Utero (utero)

utero

L'utero (utero) è un organo cavo liscio-muscolare della forma a pera, situato nella cavità pelvica di una donna. Durante la gravidanza (vedi) l'utero è un feto.

utero
Fig. 1. Sezione sagittale dell'utero della donna che ha dato alla luce: 1 - in basso; 2 - cavità; 3 - corpo; 4 - parte sopravaginale; 5 - istmo; b - la parte centrale; 7 - la parte vaginale.
Fig. 2. I legamenti che fissano l'utero nella pelvi: 1 - il legamento sacro-uterino; 2 - legamento cardinale; 3 - legamento pubico-legamentoso e legamento cistico-uterino; 4 - vescica; 5 - cervice; 6 - il retto .

L'utero (Figura 1) è costituito dal corpo (corpo), dalla cervice (cervice) e dall'istmo (istmo). La cavità dell'utero sulla sezione frontale ha la forma di un triangolo, negli angoli superiori dei quali si apre la bocca delle tube di Falloppio , nella parte inferiore - l'apertura interna del canale cervicale. Il muro dell'utero è costituito da tre strati: la membrana mucosa (endometrio), lo strato muscolare (miometrio) e l'involucro sieroso (peritoneale) ( perimetria ).

La membrana mucosa dell'utero è rivestita da un epitelio cilindrico. L'endometrio consiste di due strati: lo strato superficiale (funzionale), che cambia in diverse fasi del ciclo mestruale e profondo (basale, non sottoposto a cambiamenti significativi.Nella membrana mucosa densa ci sono numerose ghiandole, la cui forma e funzione cambiano a seconda delle fasi del ciclo mestruale: nella fase di proliferazione, hanno una forma tubolare, nella fase della secrezione le ghiandole diventano contorte e secernono un segreto (vedi ciclo mestruale ).

Lo strato muscolare è lo strato più potente dell'utero. Consiste nell'intreccio di fibre muscolari lisce che formano curve a spirale, poste obliquamente all'asse dell'utero.

La copertura sierosa (peritoneale) dall'utero passa alla vescica e alla parte superiore del retto. Tra la vescica e l'utero, il peritoneo forma una cavità vescico-uterina, e tra l'utero e il retto, una cavità utero-rettale.

Nella cervice, la parte vaginale sporge nel lume della vagina ed è quindi disponibile per l'ispezione con l'aiuto di specchi, e la parte sopragagica situata sopra e inaccessibile all'esame diretto. La parte vaginale della cervice è ricoperta da un epitelio squamoso stratificato di colore rosa biancastro. La faringe uterina esterna nella donna non nata ha una forma arrotondata. Quando partorisce a causa di lacrime laterali della cervice, la faringe esterna ha la forma di una fessura trasversale. Questa funzione è molto coerente e viene utilizzata nella pratica forense. Il canale cervicale ha una forma del fuso, la sua superficie interna è rivestita da una membrana mucosa con numerose pieghe. La membrana mucosa è coperta da cellule di un epitelio cilindrico. Il confine tra l'epitelio cilindrico del canale cervicale e l'epitelio multistrato della parte vaginale della cervice si trova nell'area della faringe uterina esterna all'inizio del canale cervicale e quindi non è visibile nello studio delle donne con specchi. Nelle malattie infiammatorie ( gonorrea , infezione settica), nelle lesioni traumatiche della cervice e anche a causa di disturbi ormonali, può verificarsi la cosiddetta erosione cervicale , in cui un epitelio squamoso multistrato viene sostituito con un epitelio cilindrico.

La mucosa del canale cervicale produce secrezione mucosa di una reazione alcalina, che ha pronunciate proprietà battericide, che impedisce la penetrazione di agenti infettivi dalla vagina nell'utero. La reazione alcalina del segreto ha un certo valore nel processo di fecondazione, perché contribuisce all'attivazione dei movimenti degli spermatozoi .

Tra il corpo e la cervice è l'istmo. Durante la gravidanza, l'istmo, insieme a una parte della parte inferiore dell'utero, forma il segmento uterino inferiore, che fa parte del contenitore fruttifero. La lunghezza dell'intero utero al di fuori della gravidanza è di circa 8 cm, 2/3 della lunghezza cadono sul corpo dell'utero e 1/3 sul collo. La lunghezza dell'istmo è di 0,5-1 cm. Quando l'utero è sottosviluppato (infantilismo), la lunghezza della cervice può avvicinarsi alla lunghezza del corpo dell'utero e persino superarla.

L'utero si trova nella pelvi e non sporge oltre il piano dell'ingresso del bacino e la porzione vaginale della cervice si trova all'altezza delle spine sciatiche. L'utero è inclinato anteriormente, il suo fondo è diretto al cuore. Tra il corpo e la cervice, un angolo di 70-100 ° si forma, aperto in avanti (posizione anteversio-flexio). Tale posizione fisiologica dell'utero è dovuta alla presenza dei legamenti e dei muscoli del pavimento pelvico (Fig. 2). Dall'utero parecchi anteriormente e più in basso del luogo di scarico dei tubi, legamenti rotondi che entrano nelle aperture interne dei canali inguinali. I legamenti rotondi dell'utero sono tenuti in posizione inclinata anteriormente. I legamenti cardinali incastrati nella base degli ampi legamenti, i legamenti sacro-uterini (tra l'istmo dell'utero e il sacro), i legamenti utero-cistici (tra l'istmo dell'utero e la vescica) ei muscoli del pavimento pelvico (principalmente il muscolo che solleva l'ano) impediscono la caduta dell'utero.

L'utero ha una certa mobilità, si sposta durante il riempimento della vescica e del retto. Vari cambiamenti nella posizione dell'utero si osservano nelle malattie degli organi genitali ( parametrite , perimetrite, mioma uterino), rotture perineali , ecc.

L'apporto di sangue all'utero viene effettuato attraverso le arterie ovariche e uterine accoppiate. Le arterie ovariche provengono dall'aorta addominale o dall'arteria renale. Le arterie uterine - rami dell'arteria ipogastrica - entrano nell'utero a livello dell'istmo. Le arterie sono accompagnate da vene accoppiate. La linfa dell'utero drena principalmente nei linfonodi pelvici. Il sistema nervoso simpatico, parasimpatico e i nervi spinali sono coinvolti nell'innervazione dell'utero. Tra le malattie dell'utero, le malattie infiammatorie (postpartum, post-aborto, gonorrheal metroendometrite ), i cambiamenti precancerosi della cervice (vedi Cervicite ) e l'endometrio, i tumori benigni e maligni (fibromi, polipi , cancro ) sono più comuni.

  • Tumori uterini benigni
  • Tumori maligni dell'utero