La distribuzione di alcol nel corpo | alcolismo

Distribuzione di alcol nel corpo

L'assorbimento di alcol inizia direttamente in bocca, sebbene la maggior parte dell'alcool venga assorbita nel tratto gastrointestinale. È effettuato per diffusione e abbastanza rapidamente. Dopo pochi minuti, l'alcol può essere determinato nel sangue. Le variazioni nella sua concentrazione sono molto ampie (fino a 600 mg%). La dinamica della concentrazione è la seguente: in primo luogo, il contenuto di alcol aumenta rapidamente e quindi diminuisce in modo relativamente lento. È dimostrato che la diminuzione si verifica tanto più è lento quanto maggiore è l'assunzione di alcool.

La riduzione della concentrazione di alcol nel sangue è fornita da due processi: l'eliminazione dell'alcool dal corpo e la sua ossidazione. La diminuzione totale della concentrazione di alcol nel corpo per ora è indicata dal valore di β 60 e varia in parti per milione (‰). È stato stabilito che per una persona in particolare il valore di β 60 varia da 0,100 a 0,16%, che è equivalente all'ossidazione per ora nel corpo da 5,0 a 12,0 alcol assoluto (Shirinsky, Tomilin, 1983). Il suo aumento è possibile con l'uso di quantità significative di alcol e l'inclusione di metodi compensatori di ossidazione dell'alcol.

La concentrazione massima di alcol nel sangue è annotata in 30-60 minuti dopo l'ingestione di alcol. Il tasso di aumento della concentrazione di alcol nel sangue e la quantità di concentrazione dipendono da una serie di fattori: le singole caratteristiche biochimiche dell'organismo, il grado della sua "idoneità" nella lavorazione dell'alcool, la natura del cibo consumato, la quantità e la concentrazione di alcol, ecc.

Circa il 90% dell'alcool viene ossidato quando rilasciato nel corpo, il 5-10% viene escreto dal corpo, bypassando la dissimilazione con l'urina, l'aria espirata, il sudore e le feci .

L'alcol viene metabolizzato (cioè, successivamente viene ossidato) principalmente (80-90%) nel fegato ed è in grado di "caricarlo" a 3/4 della sua intera capacità ossidativa (Ouspensky, 1984). La più alta concentrazione di etanolo è registrata nel fegato, nei reni, nei polmoni, nelle ghiandole salivari e nei testicoli.

È molto importante che anche a una concentrazione relativamente bassa di alcol nel sangue (0,2%), una persona trovi già una disfunzione della barriera emato-encefalica - un sistema progettato per proteggere il cervello dagli effetti di vari prodotti tossici. La penetrazione di alcol nel cervello ne garantisce l'effetto tossico sul sistema nervoso centrale (SNC). La massima concentrazione di alcol viene rilevata nella corteccia cerebrale, ma è piuttosto elevata in altre parti del cervello. La ragione per la diversa distribuzione di alcol nel cervello non è ancora chiara.

L'alcol ingerito viene assorbito principalmente nell'intestino tenue (80%) e nello stomaco (20%). Nello stomaco, può rimanere senza ulteriore elaborazione entro 3 ore dopo l'ingestione. Una serie di fattori influenzano l'assorbimento dell'alcool e la sua concentrazione nel sangue e, soprattutto, la natura del cibo assunto. Prodotti come patate, carne, grassi, impediscono l'assorbimento di alcol nello stomaco. È importante che la velocità di assorbimento dipenda anche dallo stato funzionale del tratto gastrointestinale. È noto che nei pazienti con ulcera peptica e gastrite, il tasso di assorbimento è significativamente più alto che nelle persone sane. Ciò porta ad un forte aumento della concentrazione di alcol nel sangue dopo che è stato consumato. È stato stabilito che negli alcolisti, il tasso di assorbimento è anche più alto. Inoltre, il tasso di assorbimento aumenta con concentrazioni più elevate di alcol consumato.

La durata della fase di assorbimento di alcol 40-80 minuti Allo stesso tempo, la massima concentrazione di alcol nel sangue viene rilevata in circa 40-50 minuti e quindi diminuisce. Dopo che quasi tutto l'alcol (98%) viene assorbito dal tratto gastrointestinale, inizia la fase di eliminazione (rilascio di alcol). Il tasso di eliminazione dovuto alle differenze individuali può variare in quelli sani di 3-4 volte.

Quindi, l'alcol si è già infiltrato nel corpo umano. Come fa il corpo a cercare di neutralizzare una sostanza che vi è entrata?