Pazienti con caratteristiche caratterologiche del circolo stenico | alcolismo
Pagine: 1 2

Pazienti con caratteristiche caratterologiche del circolo stenico

La particolarità dell'alcolismo nei pazienti con tratti del circolo stenico è già stata rilevata in letteratura (Trubchaninova, Savchenko, 1981).

Fin dall'infanzia, questi pazienti hanno una grande attività, dedizione, il desiderio di dominare le aziende pari, la leadership nei giochi per bambini. Sono sensibili agli insulti, calpestano la dignità e possono agire come protettori dei deboli, per lottare per il ripristino della giustizia. Spesso i pazienti hanno atteggiamenti sociali positivi, si distinguono per la costanza degli interessi e delle aspirazioni, fino a un debole per le entità sopravvalutate. Sono caratterizzati da perseveranza nel raggiungimento dei loro obiettivi, le decisioni prese sono raramente cancellate e più spesso attuate da loro. Le persone vicine a loro spesso hanno notato un modo di parlare, mancanza di flessibilità, rigidità dei pazienti. Questo, combinato con una certa non cerimonialità, alte esigenze poste agli altri, rendeva difficile comunicare con lui. Caratteristica dei pazienti era una certa egocentrismo in combinazione con orgoglio accresciuto e vulnerabile, una tendenza a sovrastimare la propria personalità. Di conseguenza, essendo troppo diretti, esigenti, imperativi, i pazienti non raggiungevano sempre i loro obiettivi. A questo proposito, hanno spesso sperimentato insoddisfazione interna, frustrazione, che sono stati soppressi da sforzi volontari e cercati esternamente di non mostrare. Spesso in una situazione simile, è iniziato l'uso sistematico di alcol. I pazienti hanno trovato effetti "benefici" dell'alcool, se gli eccessi alcolici si sono verificati durante il periodo in cui sono stati limitati per lungo tempo, hanno violato qualcosa, quando hanno dovuto trattenersi e non realizzare le loro potenziali capacità e intenzioni o, raramente, quando erano sforzi continui rettilinei si è rivelata inadeguata quando hanno subito gravi fallimenti.

L'inizio dell'uso sistematico dell'alcol potrebbe essere mascherato e abitudini di consumo, ambiente microsociale. Ma in questo caso i pazienti hanno capito piuttosto rapidamente gli effetti individuali raggiunti con l'aiuto dell'alcool: conforto mentale nell'intossicazione, indebolimento significativo della tensione mentale, rilassamento, pace e pace. L'uso di alcol spesso si è rivelato una sorta di "distensione", attenuando le esperienze emotive negative. Motivi individuali per l'uso di alcol erano persistenti per tutto il decorso della malattia e tendevano ad espandersi gradualmente. Le tradizioni dell'uso dell'alcol nell'ambiente micro-sociale non avevano importanza per loro, le ignoravano facilmente o, al contrario, le usavano quando ne avevano bisogno. Già nella prima fase della malattia, potevano anche avere casi isolati di alcol da bere da soli, e relativamente presto potevano anche fungere da iniziatori del bere. Allo stesso tempo, in alcuni pazienti, sullo sfondo di esperienze emozionali negative, è sorto uno strano "umore da ubriacarsi", per portarsi in uno stato di oblio con l'aiuto dell'alcool. In questi casi, anche prima della formazione di forme secondarie della brama patologica per l'alcol, e soprattutto della "perdita di controllo", i pazienti potevano bere prima dello sviluppo di intossicazione alcolica grave.

Allo stesso tempo, a differenza di altri pazienti di questo gruppo, per un tempo considerevole hanno mantenuto la possibilità di una regolamentazione consapevole e voluta del proprio uso di alcol.

L'esperienza a breve termine, ma intensa, del desiderio di bere alcolici, che al palco sono apparsi solo in situazioni specifiche per loro, i pazienti sono stati in grado di sopprimere con l'aiuto di sforzi volitivi. Rinviare l'implementazione in tempo se ci sono condizioni e circostanze inappropriate. Tuttavia, la soppressione del desiderio di bere alcolici era spesso accompagnata da un aumento dello stress mentale, irritabilità, depressione, brontolii, malcontento.