Il sistema nervoso di bambini del sistema nervoso centrale del bambino

Prenditi cura del sistema nervoso dei bambini

La sezione del sito è destinata a una vasta gamma di lettori. Fornisce una breve descrizione della struttura, dello sviluppo e della funzione del sistema nervoso centrale del bambino. Rivela anche le cause di nervosismo, balbuzie, incontinenza urinaria nei bambini, ecc. E modi per eliminarle.

I bambini sono il nostro futuro e ognuno di noi è responsabile per loro, per come vivono nel presente e cosa saranno quando cresceranno. Il Partito Comunista e il governo sovietico stanno facendo tutto il possibile affinché i nostri figli crescano sani e in salute. C'è un'enorme quantità di consulenza che protegge le madri. I benefici sono pagati alle madri, a migliaia di asili, giardini, cucine da latte, ospedali, sanatori, scuole forestali, campi pionieristici sono aperti ... L'Unione Sovietica è un buon esempio per il mondo intero come prendersi cura dei bambini.

Parlando con gli adulti, vorrei, almeno in modo modesto, aiutare il compito generale di un'educazione adeguata dei bambini e rispondere ai genitori e agli insegnanti alle domande che mi chiedono ai ricevimenti in clinica e nelle lettere. Sono molto diversi, i miei piccoli pazienti, i tuoi figli obbedienti e disubbidienti. I loro occhi spaventati o diffidenti mi guardano attentamente. Il loro cuore batte forte quando varcano la soglia dell'ufficio del medico. Il loro mondo è particolare e complesso. Si sentono più profondamente di quanto ci sembra, più veritieri e diretti, ma, ovviamente, più vulnerabili, e non dovremmo mai dimenticarcene.

"Il mio nome non è Marinochka, no", dice una bambina di quattro anni con grandi occhi scuri, "mi chiamo Cappuccetto rosso, non forestale", spiega, "ma domestica". E non mi verrà in mente lei. So che per trovare la strada per un bambino, devi credere alla sua verità, credere alle fiabe, dove la foresta e la casa Red Hats, Baba Yaga, la volpe, ingannano Kolobok dal vivo.

"Avevo Kate", mi dice la tre anni Lidochka quando le chiedo dei giocattoli, "ma è cattiva perché la avvolgo e lei non si gira". Lidochka sospira come contrariata come probabilmente sospira sua madre, pensando alla natura inquieta della sua ragazza.

Sì, i bambini imitano sempre gli adulti e il successo dell'istruzione dipende principalmente dalla personalità del caregiver. "La combinazione di educazione pubblica, che viene data nelle nostre istituzioni prescolari, nelle nostre scuole", scrisse N. K. Krupskaya, "con l'educazione familiare, dove i cuori delle madri combattono ardentemente per la causa del socialismo, crea una notevole generazione di persone".

Psiconeurologia infantile - la scienza di un bambino malato di nervi - una giovane scienza. È apparso solo dopo la Grande Rivoluzione d'Ottobre. Il concetto di fenomeni mentali in generale, l'essenza della nostra coscienza, pensiero, ecc. È rimasto a lungo sbagliato.

I sostenitori dell'idealismo e della religione hanno parlato dell'impossibilità di uno studio scientifico della psiche, spiegando l'attività mentale umana secondo le proprietà di una speciale "anima" che esiste indipendentemente dal corpo dato all'uomo da Dio. Anche i primi materialisti si trovavano nelle posizioni sbagliate, che le cose e i processi della natura consideravano meccanicamente non in movimento, ma in uno stato fisso. Non hanno tenuto conto dello stato dell'organismo nel suo complesso e dell'influenza dell'ambiente circostante l'uomo. Solo il metodo dialettico marxista permette di comprendere correttamente l'essenza dei fenomeni.

