Concetti di base di antisepsi e asepsi | Pronto soccorso

Concetti di base di antisepsi e asepsi

Più di cento anni fa, lo scienziato francese Pasteur ha dimostrato che l'infezione delle ferite si verifica in seguito al contatto con i più piccoli organismi viventi visibili solo al microscopio delle ferite: microbi patogeni o, come spesso detto, infezione. I microbi sono nell'aria e su tutti gli oggetti che circondano una persona. Una persona è costantemente in contatto con un numero enorme di microbi. Sulla pelle e sulle mucose è possibile rilevare una varietà di microrganismi. Tuttavia, penetrano nel corpo solo se l'integrità della pelle o delle mucose viene violata a causa di lesioni, abrasioni, punture, ustioni o una diminuzione delle proprietà protettive della pelle e delle mucose in violazione dell'afflusso di sangue, raffreddamento, esaurimento e indebolimento del corpo umano in caso di malattie comuni.

I microbi che sono penetrati nei tessuti del corpo provocano fenomeni purulenti-infiammatori locali (suppurazione di ferite, ascessi, flemmoni) nel punto di penetrazione, e nei casi più gravi quando un'infezione si rompe nel sangue, è un'infezione comune (sepsi). Molto spesso la suppurazione è causata da microbi che assomigliano a globuli (stafilococchi, streptococchi) e bastoncini (intestinali, pseudomonas, ecc.).

La maggior parte delle procedure chirurgiche (interventi chirurgici, iniezioni, blocchi, infusioni endovenose e sottocutanee, ecc.) Sono accompagnate da una o dall'altra violazione dell'integrità della pelle, a seguito della quale l'infezione diventa possibile per entrare nel corpo.

La prevenzione dell'infezione delle ferite e la lotta contro le infezioni che sono cadute in una ferita vengono eseguite con l'aiuto di una serie di misure chiamate " antisettico " e " asettico ".