Trattamento per la diagnosi del cionione

chorionepithelioma

Il coroionepithelioma è un tumore maligno formato dalle cellule epiteliali del corion dopo o durante la gravidanza nell'utero, occasionalmente nelle tube di Falloppio , nella cervice o nell'ovaio. Di solito, il coroepitelioma si forma nella zona placentare sotto forma di un nodo che cresce nella cavità dell'utero o nello spessore del suo strato muscolare, fino alla copertura peritoneale, occasionalmente all'interno del muro senza coinvolgimento dell'endometrio. Microscopicamente, il coroepitelioma consiste di cellule fortemente atipiche (come Langhans o cellule sinciziali). L'orionapitelioma distrugge i vasi sanguigni , metastatizza presto i polmoni, il cervello, la vagina , il fegato e altri organi.

Il sintomo principale del coroionepithelioma è la comparsa di secrezione sanguinosa, a volte durante la gravidanza, ma, di regola, dopo il suo completamento, direttamente o dopo un certo periodo (occasionalmente molti anni, anche all'inizio della menopausa ). Nella maggior parte dei pazienti, la scarica sanguinosa viene osservata quasi continuamente e viene ripresa dopo il curettage della mucosa della cavità uterina; può verificarsi un sanguinamento abbondante L'utero cresce man mano che il tumore cresce, diventa morbido, irregolare e diventa irregolare con una superficie tuberosa. Ci sono dolori nell'addome inferiore, ci sono scarichi fetali dal tratto genitale, aumento della temperatura corporea , aumento di anemia e cachessia.

La diagnosi si basa sul quadro clinico della malattia, sulla rilevazione della gonadotropina corionica nelle urine, che nel coroionepithelioma è spesso significativamente maggiore rispetto alla gravidanza normale (vedi reazione di Ashgame-Tsondek), ed i risultati di un esame istologico di raschiature dall'utero o nodi tumorali distanti (ad esempio, dalla vagina) . La radiografia rivela metastasi a distanza di coroionepithelioma nei polmoni, nelle ossa, ecc .; l'angiografia (vedi) consente di rilevare un tumore nell'utero e oltre nella cavità della piccola pelvi, determinare la posizione e l'entità.

I pazienti con sospetto di corioepitelioma devono essere inviati urgentemente a un medico.

Trattamento Il metodo principale è la chemioterapia, a volte in combinazione con la chirurgia (estirpazione dell'utero con o senza appendici) e il metodo radiale, a volte solo con la radiazione. I risultati dipendono principalmente dallo stadio della malattia.

Chorionepithelioma (cliorionepithelioma; sinonimo: coriocarcinoma; blastoma deciduochoriocellulare, deciduoma, carcinoma serotinale) - tumore maligno derivante da elementi trofoblastici; La sua solita localizzazione è il corpo dell'utero, a volte le tube di Falloppio, la cervice e, ancor più raramente, le ovaie. Un raro epiteliooma corionico del tipo teratoide, che si sviluppa nelle donne al di fuori degli organi genitali (nei polmoni, nel fegato) e negli uomini (nel testicolo) appartiene a forme speciali.

Il coroionepithelioma è incluso nel gruppo di malattie speciali del trofoblasto, che include anche una deriva vescicale (vedi), endometrite sinciziale e adenoma distruttivo del coro. La frequenza delle malattie trofoblastiche varia da paese a paese. Soprattutto sono comuni in Giappone e nelle Filippine.

Nei paesi europei, il coroionepithelioma, in media, rappresenta circa il 2% di tutti i tumori maligni degli organi genitali femminili.

Il coroionepithelioma si presenta e si manifesta nella maggior parte dei pazienti nel primo anno dopo la gravidanza precedente (ma a volte molti anni dopo). Il coroionepithelioma può iniziare durante la gravidanza, ma le manifestazioni cliniche si verificano più spesso dopo il completamento.

Il coroionepithelioma si verifica prevalentemente (quasi nell'80% dei casi) nella re-incinta.

