Danno al fumo e al tabacco per la salute umana

Fumo e salute

Sommario

  • Spiegazioni e raccomandazioni
  • Tabacco: la principale minaccia alla salute
  • Morbilità e fumo
    Tabacco: la diffusione delle abitudini e tendenze del fumo
    Fumo: problemi scientifici moderni
    Gli effetti sulla salute delle sigarette con una bassa resa di nicotina e catrame
    Controllare il fumo
    VIII. postfazione
    L'effetto del fumo sulla salute umana è uno dei problemi più studiati della medicina moderna e della salute pubblica. La relazione causale tra fumo e numerosi tumori maligni, malattie polmonari cardiovascolari e croniche è indiscutibile. Il fumo ha un enorme impatto sugli indicatori della salute umana e in molti paesi porta alla morte prematura di una parte significativa della popolazione. Tra le malattie il cui sviluppo è più o meno correlato al fumo, tumori maligni di diverse sedi, cardiopatia ischemica, cuore polmonare, aneurisma aortico, malattia vascolare periferica, ipertensione, aterosclerosi, trombosi vascolare cerebrale e malattie polmonari croniche non specifiche. La mortalità derivante dalle malattie sopra elencate è pari al 50-60% della mortalità totale nei paesi sviluppati.

    Nell'URSS, la morbilità e la mortalità della maggior parte di queste malattie negli ultimi decenni sono aumentate e continuano a crescere. Nonostante il fatto che il ruolo del fumo nella loro origine, come notato, sia ben noto, è stato fatto ben poco per prevenirli.

    Sulla base delle statistiche sulla vendita dei prodotti del tabacco, nonché sui risultati delle indagini sulla popolazione, si può affermare che il numero dei fumatori nel nostro paese è aumentato fino a poco tempo fa, mentre in alcuni paesi dell'Europa e dell'America questa cifra ha cominciato a diminuire alla fine degli anni '70. A seguito di una diminuzione dell'incidenza del fumo in questi paesi, ci sono state tendenze nel ridurre la morbilità e la mortalità da malattie cardiovascolari e cancro ai polmoni. Se altri fattori, come i cambiamenti nella dieta e / o l'aumento dell'attività fisica, potrebbero influenzare gli indicatori cardiovascolari, allora la diminuzione dell'incidenza del cancro del polmone può essere attribuita quasi interamente alla riduzione della frequenza del fumo.

    Ci sono stati anche cambiamenti significativi nei livelli di resine contenute nel fumo di tabacco. Il consumo di sigarette a basso tenore di catrame negli ultimi 20-30 anni è spiegato da una diminuzione dell'incidenza del cancro del polmone, che è iniziata a metà degli anni '70 in alcuni paesi e continua fino ad oggi.

    La monografia "Fumo e salute", che è un lavoro in cui vengono considerati quasi tutti gli aspetti degli effetti nocivi del fumo sulla salute umana, così come i principali approcci alla prevenzione delle malattie associate al fumo, è la prima pubblicazione di questo tipo nel nostro paese. Sembra che sarà utile per i professionisti coinvolti nella campagna antifumo nel nostro paese.

    Il fumo dei prodotti del tabacco è attualmente una delle principali cause di malattia e morte: provoca lo sviluppo di cancro, malattie polmonari croniche non specifiche e malattie del sistema cardiovascolare. L'elenco degli organi bersaglio colpiti dal cancro causato dall'esposizione al tabacco è impressionante: polmoni, vescica, pelvi renale, cavità orale, faringe, laringe, esofago, pancreas ed eventualmente fegato.

    Pertanto, l'evidenza delle gravi conseguenze sulla salute del fumo è così convincente e abbondante che è difficile capire perché sia ​​stato così difficile (e anche ora non è più facile) iniziare misure preventive efficaci. La risposta a questa domanda è probabilmente ambigua.

    Da un lato, è la difficoltà delle persone ad abbandonare un'abitudine che è saldamente radicata nella loro cultura e nella vita di tutti i giorni. La maggior parte delle persone crede che prendere una decisione sul fumo sia un'attività propria, e tale scelta è molto comune. Ricevono soddisfazione da questo, e allo stesso tempo non sono in grado di comprendere o prendere in considerazione le prove di un continuo aumento del pericolo legato al fumo. D'altra parte, in tutti i paesi del mondo esiste un interesse dello stato nei redditi ricevuti dalla realizzazione di prodotti del tabacco.

