Trattamento di primo soccorso con elettrotrauma

Scossa elettrica

Una scossa elettrica è una scossa elettrica.

Lesioni elettriche si osservano nell'industria, nell'agricoltura , nei trasporti, nella vita quotidiana. Fili di telefono, radio, televisione, accidentalmente collegati alle linee elettriche, possono anche essere una fonte di lesioni elettriche. La causa dello shock elettrico può essere l'elettricità atmosferica (fulmine). In condizioni di guerra possono verificarsi scosse elettriche dal contatto con le recinzioni di filo sotto corrente elettrica ad alta tensione.

La gravità della lesione in shock elettrico dipende dalla forza e dalla tensione della corrente, dalla durata dell'azione e dalle sue proprietà fisiche (costanti, variabili). È considerata la corrente alternata più pericolosa. Il danno più grave causa una corrente elettrica di 3000 V o più. Più lungo è l'effetto della corrente, più dura è la scarica elettrica.

Le lesioni elettriche sono solitamente dure e portano ad alta mortalità.

L'impatto della corrente sul corpo provoca gravi disturbi locali e generali. Come conseguenza del contatto della pelle con un conduttore di corrente, viene rilasciata una grande quantità di calore, che provoca la distruzione del tessuto (ustioni termiche). I cambiamenti possono essere osservati non solo nella pelle, ma anche in tessuti situati profondamente (muscoli, ossa, articolazioni). Come risultato di ustioni profonde, tronchi nervosi necrotici, costole, la parete anteriore delle cavità paranasali subisce necrosi, perforazione delle pareti della cavità orale, opacizzazione secondaria della lente, ecc.

Le ustioni elettriche sono caratterizzate da "segni attuali" (Fig. 1-5), vale a dire una crosta densa che segue la forma di un cavo elettrico con il quale la vittima è venuta in contatto. Di norma, le bruciature elettriche sono limitate nell'area, ma penetrano sempre a una profondità maggiore (Fig. 6).

Le ustioni più gravi si verificano quando un arco elettrico viene applicato da installazioni ad alta tensione (Fig. 7).

scosse elettriche
Scossa elettrica Fig. 1 - 3. Contatto con scosse elettriche in violazione dell'isolamento di un ferro da stiro elettrico (220 V). Segni attuali. Fig. 1. Prima del trattamento. Fig. 2. Durante il periodo di trattamento. Fig. 3. Dopo la guarigione. Fig. 4. Contattare la scossa elettrica (220 V). Segni di corrente sull'avambraccio . Fig. 5. Segni di una corrente a una scossa elettrica da una spina di un cavo (220 V). Fig. 6. Contatto traumi elettrici al viso e al cuoio capelluto con danni alle ossa. Fig. 7. Bruciatura dell'arco elettrico del viso, del collo e dell'arto superiore durante la riparazione di impianti elettrici sotto tensione (380 V).

Se durante una scarica elettrica i vestiti si accendono, sono possibili ustioni usuali (vedere).

Fenomeni generali di shock elettrico dovuti a disturbi del sistema nervoso centrale, organi respiratori e circolatori. Lo shock elettrico è caratterizzato da svenimento, perdita di coscienza, disturbi del linguaggio , convulsioni , nei casi gravi - shock (cm), disturbi respiratori (fino a un arresto). La morte può verificarsi immediatamente.

L'operatore sanitario medio che può essere il primo sulla scena dovrebbe ricordare che prima di eseguire il primo soccorso, si dovrebbe liberare la vittima dalla corrente - spegnere l'interruttore, svitare il fusibile, tagliare i cavi o scartarli con un bastone di legno o altri oggetti non conduttivi. Se questo non è possibile, la vittima dovrebbe essere trascinata via. La rimozione della vittima, al fine di evitare la sconfitta del soccorritore, viene eseguita con l'osservanza delle precauzioni: senza toccare le parti esposte del corpo, tenere la vittima solo con i suoi vestiti e trasferirlo in un luogo sicuro. Devi prima indossare guanti di lana o di lana asciutta, avvolgere le mani con indumenti asciutti o stare su un oggetto isolante (pneumatico, tavola, stracci asciutti).