Nella maggior parte dei casi, l'insorgenza del coroepitelioma dopo la prima gravidanza, quest'ultima è proseguita patologicamente (slittamento della vescica) con frequenti disturbi nel primo periodo.

L'età dei pazienti con coroionepithelioma è fertile (80% a 40 anni), ma a volte significativamente più anziani, oltre 60 anni (con molti anni di menopausa), 20-30 anni dopo l'ultima gravidanza.

Anatomia patologica . Il coroionepithelioma si sviluppa dalle cellule epiteliali del corion, il più delle volte al posto della precedente nidificazione dell'uovo fetale, di solito nella metà superiore del corpo dell'utero o in uno dei suoi angoli e ha l'aspetto di nodi nodosi; la crescita diffusa è meno comune. Inoltre, il corioepitelioma può verificarsi nelle tube di Falloppio, nella vagina, nelle ovaie. I nodi tumorali possono essere singoli e multipli. La loro consistenza è molto morbida, sul taglio sono un tessuto spugnoso di colore rosso scuro, in qualche modo reminiscente di quest'ultimo. In uno studio istologico su coro-spinomaoma, le cellule del tipo Langhans (citotrofoblasto) e le formazioni sinciziali (sinciziotrofoblasto) si distinguono con la predominanza di questi o di altri elementi. Cellule tumorali di Langhans di diverse dimensioni, rotonde o poligonali, con protoplasma leggero e nucleo di bolle (Figura 1). In loro c'è un gran numero di figure di divisione. Le cellule di tipo Langhans formano enormi campi di diversa dimensione e forma, lungo la periferia della quale si trovano elementi sinciziali. I nuclei di questi ultimi sono nettamente ipercromici, di forma irregolare: arrotondati, allungati, a forma di fuso con punte appuntite (Figura 2).

A volte c'è una forte vacuolizzazione del protoplasma, i modelli di fissione sono rari.

Inoltre, ci sono forme di transizione tra le cellule del tipo Langhans e gli elementi sincizi: il loro protoplasma diventa più scuro, i nuclei si allungano, ipercromici. A volte sono di dimensioni gigantesche, bizzarre con brutti nuclei ipercromici. Il tumore non ha stroma e le sue navi. Gli elementi del coroepitelioma, come il trofoblasto, hanno la capacità di corrodere le pareti dei vasi e il tumore cresce nei vasi sanguigni dell'utero; con emorragie e trombosi. L'assemblea tumorale è essenzialmente una massa fibrosemico-emorragica in cui si trovano le cellule tumorali.

Il coroionepithelioma si estende principalmente attraverso i vasi sanguigni (intra ed extravasalmente). Con la crescita intravasale, il tumore distrugge le pareti dei vasi e si infiltra nei tessuti circostanti. Metastatizza il coroionepithelioma nei polmoni, nella vagina, nel cervello, nel fegato e in altri organi. La diagnosi di chorionepithelioma nell'utero distante è abbastanza semplice. La diagnosi del coroepithelioma nella scrapie può essere molto difficile, specialmente quando un tumore origina da una deriva della vescica.

Il coroionepithelioma può essere osservato negli uomini. Nasce in teratoblastoma da elementi indifferenziati, che prendono le caratteristiche del trofoblasto e del sinciziotrofoblasto. La sua struttura istologica è simile a quanto sopra. Metastatizza il coroepitelioma del testicolo ai linfonodi retroperitoneali, ai polmoni, al fegato, ecc. Tuttavia, la questione dell'identità degli epiteliomi corionici femminili e maschili è controversa.

Il coroionepithelioma ectopico si trova nella parete dello stomaco, polmoni, fegato, ovaie, mediastino e altri organi. La sua origine non è chiara. Molto probabilmente è una formazione di teratoidi.

Fig. 1. Chorionepithelioma da cellule del tipo Langhans (X240).
Fig. 2. Chorionepithelioma da cellule tipo Langhans, elementi sinciziali e forme di transizione (X150).