La polmonare cardiaca dispnea causa un trattamento

Mancanza di respiro

Mancanza di respiro - una violazione della frequenza, ritmo o profondità della respirazione, accompagnata, di regola, da una sensazione di mancanza d'aria.

Se la regolazione nervosa della respirazione non è compromessa, la mancanza di respiro ha un significato compensatorio (è mirata a riempire la mancanza di ossigeno ed eliminare l' anidride carbonica in eccesso). La respirazione è un complesso atto riflesso che coinvolge: la corteccia cerebrale, il centro respiratorio, i nervi spinali, i muscoli del torace, il diaframma, i polmoni, il sistema cardiovascolare e il sangue che trasporta i gas. Le manifestazioni cliniche della dispnea dipendono dal legame in cui si è sviluppato il disturbo.

La dispnea del tipo centrale è associata a un disturbo della regolazione corticale della respirazione o a una lesione primaria del centro respiratorio. Con le nevrosi (il più delle volte isteriche), la mancanza di respiro è caratterizzata da una respirazione molto superficiale con una tachipnea acuta (vedi) - a volte fino a 50-70 respiri al minuto. ("Respiro del cane"). Il compito del paramedico è di calmare il paziente, spostare la sua attenzione, cercare di fargli trattenere il respiro, quindi respirare profondamente e lentamente. Allo stesso tempo, somministrano sedativi: tintura di valeriana (1 cucchiaino per 30 g di acqua), Adalin 0,5 g all'interno, iniettare Pipolphene 2 ml di una soluzione al 2,5% per via intramuscolare.

Le lesioni del centro respiratorio, specialmente in caso di avvelenamento da parte di ipnotici o droghe, si manifestano generalmente come depressione respiratoria (diminuzione in profondità e frequenza) e violazione del ritmo (vedere Respirazione). In questi casi, applicare i mezzi per stimolare il centro respiratorio, - Cordiamina 5 ml per via endovenosa, sodio benzoato di caffeina 2 ml di una soluzione al 20% per via sottocutanea o aminofillina 10 ml di una soluzione al 2,4% con 10 ml di soluzione di glucosio al 40% per via endovenosa.

Con una diminuzione del volume respiratorio a causa della ridotta mobilità del diaframma o del torace (meteorismo, cifoscoliosi, dolore toracico, ecc.) O il riempimento della cavità pleurica con il fluido (ad esempio l'idrotorace), la tachipnea si sviluppa rapidamente durante l'esercizio. I segni del processo principale (pancia gonfia, cifoscoliosi, ecc.) Aiutano a diagnosticare. Il trattamento ha lo scopo di eliminare la causa - la puntura della pleura con l'idrotorace, il tubo di ventilazione per il meteorismo, ecc.

La dispnea polmonare può essere associata ad una diminuzione della superficie e ad un allungamento (restrizione) insufficiente del tessuto polmonare, una diminuzione della pervietà bronchiale (ostruzione) o una ridotta diffusione dei gas negli alveoli. Il tipo restrittivo di dispnea (di solito con la pneumosclerosi ) è caratterizzato da difficoltà di respirazione (dispnea inspiratoria) e breve scadenza. Poiché la capacità vitale dei polmoni è ridotta (vedi), i confini dei polmoni sono alti, la profondità dell'inalazione è limitata. Nei polmoni, si sente spesso il respiro affannoso .

L'insufficienza di diffusione dei polmoni, spesso associata a un processo acido-restrittivo (pneumosclerosi), è caratterizzata da una brusca dispnea con tachipnea e da una cianosi "nera" marcata (vedi) della pelle e delle mucose. La dispnea e la cianosi aumentano significativamente con il minimo sforzo. Il trattamento deve essere mirato ad eliminare la causa della mancanza di respiro.

Molto spesso, la dispnea polmonare è associata a compromissione della pervietà bronchiale dovuta allo spasmo dei bronchi, al loro edema o all'ostruzione dell'espettorato. Poiché il grado di ostruzione bronchiale è variabile, la mancanza di respiro è espressa in modo non equo in giorni diversi, a volte scompare completamente, a volte raggiunge il grado di soffocamento. Caratterizzato da espirazione prolungata e difficile (dispnea espiratoria), gonfiore sull'espirazione delle vene del collo (a causa dell'aumentata pressione nella cavità toracica) e segni di enfisema (vedi). La maggior parte dei pazienti con una tale mancanza di respiro, a differenza dei pazienti con dispnea cardiaca, può trovarsi a letto basso; gli arti sono generalmente caldi. In caso di asma bronchiale (vedi), nei polmoni, si sentono fischietti secchi all'espirazione, a volte udibili da lontano.

