Trattamento con sintomi di ependimatite

ependymitis

L'ependimite (ependimite, sinonimo di ependimite) è un'infiammazione dell'endometrio dei ventricoli del cervello. L'ependimite si verifica solitamente come una complicazione della meningite purulenta o tubercolare con trattamento tardivo e insufficientemente intensivo. La comparsa dei sintomi di ependimite peggiora sempre significativamente la prognosi della malattia di base.

Anatomia patologica . Due forme principali si distinguono lungo il corso del processo infiammatorio: ependimatite acuta e cronica.

Nell'ependimatite acuta c'è un'infiammazione essudativa dell'ependima (sierosa, purulenta o fibrinosa).

Nell'ependimatite cronica, l'infiammazione è produttiva (specifica o non specifica).

Macroscopicamente in forme essudative di ependimatite acuta o cronica, indipendentemente dall'età, il cervello è ingrandito, il giro è piatto, i solchi sono levigati, i ventricoli, soprattutto quelli laterali, sono allungati e riempiti con essudato sieroso, purulento o fibrinoso. L'ependima è debole, ependima mostra chiaramente vasi iperemici ed emorragie focali.

L'ependimatite sierosa è macroscopicamente difficile da distinguere dall'inizio dell'idrocepalo.

Con ependima purulenta e fibrinosa sorda, coperta di essudato vischioso verdastro o di massicci film grigio-gialli, sotto la quale si rivelano necroscopia di ependima ed emorragia; e spesso il processo si estende al plesso vascolare.

Microscopicamente nei casi acuti di ependimatite, la desquamazione dell'epitelio ependimico è spesso osservata sotto forma di strati e accumulo di leucociti. Nella sostanza subependimale del cervello - edema acuto, vasocostrizione, piccolo stravaso, lieve proliferazione di astroglia.

Con forma purulenta di ependimatite, l'infiltrazione dei leucociti di ependima, pareti dei vasi e sostanza subependimale del cervello con sviluppo di piccoli fuochi di fusione è fortemente espressa. Intorno alle navi - la proliferazione di elementi glia sotto forma di frizioni e accumulo di neutrofili.

Se le forme essudative di ependimite acquisiscono un decorso cronico (fino a 2-3 mesi), nei bambini di età precoce (fino a 1 anno), si possono osservare deformità del cranio, divergenza delle suture sagittali e trasversali. I ventricoli si allargano, le atrofie cerebrali, i gironi e i solchi si appianano. Una grande quantità di essudato denso si accumula nelle cavità dei ventricoli.

Con l'esame istologico, l'epitelio ependimale è fortemente appiattito, per la maggior parte perisce, in alcuni punti prolifera, formando piccole escrescenze.

Nello strato subependimale della materia cerebrale - proliferazione diffusa di elementi mesenchimali e cellule gliali con formazione di noduli che si gonfiano nel lume dei ventricoli, sclerosi vascolare fino alla completa distruzione. Sviluppare ependimatite produttiva natura non specifica - la cosiddetta ependimatite granulans. Macroscopicamente, differisce poco dallo specifico.

Con ependimatite produttiva specifica, per lo più di eziologia tubercolare, macroscopicamente l'ependima è bruscamente ispessita, di colore grigio-giallastro, granulosamente granulare con focolai di necrosi caseosa.

Il quadro istologico di ependimatite tubercolare consiste in cambiamenti nella superficie e nella natura profonda.

Con lesioni superficiali di ependima, l'epitelio è localmente assente in alcuni punti, in alcuni punti la sua proliferazione si osserva con la deposizione di cellule ependime l'una sull'altra e la formazione di piccole escrescenze chiaramente visibili macroscopicamente. Spesso ci sono dei veri tubercoli tubercolari. Molti granulomi nel centro sono esposti a necrosi. Collinette specifiche in luoghi sulla superficie di ependima formano una catena continua e continua. Nel lume dei ventricoli compaiono "flocculati", costituiti da una massa proteica addensata, cellule dell'epitelio ependimico caduto e macrofagi che si depositano in ependima in posti danneggiati.

Nello strato subependimale della materia cerebrale, insieme ad edema, infiltrazione linfoide perivascolare, rapida proliferazione della glia e formazione di tubercoli tubercolari sono espressi.

