Coinvolgimento dei sistemi ormonali nella patogenesi | alcolismo

La partecipazione di sistemi ormonali nella patogenesi

È già stato detto sopra che durante l'alcolismo alcuni ormoni agiscono come modulatori dei neurotrasmettitori di catecolamina. Ma altri modi di coinvolgimento degli ormoni nella patogenesi dell'alcolismo sono possibili.

Quindi, l'attività pituitaria-surrenale in tutti i collegamenti aumenta. Lo stato che sorge sullo sfondo dell'intossicazione da alcool cronico è per molti aspetti simile allo stato di stress cronico. La secrezione di ACTH, corticosteroidi, ecc., Aumenta a sua volta, i dati sperimentali suggeriscono che in una situazione di aumento della secrezione di ormone adrenocorticotropo (ACTH), l'alcol può agire da tranquillante per un po ', riducendo il livello di ACTH. E questo è un prerequisito per un'altra patogenesi di collegamento.

La sconfitta del sistema ipofisi-gonadico porta a cambiamenti significativi ed è la più comune, e quindi può portare alla formazione di un "circolo vizioso" patogeneticamente significativo. Negli uomini con alcolismo, ipogonadismo, impotenza, infertilità e femminilizzazione non sono rari. Di norma, questa è una conseguenza dell'assunzione cronica di alcol, che interferisce grosso modo con la sintesi degli ormoni sessuali, spostando il rapporto estrogeno / androgeno in estrogeno (cioè ormoni sessuali femminili). Allo stesso tempo, il singolo atto di assunzione di alcol in sé è capace di fuggire freneticamente dalla funzione sessuale, alternandosi con la sua oppressione duratura.

La violazione della funzione sessuale aumenta con la durata dell'alcolismo, l'intensificazione delle bevande. Nell'80% dei pazienti con alcolismo si notano impotenza e segni di atrofia testicolare. Insieme al deterioramento dello stato sessuale, i pazienti diventano sempre più dipendenti dall'effetto stimolante a breve termine dell'alcol. La partecipazione di androgeni ed estrogeni alla formazione di alcolismo sperimentale è confermata anche dai risultati di G. N. Lacoza ed altri (1978), ottenuti in studi su animali.

Con l'abuso di alcool ci sono lesioni multiple dei sistemi ormonali (endocrinopatie), la cui interazione spesso non consente l'instaurazione dei disturbi endocrini primari e più significativi (Vedernikova, 1982).