Trattamento - broncodilatatori: efedrina da 0,025 g, o belladonna per 0,015 g per via orale, o teofedrina 1 / 2-1 compressa per via orale, o euphyllin 1 ml di soluzione al 24% per via intramuscolare (selezione individuale di farmaci e dose); con espettorazione dell'espettorato difficile (vedi).

La dispnea cardiaca si sviluppa a causa di insufficienza cardiaca sinistra, che si manifesta con una piccola gittata cardiaca, o con la congestione del sangue nei polmoni, o una combinazione di entrambi. Con una piccola gittata cardiaca, la nutrizione del cervello è disturbata, quindi la mancanza di respiro corrisponde a dispnea clinica del tipo centrale, ma aumenta con lo sforzo fisico. La stasi del sangue nelle vene polmonari viola lo scambio di gas e le condizioni di ventilazione dei polmoni. In questi casi, la frequenza e la profondità della respirazione aumentano, si verifica l' ortopnea (vedi). Tale mancanza di respiro può verificarsi durante la notte in un sogno (vedi Cardiaco asma ), ma più spesso dopo l'esercizio. La dispnea cardiaca è spesso associata a edema e acrocianosi (vedi), le estremità sono fredde. Nei polmoni si sentono spesso rantoli di gorgogliamento e di medio gorgoglio, con lo sviluppo di edema polmonare e di grandi bolle. A causa della varietà di meccanismi che formano la dispnea cardiaca, il suo trattamento deve essere complesso, compresi i preparati digitali , i diuretici, prescritti da un medico. In casi urgenti, il paramedico dovrebbe dare al paziente una posizione semi-seduta, calmarlo, somministrare sedativi (come con dispnea del tipo centrale), ossigeno; iniettare lentamente 0,5 ml di una soluzione allo 0,05% di strophanthin con 10 ml di una soluzione di glucosio al 40% (se il paziente non ha ricevuto preparazioni digitaliche!) lentamente, somministrare 50 mg di ipotiazide o 40 mg di lasix per via orale.

Dispnea ematogena dovuta all'effetto sul centro respiratorio di sostanze acide durante acidosi o prodotti metabolici (ad esempio insufficienza renale o epatica). L'acidosi causa un aumento significativo della frequenza e della profondità della respirazione (polipnea). Nei casi più gravi (ad esempio, nel coma diabetico), la respirazione diventa rumorosa ("respirazione ampia e rumorosa di Kussmaul"). Trattamento - la lotta contro l'acidosi (vedi Restauro del corpo ).

Spesso nei pazienti con malattie cardiache e polmonari, la patogenesi della dispnea è mista (ad esempio, la dispnea cardiaca può essere complicata da una diminuzione delle escursioni respiratorie a causa di flatulenza, ascite o "panico respiratorio" a causa di ipossia cerebrale, ecc.). Pertanto, il trattamento deve tenere conto dei segni e di quei tipi di dispnea, che in un particolare paziente non stanno conducendo.

Dispnea (dispnea, dal greco, dispnea, difficoltà di respirazione) - una sensazione di difficoltà respiratoria, oggettivamente accompagnata da un cambiamento nella frequenza, profondità e ritmo.

La dispnea di solito ha una natura compensatoria e si pone in relazione alla necessità di mantenere una corretta composizione del sangue nel sangue. In persone praticamente sane, la dispnea può verificarsi durante uno sforzo fisico intenso, quando il metabolismo inossidabile si accumula nel sangue in quantità eccessive e si sviluppa lo stato fisiologico del debito di ossigeno. Questo provoca una sensazione di stanchezza, una sensazione di mancanza d'aria, respiro rapido. In questi casi, la mancanza di respiro diventa un importante meccanismo di protezione fisiologica che impedisce il sovraccarico del corpo. Il ruolo protettivo della dispnea di tale origine diventa chiaro se si considera che la respirazione è regolata dal sistema nervoso centrale. Il centro respiratorio reagisce in modo riflessivo agli impulsi esterocenici e interocettivi costantemente trasmessi e alle influenze umorali, che si manifestano in relazione all'uno o all'altro dei processi metabolici nel corpo.