Sul posto si procede immediatamente a misure volte a ripristinare l'attività del sistema cardiovascolare e della respirazione (vedi Shock , Svenimento). In caso di morte clinica, dovrebbero iniziare respirando bocca a bocca o bocca a naso (vedi. Respirazione artificiale) e massaggio cardiaco chiuso, che viene effettuato con spinte uniformi di entrambe le mani all'estremità inferiore dello sterno (vedere Revitalizzazione del corpo). La rianimazione dovrebbe continuare durante il trasporto della vittima.

La cessazione della respirazione artificiale è possibile solo dopo aver recuperato la respirazione spontanea del paziente o quando vi sono indubbi segni di morte (punti morti). La respirazione artificiale è combinata con l'introduzione sotto la pelle di una soluzione all'1% di lobelina 1 ml o 1 ml di cititone , così come una soluzione di glucosio al 5% (per via endovenosa da 500 ml o più) o altri farmaci che agiscono in modo simile. L'instillazione di lesioni elettriche nel terreno non ha alcun effetto terapeutico ed è un pregiudizio pericoloso, in quanto ritarda l'attuazione di misure di rianimazione di emergenza, la cui efficacia influenza la vita della vittima.

Evacuare urgentemente le persone ferite da shock elettrico negli ospedali chirurgici. In futuro, il trattamento delle ustioni elettriche, così come il trattamento dei disturbi e delle complicanze comuni degli organi interni, è di cruciale importanza.

La prognosi delle forme leggere e medie di shock elettrico, a condizione che il trattamento tempestivo sia favorevole. Ma a causa di lesioni elettriche, si possono sviluppare sepsi , meningite, polmonite e altre malattie, che a loro volta sono pericolose per la vita del paziente.

Il mezzo più efficace per prevenire le lesioni elettriche è l'esatta implementazione e osservanza delle precauzioni di sicurezza durante l'installazione, la riparazione e il funzionamento di impianti elettrici, istruzioni e un sistema permanente di familiarizzazione del pubblico con misure per prevenire lesioni elettriche. Per evitare danni da fulmine, chiudere finestre e tubi durante un temporale, spegnere la radio con un'antenna. Nella foresta e nel campo non bisogna nascondersi sotto la sola posizione o sovrastanti altri alberi; È pericoloso stare in luoghi sopraelevati o vicino a terra di parafulmini.

Lesione elettrica - danno derivante dal passaggio di una corrente elettrica attraverso il tessuto, dal punto di ingresso al punto della sua uscita.

Una scarica elettrica può verificarsi non solo attraverso il contatto diretto di una parte del corpo con una sorgente di corrente, ma anche durante il contatto di arco, quando una persona è vicina a un'unità sotto tensione superiore a 1000 V. Un contatto ad arco si verifica a causa di un salto di elettroni da un impianto elettrico a oggetti con buona conduttività (corpo umano - un buon conduttore) attraverso l'aria. Questo tipo di lesione non può essere identificato con lesioni causate da un arco elettrico (volt) che provoca ustioni termiche e danni leggeri agli occhi.

Una lesione elettrica rappresenta il 2-2,5% di tutte le lesioni, con una percentuale significativa di mortalità.

Le lesioni da contatto elettrico si verificano spesso in primavera-estate e in estate-autunno. Nella produzione di lesioni elettriche si trovano tra elettricisti, operai edili e lavoratori specializzati di altre specialità. Le circostanze e le condizioni in cui si verificano le lesioni elettriche sono molto diverse, ma la ragione di queste è molto spesso la non osservanza delle regole delle tecniche di sicurezza elettrica.

Il risultato di una lesione elettrica dipende dai parametri fisici della corrente, dallo stato fisiologico del corpo e dalle caratteristiche dell'ambiente esterno che la influenzano direttamente. È stato dimostrato che la corrente alternata con tensione fino a 450-500 V è più pericolosa della corrente continua e, a tensioni superiori a 450-500 V, la corrente continua è più pericolosa della corrente alternata. Si è stabilito sperimentalmente che il pericolo di essere investiti da una corrente alternata a una tensione di 42,5 volt è uguale al pericolo di essere investiti da una corrente continua a una tensione di 120 V. Una corrente in un circuito elettrico di 100 mA è sicuramente mortale. Questo valore è indicato nella documentazione tecnica obbligatoria - regole, istruzioni.

È considerato come una corrente di 15 mA che causa uno spasmo, cioè "non-rilascio"; il suo principale pericolo è il "concatenamento" del soggetto interessato al soggetto che trasporta corrente. È stato stabilito che il limite della corrente "non in uscita" è per gli uomini in media 11-12 mA, per le donne 7-8 mA. Come criterio di sicurezza, considerano (in tutti i casi, compresa la coincidenza di tutti i fattori avversi) una corrente di 0,1 mA, cioè 10 volte inferiore a quella iniziale (fastidiosa).

