Trattamento della cromomicosi

chromomycosis

La cromomicosi è una micosi profonda. L'agente eziologico, il fungo Hormodendrum pedrosoi, cresce sulle piante. Noduli rossastri appaiono nei luoghi in cui il fungo penetra nella pelle danneggiata (il più delle volte degli arti inferiori), in seguito un'infiltrazione, all'interno della quale possono verificarsi ulcerazioni, accumuli di scaglie corticali, crescite papillomatose di colore grigio sporco. Distribuzione - linfogena, raramente ematogena. Il valore diagnostico è il rilevamento di spore in scale e sezioni di tessuto.

Trattamento: l'introduzione di amfotericina B nella vena e nei foci della cromomicosi, all'interno - ioduro di potassio, vitamina D (come prescritto dal medico).

Il decorso della malattia è lungo, il follow-up è necessario.

Chromomycosis (chromomycosis; dal greco Chroma - colorazione, colore e mykes - fungo; sinonimo di micosi cromoblastoma) - micosi profonda cronica causata da funghi della famiglia Dematiacea, del genere Hormodendrum e Phialophora, Phialophora verrucosa, Fonsecacea, Pedrosoi, fónecace, Ionoho, ifere, ion, ion, ion, ion, ion, fonopace, Phonophora verrucosa; Colpisce principalmente la pelle. Distribuito principalmente nei paesi caldi.

Un'infezione penetra dall'ambiente esterno (albero marcio, foglie); trauma che apre la porta dell'infezione e contribuisce alla diffusione della cromomicosi. L'infezione da una persona malata e animali non è installata.

Foci papillomatose-verrucose (che a volte si trasformano in ulcera papillomatosa), i nodi e le collinette che assomigliano ai lyupomi si formano lentamente da singoli noduli; linfangite, metastasi sono descritte: pelle - cervello, polmoni - cervello, linfonodi - cervello; lesioni in piccole ossa. Vicino all'ormodendrum, il tricofisi del Cladosporium influenza selettivamente il cervello (ascessi, meningoencefalite).

I cambiamenti di Histopathological di chromomycosis si sviluppano come un granuloma infettivo con microabscesses caratteristiche; si osservano anche elementi fagocitici a cellule giganti del fungo circondati da cellule epitelioidi.

Trattamento: i migliori risultati si ottengono con la somministrazione intrafocale di amfotericina B; preparazioni di ioduro e vitamina D2. Con cromomicosi limitata - escissione chirurgica.