metastasi

metastasi

La metastasi è una formazione patologica che si verifica a seguito dello sviluppo di un processo patologico in qualsiasi organo a seguito dell'introduzione di un agente patogeno nel flusso sanguigno o linfatico. Il processo stesso di spostare il processo della malattia con lo sviluppo di un nuovo focus (secondario) è stato chiamato metastasi.

Gli agenti patogeni sono cellule tumorali maligne o microrganismi patogeni. Nel primo caso, le metastasi tumorali si sviluppano (vedi Tumori, Cancro , Sarcoma ), nella seconda - infiammazione, la cui natura dipende dalle caratteristiche dell'agente infettivo. Le metastasi infettive sono alla base dello sviluppo della sepsi (vedi), delle lesioni delle ossa, delle articolazioni e di altri organi nella tubercolosi polmonare, ecc. Nella formazione delle metastasi, un'embolia gioca un ruolo significativo (vedi) - la deriva dell'agente patogeno verso il sito lontano dal fuoco primario. Tuttavia, l'embolia non pregiudica sempre lo sviluppo delle metastasi, dal momento che le proprietà reattive dei tessuti in cui gioca l'embol del patogeno sono di grande importanza. La metastasi tumorale è un indicatore della malignità del processo.

In relazione all'obiettivo principale, che è la fonte delle metastasi, distinguere le metastasi più vicine (regionali) e distanti. Le metastasi più vicine si trovano nei linfonodi, che ricevono linfa dalla regione del fuoco primario. Le metastasi a distanza si sviluppano in modo ematogeno, sebbene non sia escluso il percorso linfogeno. La metastasi può a sua volta essere una fonte di metastasi con la formazione delle cosiddette metastasi figlie.

La metastasi (dal greco Metastasi - movimento) è una formazione patologica che si è manifestata nell'organo o nei tessuti portando l'origine patogenica dalla fonte più vicina o remota dello stesso processo. I microrganismi patogeni (metastasi infettive) e le cellule tumorali (metastasi tumorali) possono essere un principio patogeno. Il termine "metastasi" viene talvolta usato (senza una giusta causa) per caratterizzare l'importazione di qualsiasi massa inerte in aree remote del corpo. Tali, ad esempio, sono metastasi di pigmento di carbone da un nidus di antracosi e metastasi di calce da un nidus calcificante.

La metastasi si ottiene con l'introduzione di un inizio patogenico mediante flusso sanguigno (metastasi ematogene) o linfatica (metastasi linfogene). Ci sono anche metastasi di impianto, che sono essenzialmente trapianti diretti dalla lesione sulla superficie sana del corpo in contatto con esso.

Il processo di metastasi può essere schematicamente suddiviso in 3 fasi: 1) la penetrazione di agenti patogeni nel sangue o nel letto linfatico; 2) trasferirli con il flusso sanguigno o linfatico nella direzione del loro movimento (raramente contro il movimento, con le cosiddette metastasi retrograde) e trasportati agli organi più vicini o distanti (fase embolica delle metastasi); 3) sviluppo del corrispondente processo patologico nell'area dell'embolo. Come mostrano numerose osservazioni, lo sviluppo delle metastasi è determinato proprio dall'ultima fase e dipende dalle proprietà dell'ambiente in cui sono inclusi gli elementi patogeni.