electrogastrography

electrogastrography

L'elettrogastrografia è un metodo per registrare i potenziali gastrici che riflettono la sua funzione motoria utilizzando un dispositivo elettrogastrografico.

L'elettrogastrografia viene eseguita a stomaco vuoto (è necessario prima pulire l'intestino) dopo una colazione di prova (150 g di pane bianco e 1 tazza di dolce) nella posizione supina del paziente per 40-60 minuti.

L'elettrodo differenziale (di lavoro) (ventosa) impone sulla parete addominale anteriore nella linea mediana dell'addome sull'antro dello stomaco, che viene determinato radiograficamente. Il secondo elettrodo viene applicato alla gamba destra. Prima di applicare gli elettrodi lubrificati con una speciale pasta per elettrodi.

L'analisi degli elettrogastrogrammi viene effettuata sulla base della dimensione dei denti e della frequenza del ritmo (Fig.).


Elettrogastrogrammi di un paziente con ulcera gastrica: 1 - prima del trattamento; 2 - dopo il trattamento.

L'elettrogastrografia viene prodotta in malattie dello stomaco per determinare lo stato della sua funzione motoria e per chiarire l'effetto di sostanze medicinali su di esso.

L'elettrogastrografia (gaster greco - stomaco, grafo - scrivo, scrivo) è il metodo per registrare i potenziali elettrici che si verificano nello stomaco durante la sua attività.

V. Yu. Chagovets et al. considera che le correnti elettriche che si formano nello stomaco siano il risultato dell'attività delle ghiandole digestive. Altri autori considerano queste correnti come il risultato dell'attività muscolare dello stomaco. Studi paralleli su palloncino ed elettrogastrografici in pazienti sani e affetti da gastrite cronica e stenosi pilorica hanno dimostrato che i denti dell'elettrogastrogramma e del meccanogramma coincidono nel tempo, nelle dimensioni e persino nella forma. I denti elettrostatici dei denti riflettono le biocorrenti che si verificano durante l'attività peristaltica dello stomaco. A questo proposito, si propone di chiamare le oscillazioni elettrogastrografiche del potenziale "denti peristaltici di un elettrogastrogramma" invece del vecchio termine "oscillazioni spontanee del potenziale d'azione gastrico" (L. G. Krasilnikov).

Ya. I. Daikhovsky e V. S. Rusinov (1939) furono i primi a usare l'elettrogastrografia per caratterizzare la funzione motoria dello stomaco. È stato anche sviluppato un metodo per registrare le biocorrenti dello stomaco nell'uomo dalla parete addominale anteriore. M. A. Sobakin e gli ingegneri M. A. Gurevich, S. M. Yakovlev e L. N. Mishin hanno creato elettrofisiografi EGS-1, EHS-2, EHS-3, che consentono di registrare lenti cambiamenti di biocorrenti dalla superficie corporea (2-3 fluttuazioni in 1 min.), corrispondente al ritmo dell'attività peristaltica dello stomaco. A causa della stretta larghezza di banda delle frequenze (0,05-0,2 Hz), l'elettrografo rappresenta una registrazione selettiva dalla superficie del corpo di quelle oscillazioni di biocorrenti, i cui cambiamenti avvengono in modo sincrono con il ritmo della peristalsi gastrica. Il nuovo electrogastrograph ha ridotto significativamente la velocità di movimento del nastro di registrazione (fino a 10 mm in 1 min.).

Per registrare un elettroastrogramma usando il metodo Sobakin, la persona ricercata riceve una colazione standard al mattino (1 tazza di tè dolce e 150 g di pane bianco) e 1-2 sorsi di massa di bario. Radiograficamente (nella posizione orizzontale del paziente sul trochoscopio) determina la proiezione dell'antro dello stomaco - il luogo di imposizione dell'elettrodo di ritaglio. L'elettrogastrogramma viene rimosso entro 30-60 minuti.


Fig. 1. Elettrogastrogramma di una persona sana (per Sobakin). Calibrazione a destra: l'altezza delle colonne corrisponde a 0,25-0,5-1 mV. Sotto c'è un timer (in min.).

Prima dell'inizio della registrazione e dopo il suo completamento, viene stabilita una calibrazione dei potenziali (0,25-0,5-1 mV; Fig. 1). Questo metodo di elettrogastrografia è semplice, fisiologico ed è disponibile per l'uso in un'ampia pratica clinica. Permette di studiare le dinamiche della funzione peristaltica dello stomaco (ritmo, profondità) durante il periodo di digestione in quasi tutti i pazienti, che si confronta positivamente con altri metodi di studio della funzione motoria dello stomaco.

Nelle persone sane, durante la digestione, A. S. Belousov ha rivelato varie magnitudini delle ampiezze delle oscillazioni elettriche nell'elettrogastrogramma: in alcuni erano 0,2-0,28 mV, in altri - 0,48-0,75 mV. Le differenze sono dovute alle caratteristiche tipologiche della funzione di evacuazione del motore dello stomaco.

L. G. Krasilnikov e B. I. Fishzon-Ryss hanno trovato tre tipi di curve elettrogastrografiche in soggetti sani: normocinetici con un'ampiezza di denti di 0,2-0,4 mV, ipercinetici con un'ampiezza di denti superiore a 0,4 mV, e ipocinetici con un'ampiezza denti inferiori a 0,2 mV.

Nei processi patologici che comportano una violazione della motilità gastrica (ulcera peptica nella fase acuta, stenosi organica dell'antro), si osservano cambiamenti caratteristici nell'elettrogastrogramma. Il giusto ritmo delle contrazioni viene violato, i denti sulla curva hanno ampiezze diverse (Fig. 2). Quando il processo doloroso si attenua o l'elettrogastrogramma di recupero completo si normalizza.


Fig. 2. Elettrogastrogrammi di pazienti con motilità gastrica compromessa (secondo Belousov): a - in un paziente con ulcera duodenale con sindrome da dolore grave; b - nello stesso paziente dopo la cessazione del dolore e miglioramento della condizione generale; c - in un paziente con una stenosi organica dell'antro dello stomaco.

L'elettrogastrografia viene utilizzata per studiare l'effetto sulla funzione motoria dello stomaco di vari agenti farmacologici una volta somministrati. L'accettazione di 2-5 g di bicarbonato di sodio (bicarbonato di sodio) provoca un aumento dell'ampiezza delle oscillazioni elettriche su un elettrogastrogramma. L'acido cloridrico ritarda l'attività peristaltica dello stomaco: piccole ampiezze di oscillazioni elettriche sono registrate su un elettrogastrogramma (A. S. Belousov, G. L. Levin). Nelle persone sane e nei pazienti con ulcera peptica, l'atropina riduce le ampiezze delle oscillazioni elettriche in un elettrogastrogramma, la morfina le aumenta. Tuttavia, l'effetto di atropina e morfina nei pazienti dura molto più a lungo ed è più pronunciato rispetto a quelli sani (L. G. Krasilnikov).

Ulteriore accumulo dell'esperienza di ricerca elettrogastrografica, la creazione di un elettrogastrografo multicanale (L. G. Krasilnikov, I. I. Berger, 1967) aiutano a identificare le caratteristiche e la natura dei disturbi della motilità gastrica, per condurre una diagnosi differenziale delle malattie dello stomaco.