Vulva - vulvite ulcera fibroma papilloma sarcoma melanoma cancro vulva trattamento

vulva

La vulva è i genitali esterni di una donna . Alla vulva sono inclusi pube, grandi e piccole labbra, clitoride (vedi), vestibolo della vagina, ghiandole di Bartolini, apertura esterna dell'uretra (fig.). Genitali esterni e perineo di una donna: 1 - pube; 2 - adesione anteriore delle labbra; 3 - clitoride; 4 - piccole labbra; 5 - imene; 6 - spigolo posteriore delle labbra; 7 - cucitura del perineo ; 8 - apertura anale; 9 - grandi labbra; 10 - un'apertura esterna di un'uretra; 11 - il frenulo del clitoride.

Lobok - elevazione, situato sopra l'articolazione solitaria. La sua pelle è ricoperta di peli, lo strato di grasso sottocutaneo si sviluppa fortemente.

vulva

Il pube va alle grandi labbra in due grandi pieghe della pelle, ricche di tessuto adiposo , vasi sanguigni e linfatici. Alla base delle grandi labbra sono le piccole labbra in forma di due pieghe longitudinali. Nel grosso delle grandi labbra è posta una grande ghiandola del vestibolo (la ghiandola di Bartolini), il cui condotto si apre alla vigilia della vagina, uno spazio tra le piccole labbra e l'imene. L'afflusso di sangue della vulva avviene dalle arterie pudendiche esterne e interne, il sangue viene rimosso dalle vene con lo stesso nome, la linfa viene principalmente deviata verso i linfonodi della regione inguinale .


patologia

Vulvit - infiammazione della vulva - come un processo primario è raro, spesso combinato con colpite (vedi).

Infiammazione delle ghiandole di Bartolini - vedi Bartolini.

L'ulcera cronica di vulva ( estioma ) in apparenza può essere simile a una tubercolosi o ulcera sifilitica. Si verifica raramente, più spesso localizzato vicino all'apertura dell'uretra o nella fossa dello scafoide, che si estende nella vagina (Figura 6). Il corso è lungo, pesante. A volte è complicato dalla formazione di fistole della vescica o del retto . Trattamento - antibiotici (topicamente), superficie ulcerosa di toilette. I pazienti con sospetto di un estio sono riferiti ad un medico.

ulcera vulva

Il danno alla vulva si verifica più spesso dopo il parto, meno spesso con lesioni (ictus, caduta su un oggetto contundente). Lo sviluppo dell'ematoma nella vulva è accompagnato da una sensazione di dolore, tensione, difficoltà nel camminare. Il trattamento, di regola, è conservatore - riposo a letto. L'apertura dell'ematoma è indicata con la sua suppurazione.

I tumori della vulva sono divisi in benigni ( fibroma , mioma, papilloma) e maligni ( cancro , sarcoma , melanoma ).

La fibea della vulva è un tumore denso su uno stelo sottile o largo. Situato nello spessore delle grandi labbra o sulla loro superficie. Il mioma è un tumore meno denso rispetto ai fibromi.

Papilloma vulva - la formazione di una struttura papillare fine o grande di consistenza morbida, coperta con pelle invariata. Con la malignità, il papilloma diventa denso e ulcerato.

Il trattamento dei tumori benigni è immediato.

Il cancro della vulva (Figura 7) è più comune negli anziani. Il monitoraggio dinamico dei pazienti con malattie precancerose (vedi Leucoplachia, vulgaris vulgaris) è un'attività per il rilevamento tempestivo del cancro vulvare. Sintomi iniziali del cancro: prurito , a volte sensazione di bruciore nella vulva. Tardiva, spotting, secrezione purulenta, difficoltà a urinare. Il cancro della vulva all'inizio può sembrare un nodulo denso e in rapida crescita coperto di pelle invariata, o come ispessimento e ingrossamento della placca leucoplachica, o come consolidamento di crepe, graffi e escoriazioni durante il kraurosis. Mentre cresce la crescita, un'ulcera con margini densi e fondo necrotico.

carcinoma della vulva

Il sarcoma della vulva è molto raro. La diagnosi è stabilita mediante esame istologico.

Il melanoma della vulva è un tumore estremamente maligno di colore nero. Se sospettato di melanoma, una biopsia è controindicata.

Il trattamento dei tumori maligni, a seconda dello stadio di diffusione, è chirurgico, radiale e combinato, efficace nelle fasi iniziali e inefficace nelle fasi successive.