aracnodattilia

aracnodattilia

L'aracnodattilia è un sintomo di una malattia ereditaria del tessuto connettivo (sindrome di Marfan). Clinicamente, l'aracnodattilia si manifesta con una sproporzione nella crescita del tronco e delle estremità, con lunghe braccia, piedi e dita (Fig.), Occhi ampiamente fissi , profondi sotto le arcate sopracciliari sovrastanti, sclera blu, miopia , arcata alta del palato , debole sviluppo del sistema muscolare, movimenti dilatati nelle articolazioni, lungo, deformato nella parte anteriore dell'imbuto o del torace chigliato. Abbastanza spesso ci sono difetti cardiaci congeniti , anomalie cardiovascolari ( aneurisma aortico ). I bambini malati sono in ritardo nello sviluppo mentale e fisico dei loro coetanei, non sono resistenti alle infezioni, molti muoiono da loro nella prima infanzia.

Non esiste un trattamento specifico per questa malattia. Con deformazioni lorde del torace ( cassa a forma di imbuto) ricorrere alla chirurgia.

pennello e piede con aracnodattilia

Aracnodattilia (aracnodattilia, dal greco aracne - ragno e daktylos - dito, sinonimo: dolichostenomelia, acromacria, sindrome di Marfan) - anomalia dello sviluppo delle estremità, in particolare delle dita. L'eziologia non è chiara. L'aracnodattilia si verifica raramente, principalmente nelle ragazze. Le ossa degli arti, in particolare le mani e i piedi, sono allungate (ricordano i pennelli ei piedi delle scimmie), a volte ristrette; la falange delle dita è allungata e bizzarramente contorta, simile alle zampe del ragno (fig.). Spesso si osservano altre malformazioni: esostosi calcanea, lussazione dell'anca, dislocazione o sublussazione della lente. La crescita dei bambini è per lo più al di sotto della norma; il torace è ristretto e allungato; il cibo è ridotto Lo sviluppo dei bambini è rallentato, a volte si nota inferiorità mentale. I bambini con aracnodattilia di solito non sono resistenti alle infezioni, molti di loro muoiono nei primi anni di varie malattie.