Spesso i problemi respiratori non sono accompagnati da una sensazione di mancanza d'aria. Tali condizioni possono verificarsi con un rapido aumento dell'altezza, con mancanza di ossigeno durante il lavoro negli apparati di respirazione, avvelenamento da monossido di carbonio, ecc. In questi casi, si osserva una respirazione molto rapida, tuttavia una spiacevole sensazione di mancanza d'aria può essere assente.

La dispnea si manifesta in numerose malattie e, come sintomo clinico, ha un grande significato diagnostico e prognostico. Con alcune gravi malattie, ci sono disturbi respiratori speciali con un cambiamento caratteristico nel suo ritmo - la respirazione di Biota e Cheyne - Stokes. Con la respirazione biotoviaria i movimenti respiratori separati vengono sostituiti da lunghe pause. Per il respiro di Cheyne-Stokes, vi è un cambiamento caratteristico dei periodi di aumento della profondità e della frequenza dei movimenti respiratori con periodi della loro diminuzione graduale fino a una sospensione temporanea della respirazione (apnea), a volte di 10-30 secondi.

A seconda della causa, del meccanismo di sviluppo e delle manifestazioni cliniche, possono essere distinti cardiaci, polmonari, cardiopolmonari, cerebrali ed ematogeni.

Cuore dispnea . Già ad uno stadio iniziale di insufficienza circolatoria, il centro respiratorio è irritato, la ventilazione polmonare aumenta e la mancanza di respiro appare presto a causa dello sforzo fisico e dell'assunzione di cibo. Quando si sviluppa insufficienza cardiaca (stenosi mitralica, cardiosclerosi, ecc.), Si verifica una saturazione insufficiente di ossigeno nel sangue, la pressione parziale di O 2 diminuisce e il contenuto di CO 2 nel sangue aumenta, il volume minuto del sangue diminuisce, si verifica ipossia tissutale. L'indebitamento di ossigeno con insufficienza circolatoria raggiunge un valore notevole solo negli stadi più avanzati della malattia.

I cambiamenti nell'emodinamica e nella chimica del sangue portano a un'irritazione riflessa dei baro e dei chemocettori nelle zone sinocarotidi e aortiche, nella rete polmonare vascolare, nelle vene cave e negli atri. Di conseguenza, si verifica un cambiamento nello stato funzionale del centro respiratorio, si ha mancanza di respiro. La dispnea è più spesso e chiaramente espressa nei pazienti con stenosi mitralica. Ciò è dovuto all'aumento della pressione nel sistema dell'arteria polmonare e al ristagno nella circolazione polmonare.

Dispnea polmonare si verifica con vari disturbi del sistema respiratorio. Grave dispnea e dispnea si sviluppano quando la mucosa delle vie respiratorie è esposta a sostanze gassose irritanti (cloro, ammoniaca, ecc.). In caso di avvelenamento di un tipo chimico di fosgene ad azione lenta, un segno precoce di intossicazione è un aumento progressivo della frequenza respiratoria, una sensazione di mancanza di aria e ansia. Al verificarsi di edema polmonare, si intensificano i fenomeni di disturbo di aumento del ricambio gassoso, respiro corto e cianosi.

La dispnea è comune nella polmonite acuta. La respirazione superficiale e frequente è associata ad una diminuzione del volume del tessuto polmonare funzionante e all'effetto irritante del processo infiammatorio sulle terminazioni afferenti del nervo vago, che provoca una diminuzione della soglia del riflesso respiratorio. La dispnea nella polmonite dipende anche dall'effetto sul centro respiratorio dei prodotti tossici che entrano nel sangue dalla fonte di infiammazione, febbre, ecc.

La dispnea nella pleurite si verifica a causa di cambiamenti nei fattori meccanici e aerodinamici della respirazione esterna. Sono anche importanti i disturbi della componente polmonare del riflesso respiratorio, i cambiamenti nella composizione gassosa del sangue.

Grave dispnea e asfissia nell'embolia polmonare sono accompagnate da una sensazione di paura inconscia, dolore nella regione del cuore con irradiazione appropriata e disturbi circolatori, a volte simulando infarto miocardico. L'inizio improvviso della dispnea grave può essere una diagnosi diagnostica differenziale precoce del blocco della branca dell'arteria polmonare.