La dialettica insegna che il processo di sviluppo non è solo un processo di crescita, non un movimento in circolo, ma un costante movimento in avanti, uno sviluppo dal semplice al complesso. Tutte le nostre sensazioni, tutta la nostra attività mentale, secondo la teoria marxista della conoscenza, dovrebbero essere intese come un riflesso della materia, dell'essere nella mente dell'uomo. La mancanza di comprensione dell'essenza dei processi mentali ha portato al fatto che l'atteggiamento nei confronti dei malati di mente è rimasto irregolare per lungo tempo: non erano nemmeno considerati malati.

Di fronte a me c'è un libro con la storia "Chamber number 6", che illustra cosa era così recente. "Il marcio, coperto da gradini di ortica che portano al capannone scricchiola tristemente. Sul tetto arrugginito la pipa guardò. Su una pila di lacrime putrefatte, che emanano un odore soffocante, giace la guardia Nikita. In questo gabbiotto, in divertenti cappucci su persone che sono fottute sul pavimento, si sdraiano e siedono persone ... Le colpisce sul viso, sul petto, sulla schiena, su ciò che ha; le loro grida affogano nella palude vita quotidiana della sfortunata città ... "Come il primo ospedale psichiatrico, dove sono stato mandato a lavorare, non era così! Non c'erano barre di ferro alle finestre, attraverso le grandi finestre dell'ambulatorio che uscivano nel giardino, vidi dei pazienti che camminavano lungo i sentieri. Brillante parquet nella hall, una grande tovaglia luminosa con un bordo di pizzo su un tavolo rotondo nella sala da pranzo, sedie rigorose con coperture di tela, guarnite con gli stessi lacci della tovaglia. Erano legati dalle mani delle donne che venivano curate.

Ricordo ancora i miei primi pazienti. Ricordo le loro storie di casi.

Gregory B., 22 anni. La diagnosi mi dice della gravità della malattia. È stato malato, come dice sua madre, da quando aveva 19 anni, quando ha notato per la prima volta stranezze nel suo comportamento. "Grisha," dico, rivolgendomi a lui, "raccontami della tua infanzia." Lentamente, come se resistesse, abbassa le sue ciglia folte e si congela in una posa innaturale. Poi di nuovo, con grande sforzo, apre gli occhi. "Quando chiudo gli occhi, per me è più facile resistere", dice Grisha. "Qualche voce", spiega ulteriormente, "mi dice sempre: colpiscilo, colpiscilo".

La sua famiglia era composta da quattro persone: un padre severo e silenzioso, una nonna potente e severa che non amava sua nuora e una madre silenziosa che amava infinitamente il suo unico figlio. E spesso la sera, dopo aver coperto la coperta con la testa, il ragazzino ascoltava la suocera insoddisfatta che rimproverava la nuora. "Poi mi apparvero strisce nere e nere nella mia testa" disse Grisha "e se non litigassero, le strisce erano rosa, rosa".

Gli adulti perduti, come si sono comportati una volta da bambino, e Grisha hanno portato questi ricordi per molti anni. Si è rifiutato di assumere farmaci. "No," disse, sorridendo in modo strano, "questa non è una malattia! Questa è una forza ostile, oscura, mi mette in difficoltà, ma cerco di essere armonioso ".

Ecco la seconda case history.

Roma P. 25 anni, è stato ricoverato in ospedale quasi un anno fa. Sua madre veniva spesso all'ospedale e camminava a lungo con suo figlio in giardino. Nel reparto, di solito lo vedevo in piedi su un letto in una posa elaborata: gli sembrava che stesse tenendo un arco e un violino, che fosse Paganini. A volte diventava aggressivo, attaccava i malati, portava via il loro cibo, e poi si calmava di nuovo, prendendo la sua amata postura.

Attualmente lavoro come psicoterapeuta infantile; Questa specialità mi sembra particolarmente importante, poiché la lotta contro le malattie neuropsichiatriche dovrebbe iniziare con la prevenzione di queste malattie durante l'infanzia.