Un selenio così pericoloso e così utile | Corretta alimentazione

Un selenio così pericoloso e così utile

Per molti anni, il selenio era considerato veleno. Lui è in realtà! Ma ovviamente solo in certe dosi. Questa è la difficoltà principale: un po 'di più è dannoso, un po' meno è anche male. E questi "piccoli" sono così piccoli! Per la salute, abbiamo bisogno di ricevere quotidianamente 0,00001 g di selenio. Nel nostro corpo sono solo 0,2 parti per 1 milione.

La tossicità del selenio fu scoperta nel 1933, quando fu notato che il grano proveniente da campi ricchi di questo minerale agisce come velenoso per il bestiame. Già 1 mg per 1 kg di peso del bestiame provoca segni di avvelenamento, e ad alte dosi il bestiame è malato e si sviluppa in modo errato. Anche i polli si schiudono poco dalle uova, i cavalli diventano ciechi e il pollame muore quando il selenio è normale a 3 ppm.

E improvvisamente, negli anni '60, è sorto un boom entusiasta di questo microelemento: niente selenio senza salute! Il selenio insieme alla vitamina E salva il cuore! Il selenio prolunga la giovinezza! Il selenio ci salverà dal cancro! La scoperta del selenio come fattore di salute è un punto di svolta nella medicina e nell'allevamento del bestiame!

Ad esempio, in Nuova Zelanda e Turchia, c'è una grande carenza di questo elemento nel suolo. Lì si scoprì che l'improvvisa e misteriosa morte improvvisa di bambini (e pulcini di piccioni), soprattutto maschi, era causata proprio dalla mancanza di selenio.

In Scozia, dove il selenio è troppo basso, ai vitelli appena nati viene somministrata un'iniezione di sale di selenio immediatamente dopo la nascita, oppure entro poche settimane ricevono piccole dosi di questo elemento. La vitamina E ha un effetto simile, anche se un po 'peggiore.

Ma un eccesso di selenio è dannoso. In Colombia, in aree con un alto contenuto di selenio, le persone perdono capelli e unghie; la malattia è chiamata "selenosi" (selenosi). Gli animali mostrano anche sintomi tipici di questa malattia, tra cui malattie del tratto gastrointestinale, perdita dei denti, infiammazione delle gengive, pelle, danni alle estremità e perdita di capelli.

Il selenio è un elemento estremamente curioso. È usato nella fabbricazione del vetro in modo che sia cristallino. Fa parte della fotocellula. Sotto l'azione della luce, il selenio riceve cariche elettriche abbastanza stabili, che viene utilizzato, ad esempio, nella xerografia su piastre di selenio.

In verità, abbiamo bisogno solo di "tracce" di selenio. Tuttavia, più accuratamente viene elaborato il terreno , più perdiamo questo elemento. Il selenio viene lavato via dall'acqua (e alla fine portato al mare), trasportato dal vento, e sta diventando sempre meno. È interessante notare che alcune piante hanno la capacità di accumulare selenio in sé stessi, a volte anche in eccesso, come la pianta tropicale Neptunia amplexicaulis, in cui sono stati determinati fino a 4 g di selenio per 1 kg di peso secco. Fortunatamente, ci sono anche piante in cui il selenio è tanto quanto serve.

In generale, si può dire che non c'è cibo completamente privo di selenio, contiene sempre almeno le sue "tracce".