Sistema respiratorio | Anatomia e fisiologia dell'uomo

Sistema respiratorio

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7

Di tutti gli elementi chimici necessari per la vita, solo l'ossigeno viene assorbito dal corpo in una forma pura e in uno stato gassoso. L'ossigeno che entra nel corpo in questa forma serve a svolgere la reazione di ossidazione, con la sua partecipazione alcune sostanze organiche vengono "bruciate" nelle cellule, a seguito delle quali viene generata energia che assicura tutte le attività del corpo. È noto che il corpo di qualsiasi organismo complesso è costituito da un numero infinito di cellule; ognuno di essi rappresenta una piccola cellula della vita e un centro della sua energia. Il processo ossidativo è l'unica fonte di energia per tutti i vertebrati e gli esseri umani, quindi è chiaro che la vita per queste creature è impossibile senza ossigeno. Fortunatamente, le riserve di ossigeno nella natura che ci circonda sono enormi e accessibili a tutti! Viviamo sul fondo dell'oceano senza confini, costituito da azoto (79,04%). ossigeno (20,93%) e anidride carbonica (0,03%). Per ogni chilometro quadrato della Terra ci sono circa 2 milioni di tonnellate di ossigeno!

Il ciclo di sostanze che si verificano in natura, mantiene l'immutabilità di questa composizione dell'atmosfera. La conseguenza di tale disponibilità di ossigeno necessaria per la vita è il fatto che non si formano riserve nell'organismo di animali e umani. Pertanto, la necessità di ossigeno risulta più acuta rispetto alla necessità di cibo o acqua: se una persona può vivere senza cibo per più di un mese, senza acqua per 10 giorni, quindi senza ossigeno, la vita si spegne in 4-7 minuti! Come risultato dell'ossidazione di sostanze organiche, si formano acqua e anidride carbonica (CO 2 ), che viene espulsa dal corpo nell'atmosfera. Così, insieme allo scambio di numerose sostanze che entrano nel corpo con il cibo, anche lo scambio gassoso è necessario per la vita - l'assorbimento di ossigeno e il rilascio di anidride carbonica, che è l'essenza del processo respiratorio. Nel senso ordinario della parola, la respirazione è intesa come inspirazione ed espirazione dell'aria, che si alterna regolarmente, cioè il lavoro del respiratore, la cui manifestazione esterna è nota a tutti. Tuttavia, in realtà, la situazione è molto più complicata. Il respiro di un organismo multicellulare consiste nel respiro di ognuna delle innumerevoli cellule del nostro corpo. Ciò significa che ogni cellula deve continuamente ricevere ossigeno e rilasciare biossido di carbonio nell'ambiente. Pertanto, l'atto di respirare comporta diversi passaggi:
1. Il flusso di ossigeno dall'aria inalata nel sangue - la respirazione esterna.
2. Erogazione di ossigeno alle cellule con sangue e fluido tissutale e deflusso di anidride carbonica dalle cellule attraverso il fluido e il sangue dei tessuti nell'aria espirata - trasporto di gas.
3. Assorbimento di ossigeno da parte delle cellule - respirazione dei tessuti.

La violazione di una qualsiasi di queste fasi di scambio di gas porta a una grave malattia respiratoria.

Consideriamo più in dettaglio come si svolgono le funzioni respiratorie e quali condizioni sono necessarie per la loro normale somministrazione.

schema della struttura dell'apparato respiratorio.
Fig. 16. Schema della struttura dell'apparato respiratorio:
1 - cavità nasale; 2 - gola; 3 - laringe; 4 - trachea; 5 - grandi bronchi; 6 - polmoni; 7 - apertura.

L'aria che entra nel corpo è fornita dall'apparato respiratorio (figura 16). L'efficienza dello scambio di gas dipende in gran parte dal loro lavoro. L'apparato respiratorio consiste di due sezioni: organi tubulari, aria conduttrice e polmoni, dove avviene lo scambio gassoso tra sangue e aria. Entrambi i dipartimenti sono strettamente correlati.

L'aria entra attraverso la cavità nasale nella faringe, poi nella laringe, e da lì nella trachea e nei bronchi. Tutti questi organi costituiscono le vie aeree e servono a trasportare l'aria ai polmoni. Tuttavia, sarebbe sbagliato pensare che la loro funzione sia limitata solo al passaggio dell'aria. La cavità nasale svolge un ruolo particolarmente importante nell'atto di respirare. Puoi, naturalmente, respirare l'aria attraverso la bocca, ma, come vedremo in seguito, tale respirazione vcnoco6 è molto meno efficace. Le pareti della cavità nasale hanno un rilievo irregolare, grazie al quale la superficie della membrana mucosa che lo riveste viene ingrandita; Numerosi vasi sanguigni della mucosa agiscono come riscaldamento dell'acqua, riscaldando l'aria inalata alla temperatura corporea; inoltre, la cavità nasale comunica con la cavità dell'aria (seni) che la circonda, localizzata nelle ossa adiacenti; Si ritiene che la miscelazione dell'aria inspirata con l'aria contenuta in questi seni parimenti contribuisca anche al suo riscaldamento *. A contatto con la membrana mucosa, l'aria inalata viene inumidita e pulita dalle particelle di polvere, che si accumulano su un sottile strato di muco che copre questo guscio. Ma di particolare importanza sono le numerose terminazioni dei nervi sensoriali, incorporate nella cavità nasale e, in particolare, le terminazioni dei nervi olfattivi, che forniscono una sorta di controllo sulla composizione chimica dell'aria inspirata. Il professor V.K Trutnev sottolinea che quando una persona respira attraverso il suo naso, il 25% in più di aria entra nel corpo di quando respira attraverso la sua bocca. Ciò è dovuto al fatto che nella membrana mucosa della cavità nasale, i rami del nervo trigemino, che rafforzano la funzione respiratoria dei polmoni. I medici hanno da tempo notato che quando la respirazione nasale è difficile, la malattia polmonare è molto più comune. La violazione della corretta respirazione nasale, spesso associata a malattie del naso e della faringe, porta ad un indebolimento dell'attività nervosa superiore non solo nei bambini, ma anche negli adulti. La respirazione nasale compromessa, quindi, non ha solo significato locale, ma ha un effetto negativo sull'intero organismo.

* Questi seni, inoltre, probabilmente servono anche come risonatori del nostro apparato vocale.