Micetoma del piede di Madur

Piede Madur

Il piede di Madur è una malattia fungina cronica del piede. È osservato nei residenti dei paesi subtropicali e tropicali, rari nell'URSS. È caratterizzato da una grave distruzione di tutti i tessuti del piede. Il trattamento conservativo è inefficace. Potrebbe essere necessaria l'amputazione.

Vedi anche micosi.

Il piede di Madur (sinonimo: micetoma, maduromicosi) è una malattia cronica del piede, meno frequente - altre zone del corpo, causate da actinomiceti, muffe e altri funghi. Il piede di Madur è osservato principalmente nei residenti rurali dei paesi tropicali e subtropicali. Alcuni casi della malattia sono descritti nei paesi dell'Europa occidentale, così come nell'URSS.

Etiologicamente, la maduromicosi è divisa in due gruppi: 1) vicino all'actinomicosi, causata da actinomiceti (Actinomyces somaliensis, Act. Mycetomae, ecc.) E 2) il micetoma, causato da funghi della muffa (Penicillium micetomagenum, Penicillium linki, ecc.). Ci sono fino a 50 diversi funghi isolati durante il piede del Madurian.

L'epidemiologia e la patogenesi del piede del Maduriano non sono completamente chiarite. La trasmissione da persona a persona non è osservata. L'infezione si verifica, a quanto pare, in caso di danni ai piedi scalzi da spine di piante spinose.

Il corso e i sintomi. Il periodo di incubazione varia da 10 giorni a molti
anni. I nodi densi aumentano gradualmente di numero, la pelle sopra di loro assume una sfumatura rosso-viola e marrone. I nodi si ammorbidiscono e si aprono verso l'esterno con passaggi fistolosi (Fig. 1). C'è pus contenente grani bianchi o gialli (plesso di micelio, elementi cellulari, detriti). Il processo coinvolge l'aponeurosi, i muscoli, i tendini e spesso le ossa. Il piede aumenta e si deforma. I linfonodi non sono di solito affetti. Varianti del piede di Madur - paramicetoma, in cui si trovano raramente grani, e miceti falsi con crescite simili all'epitelio e assenza di grani nella scarica. L'esame istologico determina un'infiammazione puramente produttiva intorno ai plessi densi del micelio del fungo, infiltrati dalle cellule epitelioidi giganti, dai leucociti e dal Toro di Russell; endo- e periarterite, endoflebitite.

La diagnosi del piede di Madur è fatta sulla base di dati clinici e radiologici (vedi sotto), i risultati del fungo e la formulazione del legame del complemento con i corrispondenti antigeni fungini. Un lungo percorso porta alla cachessia.

L'immagine a raggi X del piede di Madur è estremamente caratteristica. Si riscontra un profondo coinvolgimento delle ossa del piede nel processo patologico con una forte predominanza dei fenomeni di distruzione rispetto ai cambiamenti reattivi secondari. Tutte le ossa del piede (principalmente la diafisi delle ossa metatarsali mediane) sono perforate da focolai distruttivi simili a pennelli da 3 a 10 mm di diametro, che prima nella forma di erosioni marginali influenzano la corteccia e quindi completamente afferrano le strutture spugnose. Solo le falangi e di solito le estremità distali di tutte o parte delle ossa metatarsali rimangono normali. In casi tipici, le ossa vengono mangiate dentro e fuori, estremamente sottili, diastasi tra le superfici articolari. Allo stesso tempo, gli elementi ossei del piede non perdono generalmente le loro normali relazioni, cioè il piede mantiene le sue proprietà muscolo-scheletriche.

L'osteosclerosi e le reazioni periostali significative sono rare; il sequestro non è segnato È visibile una leggera osteoporosi delle parti distali dello scheletro del piede (Fig. 2). Il processo patologico si diffonde diffusamente allo scheletro spostando i nodi in molti punti direttamente dai tessuti molli allo scheletro osseo del piede.

Il trattamento con iodio, raggi X, preparati a base di oro è inefficace. Vi sono prove di un effetto positivo di solfone (DDS), tetraciclina e terramicina. Vedi anche Actinomicosi, micosi.

Fig. 1. Piede Madur (la durata della malattia è di 10 anni).
Fig. 2. Osteoporosi delle ossa del piede.