Rischi occupazionali nella produzione di cemento delle malattie respiratorie

Produzione di cemento

La produzione di cemento è un'industria di materiali da costruzione .

La principale produzione di cemento semilavorato è il clinker (parte della maggior parte dei cementi); la materia prima per il clinker è calcare o gesso e argilla. Gli additivi introdotti nel mix grezzo determinano il grado di cemento e contengono fino al 40% o più di silice libera. Il clinker del cemento si ottiene bagnato e asciutto.

I principali fattori avversi nel settore del cemento: polverosità dell'aria, forti fluttuazioni della temperatura dell'aria e significative radiazioni termiche, rumore. Il principale fattore dannoso è la polvere, costituita da cemento, clinker, additivi, cemento pronto e carbone (vedi Polvere ).

Se non si seguono le regole di igiene industriale , i lavoratori dell'industria del cemento possono sviluppare malattie respiratorie: alterazioni ipertrofiche e atrofiche della mucosa nasale, della faringe e della laringe e pneumoconiosi (vedi); malattie della pelle, del tratto gastrointestinale e del sistema nervoso periferico.

Per i lavoratori impiegati nella produzione di cemento pozzolan Portland e cemento acido, la pneumoconiosi può verificarsi dopo 7-9 anni di lavoro; di solito sono difficili e spesso associati alla tubercolosi. Per i lavoratori impegnati nella produzione di cemento Portland e scorie di cemento Portland, le pneumoconiosi si sviluppano lentamente, vengono rilevate con esperienza di oltre 10-15 anni e, di norma, procedono in modo benevolo. La pneumoconiosi può essere rilevata anche negli addetti alla macinazione, al trasporto e all'imballaggio, meno frequentemente - nelle fornaci. Al fine di prevenire e diagnosticare precocemente la pneumoconiosi, vengono forniti esami medici dei lavoratori (preliminari al momento dell'ingresso al lavoro e periodici al lavoro).

Al fine di migliorare le condizioni di lavoro della produzione di cemento, sono necessarie la massima eliminazione del lavoro manuale, la meccanizzazione e l'automazione dell'estrazione, il trasporto e la lavorazione delle materie prime, l'isolamento dei processi polverosi, il ricovero dei dispositivi di trasporto, la sigillatura delle attrezzature e la ventilazione dei gas di scarico.

Il respiratore può essere un mezzo di protezione individuale contro la polvere (vedere), che deve essere utilizzato durante operazioni con polveri elevate.

La produzione di cemento è l'industria dei materiali da costruzione. Nell'URSS, la produzione di cemento è concentrata principalmente su grandi impianti altamente meccanizzati. Ci sono due modi per produrre cemento: bagnato (il più comune in URSS) e asciutto.

I principali rischi professionali nella produzione di cemento sono polvere, condizioni meteorologiche avverse e rumore.

La produzione di polvere di cemento consiste principalmente di particelle fino a 4 micron e contiene SiO 2 (dal 20 all'80%), CaO, Al 2 O 5 , Fe 2 O 3 , tracce di composti Mn e Cr esavalente.

SiO 2 si trova nello stato libero e legato; SiO 2 libero si trova nella polvere delle fabbriche che producono cemento portland resistente agli acidi e pozzolanico.

I lavoratori delle cave e quelli impiegati in alcune aree delle materie prime e nelle officine di trasporto e imballaggio, gli operatori delle gru sono esposti a improvvisi cambiamenti di temperatura, umidità e movimento dell'aria atmosferica. In estate per questi lavoratori non è esclusa la possibilità di un significativo surriscaldamento del corpo. Nelle caldaie, il calore dei corpi di fornace riscaldati a 250-300 ° entra nei locali di produzione, la temperatura dell'aria nei periodi caldi e di transizione dell'anno per i forni raggiunge i 50 ° con un'umidità relativa del 35-77%. Nella stagione fredda, la temperatura nei luoghi di lavoro nei forni non supera i 14-24 ° con un'umidità relativa del 30-60%.

In condizioni difficili, i lavori di rivestimento vengono eseguiti durante la riparazione a caldo dei forni - la temperatura dell'aria all'interno dei forni raggiunge i 40-80 °. L'intensità della radiazione termica nei luoghi di lavoro nelle fornaci varia da 0,5 a 5 cal · cm 2 / min. Nelle officine del mulino nella stagione calda, quando si macina il clinker caldo, la temperatura dell'aria raggiunge i 30 ° e sopra.

I macchinisti dei frantoi, delle materie prime e dei cementifici e dei loro assistenti sono sottoposti a costanti effetti acustici di 94-125 dB con una predominanza di medie e alte frequenze (A.P.Filin). Le malattie della cavità nasale, così come la dermatite, l'erosione, le ulcere cutanee nelle cementerie dell'URSS sono rare. Si notano solo alterazioni ipertrofiche e atrofiche nella mucosa del naso, della faringe e della laringe.

La pneumoconiosi (vedi) tra i lavoratori delle fabbriche che producono cemento Portland e scorie Il cemento Portland si trova con esperienza di 10-20 anni e oltre, procede lentamente, in modo benevolo. Tra i lavoratori impegnati nella produzione di cemento Portland e cemento resistente agli acidi, la pneumoconiosi si sviluppa più spesso, principalmente con un'esperienza di 5-9 anni, e può verificarsi in combinazione con tubercolosi polmonare. La pneumoconiosi si osserva nei lavoratori del mulino e nei laboratori di trasporto e confezionamento e molto meno spesso nei lavoratori nelle officine dei forni.

Per evitare che la polvere possa fuoriuscire nel laboratorio, è necessario un accurato rifugio con le coperture delle apparecchiature di processo e l'aspirazione di aria inquinata da sotto i rifugi. Prima di essere rilasciato nell'atmosfera, l'aria aspirata deve essere sottoposta a pulizia a due stadi nei cicloni in combinazione con filtri a sacco fatti di tessuto resistente al calore o precipitatori elettrostatici. Sostituendo il trasporto meccanico di materiali per spolverare a secco con il trasporto pneumatico, se usato correttamente, elimina completamente il rilascio di polvere dal materiale trasportato.

Nel caso del metodo di produzione di cemento umido, è consigliabile utilizzare cicloni di batteria e precipitatori elettrostatici per pulire i gas provenienti dai forni rotanti. Con il metodo a secco, le camere di precipitazione delle polveri devono essere disposte dietro le fornaci, seguite dal passaggio dei gas attraverso uno scrubber di raffreddamento e un precipitatore elettrostatico a due o tre campi.

La pulizia della polvere depositata sull'attrezzatura, il pavimento e le pareti dei locali del negozio deve essere effettuata utilizzando dispositivi pneumatici.

Per la protezione individuale degli organi respiratori dalla polvere, vengono utilizzati respiratori (vedere), che dovrebbero essere utilizzati quando si eseguono operazioni tecnologiche a breve termine in condizioni polverose.

Per rimuovere il calore in eccesso, viene fornita l'aerazione della costruzione dei forni. Per proteggere da fonti di radiazioni schermi utilizzati, scudi di materiale isolante. Ampie opportunità per migliorare le condizioni di lavoro nella produzione di cemento si aprono in connessione con l'introduzione di meccanismi di controllo remoto e automazione dei processi tecnologici. Ai fini della diagnosi precoce della pneumoconiosi e del trasferimento tempestivo dei malati al lavoro senza contatto con la polvere, gli operai delle officine del forno, del mulino, del trasporto e dell'imballaggio dovrebbero sottoporsi a visite mediche periodiche.