Eviscerazione oculare (exenteration)

Eviscerazione dell'occhio

Eye Evisceration (sinonimo di esentazione) è l'operazione di rimozione del contenuto del bulbo oculare. L'eviscerazione dell'occhio è indicata per la panoftalmite (vedi) e l' endoftalmite (vedi), cioè nei casi in cui l' enucleazione dell'occhio (vedi) è associata alla possibilità di complicanze, processi purulenti. Sotto anestesia locale di novocaina, la cornea con una striscia stretta della sclera e l'intero contenuto del bulbo oculare vengono rimossi; i punti sulla ferita non si impongono. Dopo 2-3 settimane, è possibile inserire la protesi oculare.

Eviscerazione dell'occhio (evisceratio bulbi; Lat. Eviscerare - estrarre gli interni, sinonimo di esordio oculare) è l'operazione di rimuovere il contenuto del bulbo oculare. L'eviscerazione dell'occhio viene eseguita principalmente con la panoftalmite, quando l'enucleazione dell'occhio non è indicata a causa del rischio di complicanze purulente.

L'eviscerazione oculare viene solitamente eseguita in anestesia locale: una soluzione all'1-2% di novocaina 1,5-2,0 ml viene iniettata nei quattro angoli dell'orbita attraverso la pelle nella fibra dell'orbita. Dopo aver tagliato la congiuntiva, l'arto viene separato dalla sclera ad una profondità di 1 cm. Il coltello orizzontale viene inserito nella sclera lungo il meridiano orizzontale, a 1-2 mm dall'arto; Vykol fa rispettivamente posizionare vcol dal lato opposto. Segare il coltello produce un'incisione sclerale patchwork su. Dopo aver afferrato la metà superiore della cornea con una pinzetta, hanno tagliato la sua metà inferiore con una striscia di sclera di 1-2 mm in un cerchio con le forbici ricurve (Fig. 1). Tenendo la sclera con una pinzetta, viene inserito un cucchiaio piatto tra esso e la coroide, che rimuove il contenuto del bulbo oculare (Fig. 2). Le pareti della cavità sclerale vengono accuratamente raschiate e pulite con batuffoli di cotone fino a quando la superficie interna della sclera è completamente pulita. Nella sclera produrre quattro tacche con una lunghezza di 0,5 cm (Fig., 3), che accelera la cicatrizzazione del moncone. La cavità sclerale viene lavata con perossido di idrogeno. Nella cavità congiuntivale instillata una soluzione al 30% di albutside; sull'occhio imporre una benda di pressione. L'eviscerazione dell'occhio fornisce un effetto cosmetico migliore rispetto all'enucleazione (un moncone mobile con la presenza di un nodulo sclerale sotto la congiuntiva e la conservazione dell'attaccamento naturale dei muscoli oculari alla sclera).

elevazione dell'occhio
Eviscerazione dell'occhio (fasi dell'operazione).