Danno economico e morale da alcolismo e ubriachezza
Pagine: 1 2 3

Danno economico e morale da alcolismo e ubriachezza

Il danno causato dall'abuso di alcool alla salute si sviluppa allo stesso tempo in danno sociale, poiché il bevitore vive e lavora tra le persone. Le conseguenze sociali ed economiche dell'alcolismo e dell'ubriachezza sono diverse. Questi sono divorzi, incidenti stradali, crimini, perdite economiche, spese per assistenza medica e sociale ai malati.

La relazione tra alcolismo e conflitti familiari si riflette ampiamente nella letteratura. Ad esempio, Harby (1960) ha scoperto che in Australia il 40% di tutti i divorzi sono associati all'alcolismo. Secondo L. V. Chuiko (1975), su 2.086 casi di divorzio avviati da donne, ubriachezza e alcolismo dei loro mariti sono stati la causa principale del divorzio nel 47% dei casi. Gli imputati in circa la metà dei casi non erano d'accordo con le argomentazioni delle mogli e consideravano casuali le loro bevande. Secondo L. V. Anokhin e L. D. Saraeva (1981), l'abuso di alcool nel 10% dei casi (secondo gli uomini) e nel 17,8% dei casi (secondo le donne) è la causa dei divorzi nella regione di Ryazan.

L'alcolismo degli uomini influisce negativamente sia direttamente che indirettamente sui processi riproduttivi. Quindi, secondo V. K. Kuznetsov (1970), il numero medio di aborti nelle famiglie in cui un uomo consuma sistematicamente alcol è 2-27 volte maggiore rispetto alle famiglie che sono prospere a questo riguardo. L'alcolismo dei genitori è una delle cause della nascita di bambini con vari difetti, aumenta la mortalità infantile. È stato dimostrato che nelle famiglie di tossicodipendenti, la concezione di nuovi figli spesso si verifica in stato di intossicazione, i bambini in queste famiglie nascono fragili, dolorosi, in ritardo nello sviluppo fisico e mentale, imparano male, iniziano a bere alcolici presto, rapidamente psicopaticano, commettono atti antisociali . Secondo i ricercatori moderni, nel 20-25% dei bambini che soffrono di oligofrenia , i genitori hanno abusato di alcol.

Enorme danno materiale alla società dal bere. Consiste in una diminuzione della produttività del lavoro, un aumento dei matrimoni, assenteismo, ecc. Molti studi hanno dimostrato che la produttività del lavoro nelle imprese industriali diminuisce sensibilmente il lunedì, dopo le vacanze e i giorni di paga. Studi selettivi condotti da G. G. Zaigraev (1966) in diverse imprese dimostrano che per gli alcolisti, la produzione di prodotti nei giorni successivi alle retribuzioni e agli anticipi è inferiore del 26-30% rispetto al solito. Secondo D. Fortbild (1972), l'abuso di alcool riduce la produttività in media del 9,6%.

M. Ledermann (1957), che ha esaminato 5.000 professionisti, ha rilevato che almeno il 15-20% dell'assenteismo era dovuto all'abuso di alcol. Il numero medio annuale di assenze in Polonia per il periodo dal 1961 al 1966 è stato di 160 mila casi, di cui il 15% è dovuto all'uso di alcol. Quasi il 2% dei lavoratori consuma bevande alcoliche al lavoro.

Secondo V. V. Sheverdin (1973), l'80% delle violazioni della disciplina del lavoro sono legate all'uso di alcol, l'8% dei lavoratori beve alcolici direttamente sul posto di lavoro. Secondo V.V. Glazyrin (1973), la situazione di impunità, la conciliazione verso gli ubriaconi nelle imprese porta al fatto che "un numero significativo di casi di ubriachezza sono in qualche modo connessi con la produzione odierna e molti di questi si verificano durante l'orario di lavoro". Secondo B. Levin (1972), circa il 40% degli alcolizzati beve alcolici dalle 15 alle 18 ore, cioè durante il lavoro di imprese e istituzioni.

È molto difficile tenere conto delle perdite economiche subite dalle imprese a causa del frequente cambio di posti di lavoro da parte degli ubriachi. Le persone che soffrono di alcolismo, 3 volte più spesso cambiano lavoro, rispetto ai non alcolisti. Sulla base dell'ubriachezza, il 90% di tutto l'assenteismo è commesso, ogni ventesimo caso di danno industriale si verifica, ogni quinto incidente di trasporto.

La presenza nel team di una parte significativa di alcolisti riduce l'effetto della gestione della produzione, esercita una pressione psicologica indesiderabile sul maestro, costringendolo a continuare gli stereotipi delle relazioni nella squadra "svantaggiata" a scapito degli interessi della produzione e dei lavoratori, nonché a scapito della sua autorità tra altri.

Le perdite materiali della società dall'ubriachezza sono molto significative. Non esiste un ente governativo che tenga regolarmente conto di queste perdite. Possiamo dare solo alcuni calcoli privati. Dunque, secondo Yu. M. Tkachevsky (1972), solo in un anno a causa di 10 mila assenteismo di lavoratori sulla base di ubriachezza l'impresa di industria di legname di Maklakovsky in Yeniseisk mancò di 17 mila m 3 di legname segato allo stato. Presso la Ryazan Machine-Tool Plant, l'assenteismo da ubriacone costava allo stato 123 mila rubli. all'anno Nella città di Gorky, nel 1971, la perdita del tempo di lavoro nell'industria ammontava a centinaia di migliaia di giorni-uomo.