Prolasso, trattamento vaginale

Prolasso dell'utero, vagina

Prolasso dell'utero, la vagina è una malattia cronica con un decorso progressivo. La causa più comune del prolasso uterino è la debolezza dei muscoli del pavimento pelvico causata da traumi alla nascita , specialmente nei casi in cui le lacrime perineali dopo la nascita non sono state suturate o sono state cucite in modo errato. Nel verificarsi della malattia, è importante anche l'indebolimento dell'apparato legamentoso dell'utero con i suoi legamenti cardinali che si estende dalle pareti del bacino alla cervice dell'utero, nonché un pesante lavoro fisico nel periodo postpartum.

Spesso il prolasso dell'utero, la vagina si osserva in età avanzata, quando l'elasticità e la resistenza dei tessuti diminuisce e si sviluppa la loro atrofia . Nelle ragazze e nelle donne che non hanno partorito, questa patologia è estremamente rara e in questi casi è solitamente causata da disturbi dell'innervazione dei muscoli del pavimento pelvico.

Ci sono prolassi parziali e completi dell'utero, la vagina; in alcuni casi, cade solo una parete della vagina, quella anteriore o posteriore.

In caso di prolasso incompleto dell'utero oltre i limiti della fessura genitale, la cervice e le pareti dell'uscita della vagina. Di solito, la cervice è gonfia, cianotica, a volte con ulcerazioni multiple ( piaghe da decubito ). In caso di perdita completa, l'intero utero si trova sotto il piano dell'uscita della piccola pelvi e viene posizionato all'interno della vagina prolassata (Fig.).

Nella fase iniziale, il prolasso dell'utero si manifesta solo con sforzi e un aumento della contropressione; mentre il processo progredisce, l'utero cade senza stress precedente.

Nelle fasi iniziali è possibile riposizionare l'utero in posizione supina, ma in tal caso il reintegro potrebbe essere inefficace. Un prolasso dell'utero può portare a disturbi urinari - un aumento di esso e quindi difficoltà. Con lo sviluppo della violazione dell'utero caduto, potrebbe esserci un ritardo nella minzione con un quadro di una ritenzione urinaria paradossale (scarica involontaria di urina da gocce da una vescica straripante).

Trattamento del prolasso dell'utero, la vagina viene effettuata con metodi conservativi e chirurgici. Metodi conservativi (l'uso di agenti fortificanti, esercizi di fisioterapia per rafforzare i muscoli del pavimento pelvico) dovrebbero essere prescritti nei casi in cui non vi è ancora stata atrofia tissutale.

Quando le controindicazioni al trattamento chirurgico nelle donne di età senile, l'uso di pessari vaginali (anelli) in plastica, gomma solida è giustificato. Gli anelli vaginali devono essere periodicamente rimossi e disinfettati. Indossare i pedi porta di solito un effetto temporaneo; con il loro lungo indossare possono formare ulcerazioni, piaghe da decubito.

Il trattamento chirurgico è indicato per il prolasso completo dell'utero, la vagina. Le operazioni sono volte a ripristinare il pavimento pelvico e rafforzare la posizione dell'utero. Per ripristinare il pavimento pelvico, usano colpoperineoplastica (vedi perineo ), colporrhaphy (vedi) o colpoperineorrhaphy (vedi). Per rafforzare la posizione dell'utero, sono state proposte molte operazioni; il ventrofiksation è più opportuno (vedi).

Prevenzione Una gestione attenta ed efficiente del lavoro è estremamente importante. Quando si rompe il cavallo deve essere accuratamente cucito. Durante la gravidanza e dopo il parto, gli esercizi speciali sono mirati a rafforzare i muscoli addominali e il pavimento pelvico (vedere Gravidanza , periodo postparto ). La legislazione sovietica proibiva l'uso delle donne in lavori che comportavano pesanti sforzi fisici.