    Apparentemente, i governi dovrebbero essere persuasi non solo che la vendita di prodotti del tabacco è incompatibile con la preoccupazione di preservare la salute dei cittadini, ma anche che ci sono altri modi per mantenere l'economia nazionale al giusto livello.

    Recentemente, è stato riportato che coloro che usano sigarette che fumano con catrame e nicotina ad alte concentrazioni corrono un rischio maggiore di sviluppare il cancro ai polmoni rispetto a quelli che fumano sigarette con meno rilascio di catrame. Il tabacco è una miscela contenente un gran numero di diverse sostanze chimiche, molte delle quali hanno proprietà cancerogene o mutagene. La resina formatasi a seguito della pirolisi del tabacco contiene indubbiamente sostanze chimiche cancerogene, e ciò suggerisce che riducendo il livello di una di queste frazioni nel fumo di una sigaretta accesa, è possibile ridurre l'attività cancerogena dell'intera miscela nel suo complesso. Ovviamente, il fumo di tabacco rimarrà cancerogeno se contiene meno catrame.

    Fermare la produzione di sigarette con alti livelli di rilascio di resina durante il fumo ridurrà potenzialmente il rischio di sviluppare il cancro ai polmoni; ma non c'è dubbio che qualsiasi misura che non escluda la piena produzione e l'uso di prodotti del tabacco sia solo temporanea. Rappresenta solo un passo verso misure veramente adeguate per prevenire i danni alla salute causati dal fumo, vale a dire: rifiutare di usare il tabacco e trattarlo come una coltura agricola diffusa. Va inoltre chiarito che non vi è assolutamente alcuna prova che le cosiddette sigarette a foglia piccola abbiano alcun effetto sulla riduzione dell'incidenza di malattie cardiovascolari e mortalità da esse.

    Al fine di ottenere una completa cessazione del fumo e la sostituzione del tabacco con un'altra coltura, ci vorrà inevitabilmente del tempo per condurre un'educazione sanitaria intensiva e diffusa per la popolazione, che dovrebbe iniziare presto nella vita. È importante portare all'attenzione di ogni persona che l'introduzione del tabacco nella nostra cultura è avvenuta abbastanza di recente e l'uso delle sigarette è diventato un'abitudine diffusa solo nel secolo scorso, quindi non c'è motivo di credere che l'umanità non possa continuare a esistere senza tabacco. Il tabacco è cancerogeno non solo nella combustione e nella formazione di fumo, ma anche nel caso in cui viene masticato. Recentemente, la pubblicità diffusa, che afferma che la masticazione del tabacco è innocua, contraddice chiaramente i dati abbastanza precisi sull'effetto cancerogeno con questo metodo di utilizzo.

    Il fatto che il fumo sia diffuso in tutto il mondo rende questo un problema di salute pubblica veramente internazionale e vorrei esprimere la mia gratitudine al Centro per il cancro onnipresente dell'Accademia delle scienze mediche dell'URSS per l'iniziativa di convocare questo incontro insieme allo IARC.

    È vero che ...

    Vladimir Presnyakov, Jr. non fuma?

    Vero. Non fumare, e Michael Jackson, e membri del gruppo pop "ABBA". E gli studenti di Scandinavia e Gran Bretagna considerano addirittura che fumare sia una cattiva forma. Conducono una campagna contro il fumo nelle loro scuole sotto il motto "Generazione di non fumatori". Gli studenti delle scuole superiori frequentano corsi junior, promuovono uno stile di vita sano, praticano sport, distribuiscono opuscoli con foto di atleti non fumatori e rockstar. Credono che entro il 2000 un'intera generazione di giovani non fumatori apparirà in Scandinavia.

    Negli Stati Uniti e in Australia, si svolgono anche festival rock che sostengono la lotta al fumo.

    Questo ci è stato detto da Alexander Prokhorov, Candidato di Scienze Mediche, Ricercatore Senior del Centro All-Union