Cos'è la vitamina E? | Corretta alimentazione

Cos'è la vitamina E?

La vitamina E può essere trovata in molti alimenti, per esempio in tutte le verdure a foglia, in grani (non raffinati!), In oli vegetali, ma, sfortunatamente, in piccolissime quantità.

L'alfa-tocoferolo delle verdure fresche ha la più alta attività biologica. Gli studi hanno dimostrato che nelle verdure surgelate o in scatola è molto più piccolo. Nei piselli freschi, per esempio, 100 g contengono lo 0,55% di vitamina E, congelato - 0,25%, in scatola - solo lo 0,02%. In altre parole, ci sono 27 volte più vitamina nei piselli freschi rispetto a quelli in scatola.

Diamo dati sul contenuto di vitamina E nelle foglie di varie piante e alcune verdure:

Verdure e foglie
1 sterlina
Tocoferolo alfa
ME
Foglie di ortica
Foglie di menta
Foglie di carota
Foglie di tarassaco
Foglie di nasturzio
asparagi
broccoli
Foglie di sedano
98,2
33.8
20.3
17
17
17
13.6
4.8

Queste non sono fonti così ricche. E i nostri soliti ortaggi - cetrioli, carote, cipolle, patate o ravanelli - difficilmente possono essere considerati ricchi di sale di conservazione della vitamina E. Solo spinaci o broccoli potrebbero essere buone fonti di tocoferolo se li mangiamo spesso, molto e ... non gelato!

C'è molto tocoferolo nel grano intero e non raffinato, ma è quasi assente nella farina raffinata, quindi né il pane bianco, né i maccheroni, né le torte, ecc. Contengono vitamina E.

Anche con gli oli vegetali, tutto non è così semplice. Sebbene contengano vitamina E, aumentano contemporaneamente il bisogno del corpo per questo. Gli oli vegetali, come abbiamo già detto, contengono acidi grassi insaturi, molti dei quali sono necessari per l'uomo per la normale crescita e la salute generale. Tuttavia, nel processo della loro ossidazione, vengono rilasciati i cosiddetti radicali liberi, che con un'energia inaudita si fanno strada attraverso le cellule, causando enormi danni al corpo. Questa è solo un'ipotesi, che molti scienziati stanno cercando di spiegare il processo di invecchiamento e la genesi di alcuni tumori maligni. È qui che entra in azione la vitamina E che fornisce protezione biochimica dall'ossidazione eccessiva e impedisce la formazione di radicali liberi. Ma ... quanto ci vorrà per questa vitamina E?

Da oli vegetali raffinati, solo il cotone (dai semi di cotone) contiene una quantità sufficiente di vitamina E. In girasole, mais, soia, è troppo poco. L'olio di semi di soia è semplicemente povero in questa vitamina, e infatti fa parte di molti prodotti, come la maionese, la margarina.

In tutto il mondo, le persone stanno passando a mangiare oli vegetali perché i grassi animali contengono colesterolo . E giustamente. Se non si dimentica che gli oli vegetali aumentano il fabbisogno di tocoferolo del corpo e quasi non glielo danno. Spesso, questo spiega molti dei nostri disturbi causati da una carenza di vitamina E.

Quando hanno cercato di determinare la quantità di vitamina E contenuta nella razione giornaliera dei lavoratori presso i National Institutes of Health negli Stati Uniti, si è scoperto - questa è l'ironia del destino! - che in totale non era più di 13,4 ME.

Il menu di una persona moderna anche con una dieta equilibrata non fornisce abbastanza di questa vitamina. E quindi, sempre più spesso nutrizionisti e medici raccomandano di integrare la nostra dieta con cibi ricchi di vitamina E, come grano o crusca germogliato. Molto spesso questo non è abbastanza. Quindi devi prenderlo in capsule.

Il tocoferolo si trova solo nelle piante. Gli animali non lo sintetizzano. Di seguito sono riportati i prodotti che contengono questa preziosa sostanza:

prodotti Vitamina E
Grano germogliato
mais
orzo
Avena, farina d'avena
segale
Farina di grano 0-70%
Farina di grano 0-80%
Pane nero
Olio di grano germogliato
Olio di mais
Olio di soia
Olio di lino
strutto
Pisello (maturo)
Pane bianco
Uova sode
L'olio
formaggio
Latte fresco, 2,5% di grassi
Piselli
insalata
Fagioli bianchi
prezzemolo
carote
patate
27
10
3,2-5,2
2,1-3,25
2,2-3,5
1.7
2.7
2.1
320
250
92-120
23
0
8
1.4
3.0
2,1-0,6
0.3-0.6
0.02
5,5-6,4
8
4
5.5
1.5
0.1

La quantità di vitamina E viene solitamente somministrata non in milligrammi, ma in unità internazionali (ME). In pratica, è generalmente accettato che 1 ME di vitamina E sia 1 mg, ma per calcoli più accurati, si presume che il suo 100 mg sia 136-149 ME.

Si ritiene che una persona sana abbia bisogno di 15-30 mg di vitamina E al giorno, ma molti medici e nutrizionisti ritengono che questa percentuale sia bassa.

Il tocoferolo è insolubile in acqua, ma solubile nei grassi. È resistente agli acidi, agli alcali e alle alte temperature. La normale ebollizione su di lui quasi non funziona. Ma luce, ossigeno, raggi ultravioletti o ossidanti chimici agiscono su di esso in modo distruttivo. L'olio ottenuto da grano germogliato e riscaldato a 170 ° C, non perde vitamina E e anche dopo 3 ore in presenza di ossigeno. Ma questa vitamina è facilmente decomposta se il grasso in cui è dissolto viene esposto alla luce. Pertanto, le capsule di tocoferolo sono rosse e confezionate in bottiglie di vetro marrone. Devono essere conservati in un luogo buio (ad esempio, sul ripiano inferiore del frigorifero).

Le persone sane non secernono la vitamina E con le urine e le feci , tranne che ce ne saranno troppe nel corpo, ma anche in questo caso saranno distrutte nei tessuti piuttosto che espulse dai reni e dall'intestino. Vale la pena sottolineare che esiste un sinergismo di vitamine C, E e selenio .