Il surriscaldamento del corpo aumenta il rischio di scosse elettriche. Pertanto, nei negozi caldi applicare bassa tensione. Un aumento del contenuto parziale di ossigeno nell'aria riduce la sensibilità del corpo alla corrente elettrica e, al contrario, un contenuto ridotto di ossigeno lo aumenta. Maggiore è l'umidità nella stanza, maggiore è il contatto con l'arco. Le lesioni elettriche causate dalla corrente di un circuito elettrico possono essere il risultato di effetti termici, elettrochimici, elettrodinamici diretti della corrente su un organismo vivente. Ma possono anche essere una conseguenza dell'effetto indiretto di una corrente elettrica attraverso determinate reazioni fisiologiche che si verificano in risposta a uno stimolo esterno. La corrente elettrica agisce sia localmente, danneggiando il tessuto, sia di riflesso, attraverso il sistema nervoso. L'azione riflessa è espressa in modo molto acuto, perché la corrente, passando attraverso il corpo degli affetti, irrita le terminazioni periferiche dei nervi sensoriali.

I sintomi e il decorso delle lesioni elettriche sono molto diversi e dipendono dal periodo di danno. Al momento del passaggio di una corrente elettrica una persona può sperimentare lesioni di quattro gradi:
I - contrazione convulsiva dei muscoli senza perdita di coscienza; II - contrazione convulsa dei muscoli e perdita di coscienza; III - contrazione convulsiva dei muscoli con perdita di coscienza e alterata attività cardiaca o respiratoria (entrambi sono possibili); IV: morte clinica o immaginaria.

Dopo essere stati rilasciati dall'influenza della corrente elettrica, i pazienti con lesioni elettriche di grado I subiscono uno spavento acuto, brividi, pallore della pelle compaiono, alcuni pazienti perdono conoscenza. Nei pazienti con shock elettrico di II grado, la coscienza ritorna rapidamente, ma sono anche in uno stato di paura.

Quando lo shock elettrico è di III grado, oltre alla perdita di coscienza, può verificarsi una sordità dei suoni cardiaci, un indebolimento dell'impulso, tachicardia e talvolta aritmia. La respirazione è difficile non solo a causa di una forte contrazione tetanica dei muscoli del torace e del diaframma, ma anche dello spasmo delle corde vocali - la persona colpita non può urlare e chiedere aiuto.

Il grado di danno al corpo al momento del passaggio di una corrente non può predeterminare il corso di una scossa elettrica in futuro. È errato considerare una lesione elettrica facile se al momento della sconfitta una persona non ha perso conoscenza, perché dopo un mese, e qualche volta dopo, il paziente può venire alla luce le complicazioni più inaspettate associate a lesioni elettriche.

Il quadro clinico delle lesioni elettriche è vario, ma si riduce principalmente ai sintomi di disfunzione di tutte le parti del sistema nervoso. Violazioni della funzione del sistema nervoso centrale, espresse in perdita di coscienza, si verificano al momento della lesione elettrica. I sintomi locali sono generalmente rilevati nelle prime ore dopo una lesione, ma a volte possono manifestarsi in pochi giorni. Ci sono due tipi di danni al sistema nervoso centrale.

In alcuni di quelli colpiti, la coscienza è oscurata e predominano i processi inibitori. I pazienti sono pigri, inibiti, sonnolenti, riluttanti a parlare di ciò che è successo, lamentano mal di testa, vertigini, nausea, assomigliano a pazienti con commozione cerebrale. I sintomi locali sono stati osservati in un piccolo numero di pazienti affetti, manifestati nell'asimmetria dell'innervazione delle coppie VII e XII dei nervi cranici, nistagmoide, convergenza insufficiente, sintomo oculostatico, diminuzione e aumento dei riflessi tendinei e violazione di alcuni tipi di sensibilità.

In altri, i processi di eccitazione prevalgono. Le vittime sono incoscienti, ma agili, irrequiete; questa condizione può durare per diverse ore. Ci sono marcate iperemia della pelle e cianosi leggera delle labbra, minzione involontaria. Impulso frequente, buon riempimento, ritmico. I sintomi neurologici non sono molto diversi dai sintomi nei pazienti del primo tipo.

