Chiodi | Trattamento della malattia delle unghie

unghie

Le unghie sono dense placche cornee che coprono la superficie posteriore delle falangi delle unghie. L'area del derma, su cui si trova la lamina ungueale, è chiamata letto ungueale. Dietro e dai lati la placca ungueale è coperta da pieghe della pelle - i cosiddetti rulli unghie. Il bordo anteriore del chiodo viene liberamente in avanti. Il rullo unghia posteriore forma una sottile piastra cornea (pelle delle unghie), che copre la radice dell'unghia - la parte posteriore dell'unghia, che va in profondità sotto il rullo unghie posteriore. L'area dell'epitelio su cui poggia la radice del chiodo è chiamata matrice ed è il sito della crescita dell'unghia, la parte anteriore della matrice brilla attraverso la lamina ungueale sotto forma di una forma semilunare bianca (Fig.). Il tasso di crescita delle unghie dipende dall'età, dalle condizioni generali del corpo, dalla professione e da altri fattori. L'aggiornamento completo delle unghie avviene entro 95-115 giorni. Entro un giorno, l'unghia cresce di 0,1-0,2 mm.

Esistono due gruppi di malattie delle unghie: 1) onyhia: danno alla lamina ungueale, radice del chiodo e del letto ungueale e 2) paronichia : danno alle creste delle unghie.


La sezione della falange dell'unghia del dito: 1 - il bordo dell'unghia; 2 - matrice; 3 - il corpo dell'unghia; 4 - lune; 5 - rullo; 6 - la radice dell'unghia; 7 - osso.

Le malattie delle unghie possono essere congenite e acquisite. Le onychias congenite sono caratterizzate da un ispessimento della lamina ungueale o, al contrario, da un assottigliamento, atrofia di uno o più unghie. Spesso, le unghie assumono una forma brutta, che a volte è combinata con altre anomalie della cheratinizzazione. Il trattamento è inefficace; Si consiglia la rimozione chirurgica delle unghie brutte, potrebbe essere prescritta la vitamina A.

Tra le lesioni acquisite delle unghie, ci sono tre gruppi.
1. Malattie associate a disfunzione di vari organi e sistemi, in particolare, nervosi ed endocrini. Sono caratterizzati dal danno simultaneo di tutti o di molti chiodi a seguito di una violazione del trofismo , l'assenza di infiammazione, un cambiamento nel colore delle unghie, spaccatura longitudinale della lamina ungueale, formazione di tuberosità o concavità simile a piattello, comparsa di macchie biancastre, ecc. Trattamento: rilevamento e trattamento della malattia sottostante.
2. Malattie delle unghie associate all'esposizione a fattori esterni: traumi, ustioni, congelamento, azione di acidi, alcali e altri, più spesso fattori professionali, che di solito provocano il distacco parziale della lamina ungueale e la decolorazione delle unghie, spesso in associazione con paronichia; così come i fattori biologici, tra i quali i più importanti sono gli agenti infettivi - i funghi (vedi Onicomicosi ) ei Peacocci. Quest'ultimo causa l'infiammazione dei rulli ungueali con conseguente distacco della parte prossimale della lamina ungueale. Trattamento: bagni caldi con permanganato di potassio , impacchi caldi, antibiotici.
3. Lesioni delle unghie osservate in varie malattie della pelle: psoriasi , eczema , ecc. Terapia (generale e locale) - in base alla patologia cutanea sottostante.


Fig. 1. Koilonychia. Fig. 2. Platonychia. Fig. 3. Distrofia unguium mediana canaliformis. Fig. 4. Cambiamenti delle unghie trofici. Fig. 5. Il chiodo cambia con epidermolisi bollosa ereditaria. Fig. 6. Unguis incarnatus. Fig. 7. Onycholysis semilunaris. Fig. 8. Fibromatosi unguium. Fig. 9. La dignità dell'unghia alla dattilografa. Fig. 10. Emorragia subunguale. Fig. 11. Unghie cambia con la pitiriasi rubra pilaris Devergie. Fig. 12. Cambiamenti delle unghie con la polikeratosi Touraine.

Fig. 1. Onicogriposi. Fig. 2. Cambiamenti delle unghie con l'acrodermatite Contina Hallopeau. Fig. 3. Psoriasi unguium. Fig. 4. Psoriasi pustolosa. Fig. 5. Psoriasi exsudativa. Fig. 6. Psoriasi unguium (distacco dell'unghia). Fig. 7. Chiodi i cambiamenti con la scabbia norvegica. Fig. 8. Chiodi candidosi. Fig. 9. Epidermophytia unguium. Fig. 10. Trichophytia unguium. Fig. 11. Favus unguium.

Vedi anche unghie incarnite .