mammiferi

mammiferi

I mammiferi (Mammalia), o animali, sono la classe degli animali più altamente organizzati del sottotipo vertebrato (Vertebrata). Caratteristiche progressive dell'organizzazione dei mammiferi: sistema nervoso altamente sviluppato, che causa complesse forme di comportamento; nascita e alimentazione di neonati con latte; perfetta termoregolazione, garantendo la costanza della temperatura corporea. La maggior parte dei mammiferi è caratterizzata da attaccatura dei capelli, ghiandole mammarie della pelle, separazione delle cavità toracica e addominale da un setto (diaframma), un sistema dentale differenziato (incisivi, canini e molari) con due cambi dentari (lattiginoso e permanente), un arco sinistro aortico e globuli rossi non nucleari e altri segni. Come gli animali che hanno dominato tutti gli habitat del globo e sono adattati ai diversi modi di movimento, i mammiferi hanno caratteristiche diverse di organizzazione e aspetto. Le forme più comuni di mammiferi sono forme terrestri, ma ci sono anche sottoterra (talpa), acquatico (balena), legnoso (scoiattolo), volante (pipistrello). Anche le dimensioni dei mammiferi variano notevolmente: dal toporagno poco profondo (toporagno) di 2 g e 4,5 cm di lunghezza alla balena che è lunga più di 30 m e pesa fino a 150 tonnellate.

La classe dei mammiferi è divisa in 3 sottoclassi: primarie (con un solo ordine - passaggio unico), animali inferiori (con un solo ordine - marsupiali) e animali superiori, o placentati, rappresentati da 17 ordini moderni che contano circa 3,5 mila specie. Nella fauna dell'URSS sono diffusi rappresentanti di 9 ordini di mammiferi: insettivori, chirotteri, roditori (vedi), lepri, predatori, pinnipedi, cetacei, sterrati e parotidi, che riuniscono circa 300 specie.

Il valore dei mammiferi per gli umani è molto alto. Alcuni mammiferi sono addomesticati (vedi Animali domestici). Tra i mammiferi selvatici ci sono un gran numero di specie che sono ampiamente utilizzate dall'uomo per pellicce, cuoio, carne, ecc. (Vedi Animali commerciali). I mammiferi sono anche ampiamente usati per la medicina. Molte specie di mammiferi sono animali da laboratorio indispensabili (vedi): topi bianchi, ratti, porcellini d'India, criceti, conigli, gatti (vedi), cani (vedi), scimmie (vedi), ecc. Alcuni mammiferi servono per ottenere e sieri profilattici (ad esempio, cavalli). Dalle ghiandole endocrine dei mammiferi ricevono estratti terapeutici, ormoni. Un certo numero di prodotti derivati ​​da mammiferi ha un valore sussidiario in farmacologia (grasso, grasso, spermaceti, ecc.).

Insieme con i benefici dei mammiferi può portare danni significativi. I grandi predatori distruggono gli animali e gli uccelli selvatici domestici e utili. Molti mammiferi sono parassiti di foreste e colture di piante coltivate, riserve alimentari nei magazzini e abitazioni umane. Come fonte di infezione da agenti patogeni pericolosi per l'uomo, sono noti molti mammiferi. I roditori possono diffondere la peste, la tularemia, la leptospirosi, la leishmaniosi cutanea, alcune rickettsie; pipistrelli - rabbia; lepre - tularemia, febbre emorragica di Crimea; predatori - rabbia, trichinosi e altre elmintiasi; parotidone, specialmente S.-H., animali - brucellosi, antrace, leptospirosi, morva, afta epizootica, toxoplasmosi, trichinosi e altri; insettivoro - tularemia. Molte specie di mammiferi sono gli ospiti di massa di vari parassiti - pulci, zecche ixodiche e gamaside.