cirrosi

cirrosi

La cirrosi è una sclerosi intensa dell'organo parenchimatoso ( fegato , reni , polmoni, ecc.) Con la sua compattazione, riduzione delle dimensioni e marcata deformazione. La stragrande maggioranza della cirrosi è basata sullo sviluppo di focolai di necrosi, seguita dalla loro sostituzione con tessuto connettivo e dallo sviluppo simultaneo di focolai di rigenerazione parenchimale . La cirrosi si sviluppa in violazione della circolazione sanguigna nell'organo, effetti tossici, così come nel risultato di processi distrofici e infiammatori. Nel sito del parenchima morto si verifica una retrazione cicatriziale, nella rigenerazione del parenchima preservato si verifica (vedi) con la formazione di nodi rigenerativi. Il corpo di solito è di dimensioni ridotte, diventa denso e la sua superficie è irregolarmente irregolare.

Vedi anche la sclerosi.

La cirrosi (dal greco Kirros - ocra-giallo) è la proliferazione del tessuto connettivo negli organi parenchimatosi in vari processi patologici (infiammazione, morte del parenchima a causa di effetti tossici, disturbi circolatori, ecc.). Inizialmente, il termine cirrosi si riferiva solo al fegato, che in questi casi diventa una tonalità giallo ocra. Attualmente, il termine cirrosi epatica (vedi Cirrosi epatica) ha un significato leggermente diverso.

La cirrosi può anche verificarsi in altri organi parenchimali. Si restringono e si condensano. Pertanto, questo tipo di lesione viene anche indicato come cirrosi e sclerosi (ad esempio, nefrosclerosi, pneumosclerosi, cardiosclerosi). Vedi anche la sclerosi.