Nei giorni successivi, tutte le vittime hanno un quadro neurologico molto variegato e caratterizzato dalla presenza di disturbi funzionali. Questi ultimi rimangono a lungo, il che porta alla disabilità parziale o completa. Memoria, attenzione ridotta, distrazione, affaticamento. 2-3 settimane dopo una scossa elettrica in alcuni pazienti, si possono notare disturbi endocrini - ipotiroidismo (perdita di capelli, pelle secca) o più spesso la sua iperfunzione (ingrossamento della ghiandola, esoftalmo lieve, tachicardia). Nelle donne, c'è o un aumento della funzione ovarica (accorciamento del ciclo mestruale) o una diminuzione (cessazione delle mestruazioni). Negli uomini, l'impotenza si verifica molto spesso a lungo termine. Le complicanze più gravi delle lesioni elettriche sono le malattie mentali (epilessia, schizofrenia).

Riconoscere una lesione elettrica è difficile se la vittima ha perso conoscenza o si è verificata una morte clinica. In questi casi, la testimonianza di coloro che hanno consegnato il paziente e la presenza di segni di aiuto corrente. Questi ultimi sono patognomonici per lesioni con elettricità, ma non sono costanti (approssimativamente nel 60% delle vittime), e sono osservati più spesso e più chiaramente più alta è la tensione. Sotto l'azione di una corrente con una tensione superiore a 380 V, si verificano ustioni elettriche profonde. Si formano principalmente nei punti di entrata e di uscita della corrente, dove l'energia viene trasferita al calore di Joule. Correnti con tensioni superiori a 1000 V possono causare ustioni e in tutto l'arto, sulla superficie flessoria delle articolazioni, nella fossa cubitale, nell'ascella, ecc.

Le ustioni elettriche per lesioni elettriche sono solo di III e IV grado. Al grado IV, si verifica una lesione di tendini, nervi, muscoli e ossa.

L'aspetto di un'ustione elettrica dipende dalla sua posizione e profondità. Se procede in base al tipo di necrosi umida, la superficie della bruciatura può avere lo stesso aspetto dell'ustione termica II, e solo dopo la rimozione della vescica epidermica viene rilevata una lesione più profonda che cattura il tessuto adiposo sottocutaneo. Quando l'elettricità brucia a causa del restringimento dei tessuti, si forma un'impressione. C'è una zona di necrosi umida e una zona di iperemia. Le ustioni elettriche alla testa sono quasi sempre accompagnate da un cambiamento nell'esterno, e talvolta nella placca interna dell'osso cranico. Un'ustione che penetra nella cavità cranica può causare non solo il processo infiammatorio nelle membrane del cervello, ma anche lesioni locali della sostanza cerebrale. Le ustioni elettriche sono caratterizzate dall'assenza di dolore e ipestesia dei tessuti adiacenti.

Tuttavia, con il contatto diretto e ad arco con correnti ad alta resistenza e alta tensione, l'arto è parzialmente o completamente carbonizzato, il braccio o la gamba feriti è piegato in tutte le articolazioni a causa della contrazione tetanica dei muscoli. Le vittime sono irrequiete, lacerate da forti dolori causati da spasmi muscolari o danni alla nave principale, che in un paziente crea una sensazione di laccio emostatico sovrapposto.

La violazione della sensibilità al dolore è notata non solo per estese ustioni, ma anche per ustioni come i segni di corrente. Ci sono cambiamenti nei nervi periferici del tipo di neurite ascendente con paresi, disturbi sensoriali e trofici. Non vengono rilevati immediatamente dopo la sconfitta. Ma se il nervo periferico si trova nella zona dell'ustione elettrica, la paralisi flaccida si verifica immediatamente dopo la lesione.

Quando l'elettroshock rallenta il processo di rigetto della crosta, la formazione del tessuto di granulazione e l'epitelizzazione della ferita. La crescita dell'epitelio può venire solo dalla pelle sana.

Per le bruciature elettriche che catturano un arto in tutto o in parte, il sanguinamento è caratteristico. Più profondo e più esteso è il danno ai tessuti molli, può verificarsi il sanguinamento più precoce. Sull'anca, il sanguinamento secondario può iniziare nella prima settimana dopo l'infortunio, sulla spalla nella seconda settimana, sull'avambraccio e sulla parte inferiore della gamba nella terza e quarta.