Mammografia mammaria

mammografia

La mammografia è una radiografia del seno senza l'uso di agenti di contrasto . Nonostante l'emergere di metodi a raggi X contrastanti (ductography - esaminando i dotti della ghiandola e pneumo-mammografia - contrastando la ghiandola con gas o aria), così come gli studi di radioisotopi della ghiandola mammaria, la mammografia rimane ancora un metodo diagnostico molto efficace, soprattutto nel riconoscere il cancro e altri tumori della mammella.

mammografia del cancro al seno Fig. 1. Mammogrammi: a sinistra c'è una radiografia e un moderno mammogramma digitale (in entrambi i casi, la ghiandola mammaria è normale) sul tumore al seno destro

La mammografia ha una serie di vantaggi significativi rispetto ad altri metodi di ricerca: 1) può essere eseguita in qualsiasi sala radiografica e non vi sono praticamente controindicazioni; 2) la tecnica mammografica è relativamente semplice, non gravosa per il paziente e può essere eseguita in condizioni policliniche; 3) il carico di radiazioni sul paziente, con il metodo e la tecnica di ricerca corretti, è relativamente piccolo, raggiungendo 0,3 r sulla superficie della pelle in un colpo, che con 4 radiografie, solitamente sufficienti per giudicare la natura dei cambiamenti patologici, non supera 1,2 p.

radiografia del seno
Fig. 2. Posa quando radiografia delle ghiandole mammarie:
1 - proiezione diretta; Proiezioni a 2 e 3 lati (principali e aggiuntivi).

Per una mammografia di revisione in proiezione diretta, il paziente è seduto a un piccolo schermo a raggi X oa un tavolo. Allo stesso tempo, è necessario proteggere attentamente l'addome e la zona della coscia con gomma di piombo sotto indagine. Quindi la ghiandola mammaria viene posizionata su una cassetta di 13X 18 cm e con un ferro massiccio - 18X24 cm, che cerca di regolare l'altezza del sedile per adattarsi perfettamente alla ghiandola mammaria alla cassetta. La testa del paziente deve essere rivolta nella direzione opposta alla ghiandola studiata e la spalla deve essere abbassata e retratta. Il raggio centrale deve passare attraverso il centro del seno perpendicolare alla cassetta (figura 2.1). Fotografie prodotte con il respiro del test. La scelta delle condizioni tecniche dell'immagine dipende dalle dimensioni della ghiandola mammaria, dalla qualità del film e dagli schermi di rinforzo e dal tipo di apparato radiogeno . Di solito, le immagini vengono prese a una tensione relativamente bassa sul tubo a raggi X (25-40 kV), distanza focale della pelle da 35 a 100 cm, resistenza corrente dell'anodo da 60 a 200 ma ed esposizioni da decimi di secondo a immagini con schermi intensificanti fino a 3 secondi. con un film non schermato. Poiché le immagini su un film non schermato richiedono un aumento significativo dell'esposizione, non dovrebbero essere utilizzate senza indicazioni particolari.

La mammografia nella proiezione laterale viene eseguita con la posizione orizzontale del soggetto (Fig. 2, 2 e 3), fornendo un'attenta protezione del suo corpo contro i raggi X dispersi. A volte, come diretto da un radiologo, al fine di migliorare la qualità dell'immagine, viene utilizzata la mammografia con una generale o locale autocompressione della ghiandola mammaria, così come la mammografia con un capezzolo disegnato. In tutti questi casi usa l'aiuto investigato. Per l'auto-compressione generale, è necessario avere una piastra di cartone o di alluminio, che la ricercatrice stessa preme contro la ghiandola mammaria.

Vedi anche raggi X.