acqua

acqua

L'acqua (H 2 O) è un liquido bluastro incolore in uno strato di oltre 2 m. A 1 atm t ° punto di ebollizione 100 °, t ° punto di fusione 0 °. Densità a 4 ° 1.0000.

L'acqua chimicamente pura non si trova in natura.

Nello stato di dissoluzione, le acque naturali contengono solitamente gas, composti minerali e organici; sotto forma di sospensione o sedimento in acqua possono essere minerali e sostanze organiche, batteri , funghi , protozoi e altri organismi vegetali e animali.

A seconda del contenuto di sali minerali, si distinguono acqua dolce (meno dello 0,1%), acqua minerale (da 0,1 a 5%) e salamoia (oltre il 5%). Alcune acque minerali sono utilizzate per scopi medicinali (vedi acque minerali medicinali ).

L'acqua è parte integrante di tutti gli organismi viventi. La quantità di acqua contenuta nel corpo di una persona adulta è di circa il 65-70% del suo peso; fluttuazioni nel suo contenuto portano a cambiamenti nella funzione di cellule e tessuti, la perdita del 20% di umidità provoca la morte. Con l'acqua, un numero di elementi biologicamente necessari entra nel corpo umano.

In condizioni normali, il fabbisogno giornaliero di acqua per il corpo umano è di circa 2,5 litri. Con l'aumento della temperatura dell'aria e durante il lavoro fisico aumenta la necessità di acqua.

Il valore igienico dell'acqua è molto grande; una grande parte di essa viene spesa in ambito sanitario e domestico.

Inquinamento delle acque Le acque naturali sono inquinate da varie impurità e rifiuti. Le acque dei bacini aperti possono essere inquinate sia direttamente dagli effluenti economico-fecali e industriali, sia quando le acque sotterranee inquinate dalle aree costiere entrano nei bacini artificiali. In termini epidemiologici, il più grande pericolo è rappresentato dall'inquinamento idrico da fognature domestiche e fognarie e da acque reflue provenienti da imprese che operano su materie prime di origine animale (cfr. La protezione sanitaria degli organismi idrici).

L'acqua come fattore di diffusione di malattie non trasmissibili. La composizione delle acque sotterranee è determinata dalla composizione chimica del suolo e delle rocce attraverso le quali l'acqua è passata. Con una carenza o eccesso di uno o un altro oligoelemento nel suolo, anche il suo contenuto nelle acque naturali cambia, con conseguente condizioni per lo sviluppo di malattie di massa della popolazione, i cosiddetti endemismi geochimici, il più noto dei quali è gozzo endemico. L'acqua potabile è la principale fonte di fluoro nel corpo, la cui carenza in acqua (inferiore a 0,6 mg / l) può causare la carie e un'eccessiva (più di 1,5 mg / l) causa fluorosi endemica (vedi). L'acqua contenente più di 10 mg / l di azoto nitrico può contribuire all'insorgenza di cianosi tossica (metemoglobinemia pediatrica) nei neonati (vedere Metemoglobinemia). Colpisce negativamente l'acqua corporea e la salinità molto elevata (ad esempio il mare). Tuttavia, il suo consumo è limitato a causa di proprietà organolettiche insoddisfacenti a causa dell'alto contenuto di cloruri e solfati di metalli alcalini e alcalino-terrosi. La durezza ammissibile dell'acqua potabile non è superiore a 7 mg-eq. Pericoloso per la salute umana può essere l'acqua contenente vari composti tossici, comprese le sostanze radioattive. Le fonti del loro ingresso nell'acqua possono essere acque reflue provenienti da imprese industriali. È anche possibile l'estrazione di acque sotterranee di composti tossici dal suolo e dalle rocce sottostanti.

Batteriologia dell'acqua L'acqua è un habitat di microbi saprofiti. Il numero di batteri nell'acqua è determinato dal contenuto di materia organica in esso. Il maggior numero di microbi è contenuto nello strato superficiale di fango in corpi idrici aperti (da 100 a 300 miliardi in 1 g).

Il contenuto di batteri nelle acque sotterranee è determinato dalla profondità della falda acquifera: solitamente più profonda è la falda acquifera, minore è il numero di batteri che contengono. In alcuni casi, si osserva una significativa contaminazione delle acque sotterranee profonde, che si spiega con l'infiltrazione di acqua senza filtrazione attraverso fessure e vuoti nelle rocce del suolo. La composizione qualitativa della microflora dell'acqua e del suolo è molto simile. I batteri anaerobici che decompongono la cellulosa, i grassi , i batteri nitrificanti, che fissano l'azoto, gli actinomiceti, i funghi, ecc., Sono ampiamente distribuiti nei corpi di acqua dolce.

L'acqua come fattore di diffusione delle malattie infettive. I microbi patogeni che entrano nell'acqua con varie contaminazioni sono poco adatti alle condizioni di vita in acqua, quindi non si deve parlare tanto della loro riproduzione in acqua quanto della possibilità di sopravvivenza.

L'aspettativa di vita dei batteri patogeni in acqua è determinata dalla presenza di un mezzo nutritivo , dalla temperatura, dalla capacità di adattarsi all'esistenza in acqua, dall'azione battericida della luce solare e dalla presenza di batteriofagi e antibiotici nell'acqua.

Colera , febbre tifoide , paratifoidi A e B , dissenteria, leptospirosi, tularemia , poliomielite , epatite epidemica , febbre Q, ecc. Vengono trasmessi attraverso l'acqua: uova e tricidi ascaridi , cisti di Giardia, anchilostoma, cercarie di febbre epatica e patogeni di altre infestazioni da vermi. L'infezione può anche verificarsi quando si nuota nel fiume e attraverso il ghiaccio del cibo. Se la fonte di approvvigionamento idrico è contaminata da microbi patogeni, possono verificarsi epidemie di acqua, che sono caratterizzate da un'insorgenza improvvisa e un'ampia copertura della popolazione (vedere la purificazione dell'acqua potabile).

Valutazione igienica dell'acqua. Gli standard di qualità per l'acqua fornita alla popolazione da condutture permanenti centralizzate per l' acqua potabile sono stabiliti secondo GOST 2874-54 (vedi Approvvigionamento idrico , tabella 3). La valutazione igienica dell'acqua proveniente da fonti d'acqua locali è un compito molto responsabile e impegnativo, poiché è impossibile stabilire standard uniformi per le risorse idriche locali a causa della loro diversità. La questione della possibilità di usare l'acqua per bere è risolta in ogni singolo caso esaminando ed esaminando la fonte. La soluzione di questo problema si basa sull'ispezione sanitaria della fonte di approvvigionamento idrico e sul confronto di una serie di analisi chimiche e batteriologiche di laboratorio dell'acqua. Il programma di analisi sanitaria dell'acqua comprende solitamente la sua valutazione organolettica, la determinazione degli indicatori che indicano l'inquinamento delle acque, in particolare l'inquinamento con sostanze organiche e la determinazione del contenuto nell'acqua di alcune sostanze tossiche e nocive. La selezione dell'acqua per l'analisi chimica dovrebbe essere effettuata in conformità con GOST 4979-49, per batteriologico, in conformità con GOST 5215-50.

L'analisi batteriologica dell'acqua determina il numero microbico (il numero di batteri durante la semina di 1 ml di acqua, determinato dal numero di colonie dopo 24 ore di coltivazione a 37 °) e il titolo di Escherichia coli (vedi indice di Coli, titolo di Coli).

Il numero microbico di GOST 2874-54 di acqua di rubinetto non deve essere superiore a 100, se il titolo non è inferiore a 300 ml. Vedi anche fonti d'acqua .