detersivi

detersivi

I detersivi sono sostanze sotto forma di polveri, liquidi o paste usati per pulire vestiti, biancheria, pelle dalla contaminazione in condizioni industriali e domestiche. I detersivi sono costituiti principalmente da tensioattivi sintetici, detergenti (vedi) con l'aggiunta di sali di acido fosforico, solfato di sodio, ecc., Nonché sostanze che proteggono la pelle.

Come i saponi (vedi), i detergenti formano una schiuma ricca, sciogliere e rimuovere i contaminanti. Numerosi detergenti sintetici hanno proprietà battericide e deodoranti; sono usati per trattare le mani (vedi) dei chirurghi prima delle operazioni.

I più comuni sono tensioattivi e detergenti sintetici domestici basati su di essi - solfanale NP-1, DS-RAS, Progress, Novost, Astra, ecc., OP-7, OP-10, KAEFE- 14, UFE-8, ecc. È necessario selezionare detergenti tenendo conto delle proprietà fisiche e chimiche dell'inquinante da rimuovere.

Con l'uso prolungato di detergenti, sono possibili irritazione, pelle secca e reazioni allergiche.

I detergenti sintetici, penetrando nei serbatoi, possono causare la comparsa di cattivi odori, sapore dell'acqua. Esistono prove degli effetti avversi di queste sostanze sulla flora e sulla fauna dei corpi idrici e sugli animali a sangue caldo. Pertanto, la concentrazione massima ammissibile di detergenti nei serbatoi d'acqua.

Detergenti - sostanze utilizzate in condizioni industriali per pulire la pelle e gli abiti da lavoro dalla contaminazione da sostanze utilizzate nel processo di produzione (ad esempio, liquido refrigerante, vari prodotti petroliferi, vernici, vernici, ecc.). L'efficacia dei detergenti dipende dalla loro tensione superficiale, dalla schiuma e dalla detergenza. Nell'URSS si producono principalmente anionici (alchil solfati, alchil solfonati e alchilaril solfonati) e sostanze non ioniche. Un rappresentante della classe di alchil solfati è il detersivo in polvere "Novost", preparato sulla base di alcoli grassi solfonati. Un rappresentante della classe di alchilarilsolfonati - contatta Petrova. I principali rappresentanti di detergenti non ionici - OP-7 e OP-10. I detergenti sintetici nella loro forma pura sono usati raramente e servono come materiale di partenza per la preparazione di detergenti, composti da un detergente, additivi attivi (sali di acido fosforico, solfato di sodio, metasilicato di sodio, ecc.) E conservanti della pelle (carbossimetilcellulosa, dermolani - alto peso molecolare composti ciclici contenenti SO 2 , gruppi NH 4 , dalgoni - fosfati condensati).

Oltre a buone proprietà detergenti e detergenti, molti detergenti sintetici hanno una significativa attività biologica e sono caratterizzati da proprietà battericide, fungicide e deodoranti. L'uso prolungato di detergenti sintetici non causa alcuna reazione negativa della pelle. La sensazione di secchezza della pelle si verifica solo in rari casi, in presenza di cambiamenti organici o aumento della sensibilità della pelle. L'irritazione della pelle dipende dalla struttura e dalla lunghezza della catena di idrocarburi dei detergenti. I composti con una lunga catena idrocarburica causano una reazione cutanea molto debole. I composti con una breve catena ramificata hanno un grande effetto irritante. I detersivi non devono contenere additivi irritanti come composti esavalenti di cromo idrosolubili, sali di nichel e persolfati, in particolare il potassio (detersivi per bucato).

I tensioattivi sintetici sono ampiamente usati in medicina (per disidratare la pelle delle mani dei chirurghi prima dell'operazione, distruggendo odori specifici, ecc.) E nei cosmetici. Per una pulizia più completa della pelle e degli indumenti dall'inquinamento industriale, i detergenti devono essere scelti in ogni singolo caso, tenendo conto delle condizioni del loro utilizzo. Pertanto, per la purificazione degli indumenti da lavoro da composti chimici tossici organoclorurati, composti organici del mercurio e isocianati, soluzioni a base di sostanze anioniche con aggiunte di elettroliti alcalini - soda, fosfato trisodico; per monuron, fenilisopropilcarbomato (IFC), clorofenilisopropilcarbomato (CIPA) - sostanze non ioniche OP-7 e OP-Yu con aggiunta di carbossimetilcellulosa.