La corretta alimentazione è salute

La corretta alimentazione è salute

Pagine: 1 2 3 4 5 6

Molti visitatori sono interessati ai temi dell'alimentazione, il lavoro degli scienziati in questo campo. Un articolo nella nostra rubrica regolare è dedicato a questo argomento.

Ognuno di noi si abitua al suo aspetto e non nota immediatamente i cambiamenti in esso. Se una persona inizia a ingrassare, di solito passa inosservata per un periodo piuttosto lungo da lui o da altri. Più di questo. A una persona piena vengono spesso dati dei complimenti: "Sei bellissima, sei fresca!" E nel frattempo, questa persona "rinfrescata" ha già sviluppato una fase iniziale dell'obesità. C'è stato un tempo in cui il grado di solidità, la situazione sociale è stata determinata dagli abitanti, a seconda delle dimensioni dell'addome. Sfortunatamente, nel nostro tempo c'è una tale opinione. Molti hanno probabilmente sentito l'espressione "ha recuperato", usato nel senso di "è diventato forte". Ma il sovrappeso non indica sempre la salute.

Tutto è buono e utile con moderazione. Questo vale anche per la completezza. Se, insieme all'aumento di peso, una persona ha cambiamenti nell'attività cardiaca, il metabolismo è disturbato e il fegato, i reni e i polmoni sono in qualche misura influenzati, questa è una malattia.

Il consumo alimentare abbondante nei paesi sviluppati è caratterizzato da malattie della ridondanza alimentare, obesità. Se teniamo conto del numero di morti tra le persone con un peso normale superiore a 100, il numero di morti tra gli obesi, secondo i dati delle compagnie assicurative statunitensi, sarà 180 tra quelli di età compresa tra 20-29 anni, 189 tra quelli di età compresa tra 40-49 anni e 134 tra gli individui 50 anni e più.

Le malattie cardiovascolari sono ancora una piaga della salute pubblica nei paesi altamente sviluppati. Gli scienziati spiegano questo, in particolare, una dieta ipercalorica in combinazione con uno stile di vita sedentario, che porta ad un aumento del sovrappeso. Chili di troppo "metti pressione" su tutto il corpo. Compreso il cuore. Creano ulteriori difficoltà nel suo lavoro. Di conseguenza, il cuore si consuma più velocemente. Non è un caso che tra le persone obese ci siano più pazienti con angina e ipertensione.

L'aterosclerosi è una delle più comuni malattie cardiovascolari. Al centro di tutto ciò, come hanno recentemente creduto gli esperti, c'è una violazione del metabolismo del colesterolo. E oggi ci sono ancora parecchi sostenitori di questa ipotesi. Si è riscontrato che maggiore è l'apporto calorico, più spesso si registra il cambiamento nel metabolismo. La ricerca condotta da esperti sovietici ha aiutato a capire le ragioni di ciò. Il fatto è che sia i grassi che il colesterolo nei processi metabolici hanno precursori comuni formati praticamente da tutti i nutrienti. Ecco perché l'eccesso di cibo in generale (e non solo l'abuso di cibi grassi) crea condizioni favorevoli per i disordini metabolici.

È stato anche osservato che l'aterosclerosi è più comune in quei paesi e tra quei gruppi di popolazione che consumano relativamente molti prodotti di origine animale. Ad esempio, in paesi come gli USA, la Finlandia, l'Inghilterra, la Svezia e un numero di altri, la cui popolazione consuma carne, grassi animali e carboidrati relativamente, l'incidenza dell'aterosclerosi è 2-3 volte superiore rispetto, per esempio, al Giappone e all'Italia, la cui popolazione consuma principalmente alimenti vegetali (riso, verdure). Ciò è spiegato dal fatto che i prodotti animali contengono una grande quantità di cosiddetti acidi saturi, che sono molto peggio assorbiti dal corpo e formano composti di colesterolo inattivi. Pertanto, questi prodotti possono contribuire allo sviluppo prematuro dell'aterosclerosi. E viceversa. Gli acidi grassi, che sono contenuti in oli vegetali, sono facilmente assorbiti dall'organismo e inibiscono significativamente lo sviluppo dell'aterosclerosi.