Formula di avvelenamento alcol etilico (Spiritus aethylicus)

Alcol etilico

Alcool etilico (Spiritus aethylicus, sinonimo di vino alcolico, formula C 2 H 5 OH). Sulle proprietà farmacologiche si riferisce a sostanze stupefacenti. Tuttavia, a causa del fatto che le dosi di alcol etilico che causano l'anestesia sono molto vicine alle dosi in cui si verifica la paralisi dei centri vitali, in quanto non viene utilizzato un narcotico. Influenzando la corteccia cerebrale, l'alcol etilico provoca un caratteristico arousal alcolico associato all'indebolimento dei processi di inibizione . A grandi dosi, anche l'indebolimento dei processi eccitatori nella corteccia e in altre parti del sistema nervoso centrale. L'alcol etilico espande i vasi sanguigni, che è accompagnato da una sensazione di calore, ma il trasferimento di calore aumenta. Tipicamente, l'alcol etilico aumenta la secrezione dello stomaco, ma in concentrazioni superiori all'8-10% riduce l'attività digestiva del succo gastrico. Nel corpo, l'alcol etilico subisce l'ossidazione a biossido di carbonio e acqua con il rilascio di energia. L'alcol etilico è un componente delle bevande alcoliche (vedi), con l'uso regolare di cui può sviluppare la dipendenza (vedi Alcolismo), che richiede un trattamento speciale.

Nella pratica medica, l'alcol etilico viene utilizzato principalmente esternamente come agente irritante, antisettico e compattante dell'epidermide. Per le compresse di solito si usa una soluzione al 40%. Come antisettico, utilizzare una soluzione al 70%, come agente conciante (per il trattamento delle mani del chirurgo, per prevenire la formazione di piaghe da decubito , ecc.) - una soluzione al 95% di alcol etilico. In condizioni di combattimento, l'alcol etilico è stato ampiamente utilizzato in piccole dosi per la prevenzione dello shock. In caso di avvelenamento acuto con alcol etilico, è necessario eseguire un lavaggio gastrico, riscaldare il paziente (coperta, tamponi riscaldanti), immettere caffeina-sodio benzoato (2 ml di soluzione al 10% per via sottocutanea) o altri antagonisti fisiologici dell'alcool etilico - carasolo, cordiamina, fenamina .

Alcol etilico (sinonimo: alcol di vino, etanolo), formula C 2 H 5 OH è uno degli alcoli. Contenuto in bevande fermentate.

Liquido limpido; t ° kip 78,37 °, t ° pl - 114,6 °, d 20 4 = 0,7893. Con l'acqua, la glicerina, l'etere si mescola sotto tutti gli aspetti. L'alcol normale rettificato contiene il 95,5% di alcol e circa il 4,5% di acqua. Questa miscela viene distillata senza modificare la composizione a 78,15 ° (miscela azeotropica).

L'alcool assoluto, cioè anidro, è ottenuto legando acqua che è chimicamente presente nel materiale rettificato. In tecnologia e farmacia, la concentrazione di alcol non è espressa in peso, ma in percentuale in volume (gradi). La concentrazione di alcol è determinata utilizzando misuratori di alcol, il cui dispositivo è simile agli idrometri (vedere).

L'alcol etilico si ottiene in vari modi: 1) biochimico (per fermentazione); 2) chimica (per sintesi).

La produzione di alcol etilico per fermentazione viene effettuata con la partecipazione di un numero di enzimi. Zucchero d'uva - glucosio - o sostanze meno costose - l'amido contenuto nelle patate e nei cereali viene preso come materia prima. Allo stato attuale, sono sviluppati metodi tecnici per l'ottenimento di alcol da materie prime non alimentari - legno. La cellulosa, che costituisce la parte principale del legno, è sottoposta a idrolisi con acido solforico sotto pressione, a seguito della quale si forma il glucosio, che viene poi fatto fermentare per formare alcol etilico.

Tra i metodi chimici di produzione di etanolo, la sua produzione da acetilene è della massima importanza. Negli ultimi anni, la produzione di alcol etilico dall'etilene contenuto nei gas di scarico durante la fessurazione è diventata di grande importanza.

L'alcol etilico è inerente a tutte le reazioni degli alcoli (vedi).

L'alcol etilico è utilizzato nell'industria chimica e farmaceutica, per la sintesi della gomma, nonché per la produzione di acido acetico, etere dietilico e altre sostanze. Una grande quantità di alcool etilico è utilizzata in farmacia per la preparazione di tinture alcoliche di sostanze medicinali. Al fine di rendere alcolico etilico, che viene utilizzato a fini tecnici, inadatto per bere, è denaturato (alcool denaturato), cioè alcool metilico, olio di fusoli, basi piridiniche sono aggiunti ad esso e colorato.

A causa della capacità di coagulare le proteine, l'alcol etilico è usato come disinfettante per la conservazione di preparati anatomici; in medicina, l'alcol etilico è usato per macinare e per altri scopi. L'alcol etilico in piccole quantità agisce in modo inebriante, in grandi dosi causa uno stato vicino all'anestesia, che a volte termina con la morte.

