Aritmie del cuore parassitica parossistica tachicardia cuore blocco trattamento di fibrillazione atriale

Aritmie cardiache

Le aritmie cardiache sono disturbi dell'attività cardiaca, espresse in un cambiamento nella frequenza, nella forza o nella sequenza delle contrazioni cardiache. Le aritmie cardiache possono verificarsi con ridotta produzione di impulsi alla contrazione del cuore nel nodo del seno (vedi Cuore ), ridotta conduzione degli impulsi dagli atri ai ventricoli e quando ulteriori focolai di eccitazione compaiono nel muscolo cardiaco, in cui vengono generati impulsi, oltre al nodo del seno. In condizioni normali, gli impulsi vengono prodotti nel nodo del seno a intervalli quasi uguali di 60-80 volte in 1 minuto. Quando l'automatismo dei nodi è disturbato, la velocità di generazione degli impulsi può cambiare: un aumento della frequenza cardiaca è chiamato tachicardia sinusale (vedi), e la contrazione è chiamata bradicardia sinusale. Nelle aritmie sinusali, gli impulsi si verificano a intervalli irregolari. Questa aritmia cardiaca è spesso associata all'atto della respirazione: l'aritmia respiratoria: durante l'inspirazione, l' impulso accelera, mentre in espirazione diminuisce; osservato nei bambini, recupero e causa di lieve eccitabilità del nervo vago. Lei non ha bisogno di cure.

L'extrasistola è un disturbo del ritmo cardiaco associato all'apparizione nel muscolo cardiaco di ulteriori fuochi di eccitazione, i cui impulsi provocano una contrazione prematura del cuore (extrasistole). Poiché dopo la contrazione il muscolo del cuore rimane non eccitabile per qualche tempo (fase refrattaria), il successivo impulso normale dal nodo sinusale non può causare contrazioni del cuore, una lunga pausa (compensatoria) appare fino all'impulso successivo dal nodo del seno. Extrasistole è osservata in molte malattie del cuore e con aumentata eccitabilità nervosa. I pazienti con extrasistole possono sentire l'interruzione del cuore o il suo arresto, seguito da un forte colpo. Qualche volta ci sono parecchie extrasistole in una fila (i battiti prematuri di gruppo); a volte extrasistole segue dopo ogni normale contrazione (bigemina). Le ecografie possono essere facilmente riconosciute quando si studia l'impulso dall'apparizione prematura di un'onda di polso seguita da una lunga pausa o dalla perdita di battiti individuali dell'impulso. L'elettrocardiografia aiuta a chiarire la diagnosi di extrasistole e determinare in quale parte del muscolo cardiaco si trova un ulteriore centro di eccitazione (vedi). Extrasistoli si trovano sia nei pazienti che nelle persone sane (ad esempio, nei bambini nel periodo prepuberale), quindi extrasistoli da soli non indicano la gravità del danno cardiaco. Trattamento: sedativi ( bromo , valeriana ) e agenti che riducono l'eccitabilità del muscolo cardiaco ( chinino 0,1 g 2-3 volte al giorno, chinidina 0,2-0,3 g 3 volte al giorno, quindi in modo profilattico 0 , 1-0,2 g; Novocinamide, 0,5-1,0 g, 3-4 volte al giorno. Vietare fumo, alcol, forte, caffè.