Tubercoli tubercolari sulla superficie del ependima sono a forma di fungo, allentati, spesso associati a infiltrati perivascolari. I granulomi subependimari sono più compatti.

Nel trattamento della ependimatite da tubercolosi con antibiotici, AP Avtsyn, TE Ivanovskaya ha notato una marcata predominanza della reazione produttiva, in paradiso può portare alla coesione e alla formazione di aderenze grossolane nelle cavità dei ventricoli del cervello.

Gravi cambiamenti nell'ependima, nel plesso vascolare, nella formazione di aderenze e aderenze grossolane, fino alla completa obliterazione dei canali cerebrali, portano a una violazione dell'isolamento e dell'assorbimento del liquido cerebrospinale, che è la causa principale dello sviluppo dell'idrocefalo.

Le manifestazioni cliniche di ependimatite sono composte da sintomi cerebrali e locali, determinati dal livello di danno. I sintomi cerebrospinali associati a ependimatite dipendono da disturbi significativi nella corretta circolazione del liquido cerebrospinale e sono dovuti allo sviluppo di idrocefalo. Nei pazienti, crescono mal di testa, vertigini, adynamia, sonnolenza. Successivamente, si aggiungono vomito ripetuto, bradicardia, cambiamenti stagnanti nel fondo. L'aumento della gravità dei sintomi meningei in questo periodo della malattia è dovuto alla forte ipertensione endocranica che si è manifestata a seguito di ependimatite. A volte i sintomi ipertensivi si manifestano parossisticamente e possono essere combinati con convulsioni cloniche o clonotoniche e sintomi neurologici focali associati a danno ventricolare, che indica il carattere idrocefalico-occlusivo delle crisi. La natura dei sintomi focali e convulsioni è determinata dal livello di occlusione occlusiva. Il processo adesivo con ependimite non è solo la causa delle crisi occlusive, ma può portare alla formazione di piocefalia. In questi casi, con la puntura del ventricolo, si ottiene essudato purulento, mentre il liquido cerebrospinale ottenuto con la puntura lombare non viene modificato. I cambiamenti infiammatori nell'ependimatite nella regione subendimale portano anche allo sviluppo di sintomi neurologici focali del ventricolo corrispondente (la cosiddetta ventricolite). La stabilità di questa sintomatologia è caratteristica della ventricolite e il suo aspetto durante il periodo di crisi è per le crisi occlusali.

Ependimatite particolarmente frequente con una lesione predominante di III e IV dei ventricoli cerebrali e dell'acquedotto di Sylvian.

La sconfitta dell'area del terzo ventricolo è abbastanza costante per la meningite tubercolare. I pazienti sviluppano vari sintomi della patologia ipotalamica - violazioni di vari tipi di metabolismo, bulimia, disturbi della termoregolazione, pubertà precoce, disturbi del ciclo mestruale , ecc.

In caso di violazioni del mesencefalo (acquedotto cerebrale), la rigidità muscolare significativa si sviluppa con una regolazione delle mani in flessione e una regolazione delle gambe estensoria, una tensione dei muscoli della schiena - la cosiddetta rigidità decerebrale, che oscura sempre in modo significativo la prognosi.

Sintomi gravi si verificano anche con ependimatite IV del ventricolo cerebrale. Vertigini, nistagmo, disturbi di coordinazione, singhiozzo persistente, vomito compaiono nei pazienti. L'aritmia respiratoria, le fluttuazioni della pressione arteriosa e la labilità del polso, che indicano la sconfitta dei centri respiratori e vasomotori, sono sempre potenzialmente letali. Con ependimatite della regione IV del ventricolo, possono anche esserci lesioni dei nuclei dei nervi craniocerebrali VI-XII situati in questa regione. La patologia nella regione del ventricolo IV è sempre accompagnata da una sindrome ipertensiva particolarmente pronunciata e un torcicollo chiaro.

Il trattamento intensivo della meningite iniziata nel primo periodo (vedi) è la principale condizione per prevenire l'ependimite. Quando si manifestano sintomi di ependimite, è necessario rafforzare il trattamento anti-infiammatorio con antibiotici in combinazione con disidratazione e agenti stimolanti.