Linfoma del Dr. Burkit | Corretta alimentazione
Pagine: 1 2

Linfoma del Dr. Burkit

Il Dr. Burkit, che fu inviato in Africa dai militari alla fine della guerra, rimase lì e lavorò come medico in Uganda per molti altri anni. Si trovava di fronte con una malattia maligna incurabile di bambini, simile alla leucemia, che si manifestava con tumori delle mascelle, dei reni e della cavità addominale. Il dottore ha dedicato molti anni alla ricerca, fino a quando ha scoperto che si tratta di un tumore del sistema linforeticolare. Da allora, è stato chiamato linfoma Burkit. Questa malattia, così comune in Uganda, era quasi sconosciuta in Sudafrica.

Per mappare la diffusione della malattia, il dott. Burkit ha viaggiato in auto per 15 mila chilometri attraverso l'Africa. E ho scoperto che il linfoma si verifica solo dove la temperatura non scende mai sotto i 15 ° C e le precipitazioni non superano i 75 mm all'anno. Ha concluso che il virus che causa questo tipo di cancro è molto probabilmente trasmesso da qualche insetto che vive solo a questa temperatura e questa quantità di precipitazioni. Per questa scoperta, il Dr. Burkit ha ricevuto il più alto riconoscimento nel campo della medicina negli Stati Uniti d'America. Ma non si è limitato a fare ricerche sulla malattia, ma ha suggerito un rimedio chimico che gli consenta di rallentare lo sviluppo di questa malattia. La scoperta e la ricompensa portarono fama diffusa al Dr. Burkit, mentre la scoperta del Dr. Cleve fu ignorata.

Nel 1966, il dott. Burkit ritornò in Inghilterra e, quasi per caso, con amici comuni, incontrò la dottoressa Cleave. Condivideva la sua ricerca filosofica e pratica con lui e i medici hanno iniziato a riflettere insieme sul motivo per cui la popolazione africana non soffre o quasi non soffre di quelle malattie che colpiscono fatalmente gli abitanti dei paesi altamente industrializzati.

Mentre era in Africa, il dott. Burkit creò, per lo più tra i missionari, qualcosa come una rete di lavoratori corrispondenti che gli mandarono le loro osservazioni sul linfoma. Ora questi contatti sono stati ripresi. I questionari sono stati compilati per rispondere alle domande poste dal Dr. Clive. Vale a dire: la nutrizione ha davvero un impatto così grande sulla salute come dovrebbe essere? Malattie come appendicite, volvolo, ulcere gastriche , polipi , emorroidi, ecc. Si manifestano spesso in Africa? Burkit ha anche raccolto ulteriori informazioni da vari ospedali in India e negli Stati Uniti d'America. Per 5 anni, i dati sono stati ottenuti da 200 ospedali in 20 stati. La conclusione è stata chiara: tutte le malattie del nostro tempo - "le malattie della civiltà" - sono insolitamente rare tra la popolazione dei paesi che non hanno ancora sviluppato paesi industrializzati che preservano le vecchie tradizioni e abitudini alimentari.

Ad esempio, in un ospedale nell'Africa meridionale con 2.500 posti letto per 13 anni, sono stati registrati solo 3 pazienti con tumori intestinali. Nelle zone rurali dell'Africa orientale, il cancro del retto rappresenta l'1,1% di tutti i casi di cancro, mentre nell'Europa occidentale quasi il 15%. La diverticolosi (volvolo) dell'intestino, che colpisce ogni quinto abitante degli Stati Uniti d'America dopo 40 anni, è quasi sconosciuta in Africa. In 25 ospedali africani intervistati, le operazioni di appendicite sono state eseguite non più di 3 volte l'anno. Quattro chirurghi che lavorano in questi ospedali non hanno operato di appendicite per 30, 28, 18 e 17 anni. Ciò che è ancora più interessante: con la diffusione delle abitudini alimentari europee tra i residenti locali, il numero di "infiammazioni del cieco" (appendicite) è aumentato immediatamente. In Uganda, dal 1952 al 1969, ci sono stati 20 casi in più di questo tipo (dati dall'ospedale Muli di Kampala). In uno degli ospedali del Ghana, il loro numero è aumentato da 10 all'anno negli anni '40 a 145 nel 1965. Tra la popolazione nera di New Orleans (Stati Uniti d'America), i casi di appendicite nel 1930 erano 4 volte inferiori rispetto ai bianchi popolazione, ma nel 1950 - già solo 2 volte.

Malattie causate dal batterio coli, quasi mai incontrate prima della guerra tra i giapponesi. Ma da quando le abitudini alimentari americane hanno cominciato a penetrare gradualmente, queste malattie sono apparse. Coloro che sono emigrati nelle Hawaii e in California per una generazione iniziano a soffrire delle malattie di cui soffrono le popolazioni locali.