La dispnea inspiratoria (difficoltà di respirazione) si verifica quando lo spasmo riflesso della glottide. Il soffocamento che ne deriva è accompagnato da un sentimento di paura; il respiro è rumoroso, i muscoli ausiliari sono coinvolti nella respirazione. Con il gonfiore della glottide di natura tossico-infettiva o allergica, la grave mancanza di respiro si sviluppa rapidamente.

Quando una trachea viene schiacciata da un tumore, la dispnea si sviluppa gradualmente. La causa della dispnea inspiratoria è l'irritazione meccanica dei propriocettori dei polmoni, i muscoli intercostali e il diaframma mediante respirazione forzata. Con la rimozione degli ostacoli (tracheotomia, rimozione del tumore) la mancanza di respiro scompare immediatamente.

La dispnea espiratoria (difficoltà di espirazione) si verifica quando il restringimento del lume dei piccoli bronchi e bronchioli è dovuto a spasmi dei muscoli bronchiali, edema infiammatorio o allergico della mucosa bronchiale. La dispnea espiratoria è di solito osservata nell'asma bronchiale. Durante un attacco, il paziente assume una posizione seduta, appoggiando le mani sul letto, che contribuisce al coinvolgimento dei muscoli ausiliari nell'atto respiratorio. I fenomeni di distensione acuta dei polmoni si sviluppano, il margine inferiore dei polmoni cade e perde mobilità, gli spazi intercostali sono levigati. Quando la percussione è determinata, il suono polmonare con una sfumatura timpanica.

Dispnea cardiopolmonare si verifica in forme gravi di asma bronchiale e enfisema polmonare. I cambiamenti sclerotici nell'arteria polmonare che si verificano in queste malattie portano ad un aumento della pressione nella circolazione polmonare, ipertrofia del cuore destro e alterata emodinamica.

La dispnea cerebrale si verifica a causa dell'irritazione diretta del centro respiratorio. Dispnea di questo tipo può verificarsi con lesioni cerebrali organiche nella regione del centro respiratorio (lesioni alla testa, tumori, lesioni parassitarie del cervello, emorragie e trombosi cerebrale, processi infiammatori ed edema cerebrale). I cambiamenti nella respirazione possono essere molto diversi. Pertanto, gli ascessi cerebrali sono spesso accompagnati da una significativa riduzione della respirazione, con emorragie nel tronco cerebrale, può verificarsi una respirazione periodica (vedere respirazione patologica). La dispnea cerebrale può verificarsi con disturbi funzionali del sistema nervoso. Dispnea con nevrosi respiratoria, l'isteria è caratterizzata da respirazione molto rapida e superficiale.

Nelle malattie infettive, la dispnea è il risultato di un riflesso e di un effetto diretto sul centro respiratorio di prodotti tossici secreti dall'agente causativo della malattia e dalla temperatura elevata.

In condizioni di fame di ossigeno, si verificano varie forme di dispnea. A seconda del grado di ipossia, del tasso di insorgenza e della durata della sua azione, i disturbi respiratori possono essere di natura molto diversa. Con lo sviluppo graduale dell'ipossia, la respirazione profonda e rapida diventa poco profonda e più frequente. In futuro, vi è una riduzione dei movimenti respiratori, compaiono forme periodiche di respirazione (respirazione ondulatoria, Cheyne-Stokes, respirazione di tipo Biota), quindi si possono verificare movimenti respiratori atonali convulsivi, alternando paralisi respiratoria.

Nella patogenesi di queste forme di disturbi respiratori, insieme a disfunzioni dirette del centro respiratorio, un ruolo importante è svolto dall'attività compromessa dei sistemi educativi superiori del cervello.

La mancanza di respiro ematogena si verifica a causa di cambiamenti nel chemismo del sangue. L'ipercapnia e l'acidosi di solito portano ad un significativo aumento e aumento della respirazione, accumulo di prodotti metabolici tossici (coma diabetico, uremia, anemia, ecc.). Nel coma diabetico, si osserva il "grande respiro" di Kussmaul (profondi respiri rumorosi). L'ipossiemia è principalmente caratterizzata da un aumento dei movimenti respiratori. Con ipossiemia significativa, possono comparire forme periodiche di respirazione.

La dispnea ematogena può essere attribuita condizionalmente alla dispnea con intossicazioni esogene (intossicazione da morfina, alcol, sonniferi e droghe, nicotina, ecc.). La forma di mancanza di respiro in caso di avvelenamento è determinata principalmente dalle peculiarità dell'agente tossico e può variare ampiamente.