Tachicardia parossistica : improvviso brusco aumento della frequenza cardiaca (fino a 200-240 battiti per 1 min); allo stesso tempo tutti gli impulsi provengono da un ulteriore fuoco di eccitazione. L'attacco dura da alcuni secondi a diversi giorni, si ferma altrettanto improvvisamente. Trattamento: un attacco di tachicardia parossistica può talvolta essere eliminato dalla stimolazione riflessa del nervo vago, per il quale premono sui bulbi oculari o sull'arteria carotide, suggerendo al paziente di sforzare, indurre il vomito. Se queste misure non aiutano, i farmaci sono prescritti da un medico . La digitale viene iniettata per via endovenosa: dilaniside 0,5-1 ml in 20 ml di soluzione di glucosio al 40% (iniettato lentamente), strofantina 0,5-1 ml di soluzione allo 0,05% in 10-20 ml di soluzione di glucosio al 20% (iniettato lentamente), per via intramuscolare o endovenosa 5-10 ml di una soluzione al 10% di novocainamide, per via intramuscolare 10 ml di una soluzione al 25% di magnesio solfato, con cloruro di potassio, piccole dosi di chinino e chinidina 0,2-0,3 g ogni 2-4 ore sotto controllo ECG. In assenza dell'effetto del trattamento farmacologico e con frequenti attacchi di tachicardia parossistica , è indicato il trattamento ospedaliero.

Il blocco cardiaco è un disturbo del ritmo associato a un impulso compromesso dagli atri ai ventricoli (blocco atrio-ventricolare) o lungo il fascio del suo (blocco intraventricolare). Il blocco cardiaco può verificarsi con reumatismi , miocarditi, cardiosclerosi , avvelenamento da digitale, aumento del tono dei nervi vagali. Il blocco atrio-ventricolare può essere parziale e completo. Con il blocco parziale, il tempo che impiega il polso per viaggiare dagli atri ai ventricoli aumenta e gli impulsi individuali potrebbero non raggiungere i ventricoli. Con il blocco completo, tutti gli impulsi dal nodo del seno non raggiungono i ventricoli e causano solo contrazioni atriali. Nei ventricoli, i loro impulsi sono prodotti 20-40 volte al minuto, quindi, tali pazienti hanno un polso raro. Durante l'ascolto del cuore sono determinati toni rari attenuati. Di tanto in tanto si sente un forte tono - "il tono dei cannoni di Strazhesko", dovuto alla contrazione simultanea degli atri e dei ventricoli. Con un impulso molto raro, il paziente può perdere conoscenza (vedere la sindrome di Adams-Stokes-Morgagni ). Il trattamento ha lo scopo di eliminare il processo che ha causato il blocco. Essi prescrivono agenti che migliorano la conduttività e aumentano la frequenza del ritmo cardiaco - prednisone (prescritto da un medico), adrenalina , efedrina , izadrina , atropina in dosi abituali. In alcuni casi, viene utilizzato un pacemaker elettronico artificiale.

La fibrillazione atriale è un disturbo del ritmo in cui gli atri non sono completamente ridotti, ma dalle singole fibre muscolari, gli impulsi ai ventricoli arrivano casualmente e le loro contrazioni si verificano a intervalli irregolari, con una forza disuguale. Osservato in stenosi mitralica, cardiosclerosi, tireotossicosi , miocardite. La fibrillazione atriale può essere permanente o sotto forma di convulsioni (sfarfallio parossistico ). Influisce negativamente sulla circolazione sanguigna , specialmente con un aumento significativo della frequenza cardiaca. Per combatterlo con droghe a ritmo frequente prescritte come la digitale. Il ripristino del ritmo sinusale con fibrillazione atriale costante è talvolta possibile prescrivendo la chinidina. Il metodo di defibrillazione elettrica è più efficace (l'effetto sul cuore è la scarica di una corrente ad alta tensione). Quando lo sfarfallio parossistico suggeriva droghe digitali, procainamide, cloruro di potassio, chinidina.

Aritmie del cuore (aritmia greca - mancanza di ritmo, irregolarità) - disturbi del ritmo cardiaco, che consistono nel modificare la frequenza della sequenza o della forza delle contrazioni cardiache. I cambiamenti nella sequenza di eccitazione o contrazione delle singole parti del cuore sono anche chiamati aritmie cardiache. La classificazione delle varie forme di aritmia cardiaca si basa sulla loro patogenesi, dovuta alla violazione delle funzioni fondamentali del cuore: automatismo, eccitabilità, conduzione e contrattilità.