Norme relative al contenuto di ferro nel corpo umano | Corretta alimentazione

Quanto ferro ha bisogno di un uomo al giorno?

Sembra essere una domanda semplice, ma quanto è difficile rispondere! Secondo le norme dell'Istituto di nutrizione dell'Accademia delle scienze mediche dell'URSS, dai neonati agli anziani, sono necessari giornalmente 15 mg di questo elemento. Le norme della Food and Nutrition Board degli Stati Uniti forniscono anche una cifra di 15 mg al giorno per persona di età compresa tra 13 e 20 anni , ma offrono adolescenti di 10-12 anni e adulti di 25-65 anni per dargli un po 'meno - 12 mg, per i bambini da Da 7 a 9 anni - 10 mg, da 4 a 6 anni - 8 mg, da 1 a 3 anni-7 mg, neonati - 6 mg.

Non dimenticare un'altra cosa. Tutto dipende non solo dalla quantità di ferro contenuto nel cibo, ma anche da quanto viene assorbito dal nostro corpo. Si ritiene che assorbiamo solo il 10% di ciò che otteniamo con il cibo. Va anche notato che il ferro di diversi prodotti viene assimilato in diversi modi. Come puoi vedere, non è così semplice con questo ferro ...

Confida con l'assimilazione
L'OMS in una delle sue pubblicazioni ha pubblicato una comunicazione da un gruppo di esperti che ha studiato l'anemia causata dalla malnutrizione. Ecco cosa scrivono:
"Ci sono molti paesi in cui l'anemia è diffusa quasi ovunque e dove diventa necessaria la fortificazione del ferro. Negli ultimi anni è stata avviata una ricerca intensiva a questo scopo. Sfortunatamente, i risultati parlano di difficoltà sempre crescenti piuttosto che la possibilità di una soluzione semplice e facile. "

Sono stati studiati molti composti di ferro diversi e solo due erano più o meno facilmente assimilabili: solfuro di ferro e ossido di ferro leggermente peggiore. Sono stati eseguiti molti esperimenti per confermare la loro idoneità come additivo al cibo. Ecco i risultati di uno di loro, molto caratteristico. In Tailandia, dove la carenza di ferro è particolarmente elevata, 1 mg di questo elemento è stato aggiunto a 15 ml di salsa di pesce, che mangiano dappertutto e quotidianamente. L'effetto era questo: il corpo umano assorbiva solo circa il 5% della dose.

Questo esperimento, come molti altri, ha permesso di avanzare l'ipotesi che qualsiasi composto di ferro trovato in prodotti in forma naturale o aggiunto per arricchirli con questo elemento è assimilato solo in misura insignificante.

Sfortunatamente, non sappiamo quali fattori limitino l'assorbimento del ferro e come questa restrizione possa essere neutralizzata. Tutte queste questioni sono di grande importanza per molti popoli, in particolare per l'India, dove la carenza di ferro è diffusa.

Molti ricercatori sono impegnati nella ricerca di una sostanza che consenta non solo di arricchire i prodotti con il ferro, ma anche di aumentarne l'assimilazione.

L'aggiunta di ferro al cibo è principalmente a scopo di prevenzione, riducendo il deficit di questo elemento. Il modo migliore per testare l'efficacia di tale azione è studiarne l'impatto sulla salute umana . Un gruppo di persone è stato esaminato che aveva una carenza di ferro e anemia causata da questa carenza.

Arricchimento di latte e prodotti a base di pane, che alimentava i bambini, con il ferro li preveniva dall'anemia. Con gli adulti, la situazione era più difficile ei risultati erano spesso negativi. Il sale fortificato di ferro, di regola, non dava l'effetto previsto o era molto piccolo. Gli studi e le ricerche continuano. Vale la pena ricordare che in Polonia c'è un salgemma (Vilitskaya) con un contenuto di ferro così elevato in una forma assimilabile che se dovesse essere usato come sala da pranzo sarebbe possibile coprire l'intero deficit di questo elemento.

Gli scienziati hanno notato che se si aggiungono dosi sufficientemente elevate di acido ascorbico (vitamina C) al cibo prima di essere cotto, l'assimilazione del ferro, sia aggiunta che contenuta nei prodotti, aumenterà in modo significativo.