Alcol etilico come preparazione (Spiritus aethylicus). Con l'azione di riassorbimento, l'alcol etilico provoca l'anestesia. Come narcotico, l'alcol etilico è caratterizzato da una piccola ampiezza di azione narcotica e l'anestesia che provoca è caratterizzata da uno stadio pronunciato di eccitazione e incontrollabilità. Questi motivi escludono completamente l'uso di alcol etilico per l'anestesia e lo stato narcotico nel caso di assunzione di una grande quantità di alcol è considerato come avvelenamento acuto con alcol etilico. Lo stato di euforia, grave analgesia, che si verifica dopo l'assunzione di alcol, e la sua capacità di aumentare costantemente la pressione del sangue determinano le proprietà anti-shock dell'alcol etilico. Pertanto, fa parte di un numero di fluidi anti-shock (vedi). Quando l'ingestione di alcol etilico dilata in modo riflessivo i vasi sanguigni della pelle, che è soggettivamente espressa nella sensazione di calore, ma il trasferimento di calore aumenta. Inoltre, l'alcol etilico riflessivo migliora il lavoro delle ghiandole del tratto gastrointestinale e allo stesso tempo indebolisce la capacità digestiva dei succhi gastrici e intestinali. L'alcol è ben assorbito nel tratto gastrointestinale e contribuisce all'assorbimento di altre sostanze, in quanto è un buon solvente e, inoltre, provoca l'espansione dei vasi della membrana mucosa. Nel corpo, fino al 99% dell'alcool etilico iniettato subisce l'ossidazione e solo l'1% viene escreto dai reni e attraverso i polmoni invariati. Durante la combustione dell'alcol etilico, viene rilasciata una grande quantità di energia (1 g dà 7,1 kcal), che può essere utilizzata in alcuni casi per prevenire la ripartizione di grassi e carboidrati. L'alcol etilico subisce l'ossidazione in anidride carbonica e acqua, quindi una singola dose di una dose di narcotico non lascia alcuna conseguenza. Con l'uso regolare di alcol etilico può sviluppare dipendenza - alcolismo (vedi), che richiede un trattamento speciale. L'applicazione locale di etanolo è irritante. In concentrazioni del 70% e del 95%, la proteina coagula, su cui si basa l'effetto abbronzante dell'alcol. L'alcol etilico ha proprietà antisettiche; come antisettico usato per maneggiare le mani del chirurgo, il campo operatorio, gli strumenti chirurgici. L'etanolo è prodotto in concentrazione del 95%. Durante la conservazione, considerare la sua volatilità e infiammabilità.

Alcol etilico in medicina legale . L'esame dell'intossicazione da alcol viene effettuato in individui.

Oltre agli esami medici, eseguono un test qualitativo preliminare di A. M. Rappoport (vedi Alcolismo) con aria espirata. Per i campioni positivi, sangue e urina vengono presi per quantificare l'alcol in essi (preferibilmente nelle prime 5 ore, ma non oltre un giorno dopo l'assunzione di alcool). I risultati di uno studio quantitativo dell'alcol etilico consentono di impostare il tempo di ammissione e la quantità di alcol assunto, nonché di valutare il grado approssimativo di intossicazione. Secondo I. V. Skopila (1959), la concentrazione di alcol fino a 0,05-0,2 rientra nella norma fisiologica; ad una concentrazione di 0,2-0,5 ‰, il test è praticamente sobrio; 0,5-1 - lieve intossicazione; 1-2.5 ‰ - il grado medio di intossicazione; oltre 3 ‰ - avvelenamento grave con possibilità di morte.

In una visita medica forense di un cadavere, è necessario escludere o accertare che la causa della morte sia l'avvelenamento da alcol etilico. I giovani muoiono più spesso per avvelenamento da alcol etilico (quando assumono grandi quantità), e nelle persone di mezza età e anziani, la morte spesso si verifica a causa di un disturbo cardiaco quando si assume l'alcol etilico a dosi molto meno letali. Al necropsy, non ci sono segni caratteristici che indicano la morte da avvelenamento da alcol etilico. Notano la pienezza degli organi interni, l'edema dei polmoni, il cervello e le meningi; ecchimosi sotto la pleura, l'epicardio e la congiuntiva; la vescica è spesso distesa nelle urine. Le cavità e gli organi del cadavere emanano un forte odore di alcol. Il più grande valore per la determinazione dell'avvelenamento da alcol etilico come causa di morte è uno studio quantitativo dell'alcol etilico nel sangue, negli organi e nelle urine. Per gli studi quantitativi, il sangue viene prelevato dalla vena femorale. I risultati vengono giudicati in base al tempo e alla quantità di alcol etilico assunto, al grado di intossicazione e, a volte, al tempo trascorso dal momento in cui si assume l'alcol etilico fino alla morte. Si tenga presente che l'alcol etilico evapora gradualmente sia dal materiale prelevato che dal cadavere (la quantità di etanolo nel cadavere può diminuire del 4-6% al giorno). È necessario valutare con cautela i risultati della determinazione della quantità di alcol etilico nei cadaveri decaduti, poiché i dati potrebbero non essere attendibili.