Rimozione (estrazione) dei denti

Estrazione del dente

L'estrazione dei denti è un'operazione per rimuovere i denti.

Indicazioni per la rimozione dei denti: infiammazione all'apice della radice, in particolare dei denti a più radici, che non è suscettibile di trattamento; osteomielite odontogena della mascella (il dente causativo deve essere rimosso); distruzione della corona del dente, se è impossibile usare la radice per protesi ; mobilità dei denti III grado con malattia parodontale ; posizione errata dei terzi molari (denti del giudizio), accompagnata da frequenti processi infiammatori dei tessuti circostanti (pericoronite); denti soprannumerari fuori posto. In alcuni casi, il dente viene rimosso secondo la raccomandazione del dentista ortopedico per la produzione di una protesi completa.

I denti da latte, anche distrutti, dovrebbero essere mantenuti fino all'eruzione del permanente. La rimozione dei denti da latte è indicata solo per processi infiammatori cronici odontogeni ricorrenti, così come se i denti da latte interferiscono con l'eruzione di quelli permanenti.

Le controindicazioni per l'estrazione del dente sono relative. Queste sono malattie del sistema nervoso, ridotta coagulazione del sangue , emofilia. In questi casi, la rimozione dei denti deve essere eseguita in condizioni stazionarie con la preparazione preliminare del paziente per la chirurgia.

Per rimuovere i denti, viene utilizzato un set speciale di strumenti, per ciascun gruppo di denti della mascella superiore e inferiore sono presenti forcipi speciali, elevatori (vedere Strumenti dentali ).

L'operazione di estrazione del dente consiste nei seguenti passaggi: 1) risciacquare la bocca con soluzione di permanganato di potassio e lubrificare le gengive intorno al dente con una soluzione di iodio alcolica all'1-2%; 2) l'anestesia (vedi sotto), l'anestesia succede, di regola, in 15-20 minuti; 3) separazione delle gengive dal collo del dente con un dispositivo levigante; 4) applicare una pinza, spingendo le loro guance ai bordi del foro e fissandole; 5) lussazione del dente lentamente, movimenti oscillatori o rotazionali, a seconda della struttura delle radici; 6) estrazione del dente dal foro (trazione); 7) trattamento della ferita , revisione e raschiatura con un cucchiaio affilato per rimuovere frammenti ossei, tessuto di granulazione.

Prima di rimuovere i denti, è consigliabile effettuare una radiografia per determinare la struttura delle radici, in particolare i denti del giudizio e la supercompleta, la cui rimozione di solito presenta notevoli difficoltà.

I denti da latte vengono rimossi con una pinza speciale, facendo particolare attenzione, senza avanzare in profondità la pinza, in modo da non danneggiare la primordia dei denti permanenti.

Sollievo dal dolore Quando si rimuovono i denti, i metodi intraorali di anestesia per infiltrazione e conduzione vengono solitamente utilizzati con una soluzione all'1-2% di novocaina con l'aggiunta di una goccia di adrenalina (1: 1000) per 2 ml di soluzione. L'anestesia di infiltrazione viene utilizzata sulla mascella superiore per tutti i denti e sulla mascella inferiore per incisivi, canini e premolari. L'ago deve essere inserito con un angolo di 30-40 ° nella membrana mucosa del vestibolo del cavo orale vicino alle parti superiori dei denti, in modo che la smussatura dell'ago sia rivolta verso l'osso; inoltre iniettato novocaina nella mucosa, rispettivamente, dal lato palatino o dal linguale. L'anestesia conduttiva viene utilizzata per interventi estesi sulle mascelle e per rimuovere i denti sulla mascella inferiore (molari).

Nella mascella superiore vengono utilizzati i seguenti tipi di anestesia: 1) L'anestesia tubarica allevia tre molari, la membrana mucosa e le pareti esterne e posteriori del seno mascellare. L'ago è inserito nella piega transizionale del vestibolo della cavità orale sopra il secondo molare superiore, è avanzato medialmente e verso l'alto di 1,5-2 cm lungo l'osso, introducendo continuamente la soluzione per evitare lesioni al plesso venoso palatale-ala; 2) l'anestesia infraorbitale allevia gli incisivi, i canini, i premolari; l'ago viene iniettato nella mucosa della piega transitoria tra il primo e il secondo incisivo; introducendo gradualmente la soluzione di novocaina, avanzare all'ingresso dell'apertura infraorbitale, quindi iniettare nel canale e rilasciare 0,5 ml di soluzione; 3) l'anestesia palatinale allevia i tessuti molli di metà del palato duro a livello del canino; l'ago viene iniettato nella mucosa del palato duro vicino al secondo molare, si insinuano all'ingresso della grande apertura palatale e iniettano 0,5 ml di soluzione di novocaina; 4) l'anestesia incisiva allevia la parte anteriore del palato duro; L'ago viene inserito verticalmente nell'area della papilla incisale e fatto avanzare nel canale incisale.

L'anestesia mandibolare viene utilizzata sulla mascella inferiore, in cui la mucosa, metà del pavimento della bocca, parte della lingua, il processo alveolare e tutti i denti sono anestetizzati nella metà corrispondente. L'ago viene inserito nella parte esterna della piega patergo-mascellare 1 cm sopra la superficie da masticare dei molari inferiori (la siringa si trova attraverso la bocca); a una profondità di 0,7 cm, 0,5 ml di soluzione di novocaina vengono iniettati per spegnere il nervo linguale, e ad una profondità di 2-2,5 cm viene iniettato un altro 2 ml per spegnere il nervo alveolare inferiore; Iniettare inoltre la soluzione nella piega transitoria della mucosa dal vestibolo del cavo orale nella regione del dente da rimuovere.

La ferita dopo la rimozione dei denti nel corso normale viene epitelizzata in 12-14 giorni.

  • Complicazioni durante la rimozione dei denti