuccioli di scimmia cresciuti in isolamento, senza madre. Questi animali si indebolirono, sembrarono ottusi, temuti, provarono attacchi di rabbia o auto-tortura. Se tali femmine avessero figli, non potevano osservare le forme materne di comportamento; hanno mostrato aggressività verso i loro giovani, alcuni li hanno torturati a morte.

Questi e altri esperimenti su animali, le osservazioni sullo sviluppo dei bambini hanno dimostrato che i comportamenti e i meccanismi successivi che determinano la relazione tra individui della stessa specie e le peculiarità delle relazioni familiari nell'uomo, si basano sull'esperienza acquisita molto presto, immediatamente dopo la nascita. L'elemento centrale di questo processo è il sentimento di amore, affetto per la madre, che viene poi trasferito ad altre persone e in un lontano futuro determina l'atteggiamento nei confronti dei propri figli. Se questo collegamento nell'educazione cade, il processo dello sviluppo mentale del bambino diventa distorto.